Schiavi del Capitale. Secondo trailer del thriller di Costa-Gavras

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

 

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

Dopo il primo teaser, ecco il trailer definitivo di Capital (o Le Capital) in uscita in Francia il 14 novembre 2012, diretto da Constantin Costa-Gavras e tratto dal romanzo satirico di Stéphane Osmont (pseudonimo di un ex-militante della sinistra giovanile francese, poi direttore degli investimenti della Havas, colosso mondiale nel campo della comunicazione).

Gad Elmaleh e Gabriel Byrne con il regista Costa-Gavras sul set di LE CAPITAL"Continuiamo a prendere ai poveri per dare ai ricchi" è la tagline, ispirata a una frase che è realmente circolata nel contesto dell'alta finanza, un universo popolato da paradossi e mostruosità eppure completamente realistico: il mondo nel quale il libro e il film si ambientano.

--------------------------------------------------------------------
I NUOVI CORSI ONLINE LIVE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

Definito "un viaggio negli inferi del capitalismo occidentale", il film, già presentato a Toronto e San Sebastián, oltre che in apertura del piccolo Cinemed, Festival del film mediterraneo di Montpellier, si presenta come un ritratto teso e adrenalinico, firmato da un regista da sempre impegnato, su tematiche mai così attuali e urgenti.

--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------
 

"Siamo schiavi del Capitale. Quando traballa, noi traballiamo. Lo celebriamo quando cresce e trionfa. Chi ci libererà? Riusciremo a liberarci? Dovremmo almeno sapere chi lo serve, e come". Ma Costa-Gavras non è un ribelle dell'ultim'ora e ha affrontato la questione tenendo i piedi per terra, seguendo il filo del romanzo, che pur pubblicato nel 2006, anticipava certe rappresentazioni grottesche che compaiono anche in Cosmopolis di Cronenberg. Forse, del Capitale, non si può parlare che così, raccontando gli uomini che muovono questa entità inafferrabile, la loro mostruosa normalità.
 

"L'aspetto più difficile è stata convincere i finanziatori che il film sarebbe stato accurato e realistico, proprio perché le persone potessero pensare che è un' esagerazione. Non può esserci solo bianco o nero. Il denaro viene dalle banche e va alle banche; le banche sono necessarie e agiscono legalmente. Ma questo a volte è molto negativo per la democrazia. Questo è il tema del film" spiega il regista, in una recente intervista.
 

Céline Sallette e Gad Elmaleh in LE CAPITALLe Capital segue l'ascesa e la deriva del protagonista Marc Tourneil, interpretato da Gad Elmaleh – molti hanno notato la sua somiglianza, per la verità un po' tirata per i capelli, con il repubblicano Rick Santorum – comico e attore particolarmente noto in Francia, "cavaliere dell'arte"  per il ministro della cultura e conosciuto anche per la sua relazione con Charlotte Casiraghi. Lo vedremo ne L'écume des jours.

Tourneil è un gelido dirigente senza scrupoli, ossessionato dal potere, pronto a succedere a un anziano CEO e a dirigere Phénix, la maggiore banca europea. Malgrado il suo cinismo sia alle stelle, si imbatterà in qualcuno ancora più cinico e inflessibile di lui.

Ad affiancarlo, un buon cast composto da Céline Sallette (Un été brûlant, De rouille et d'os) Natacha Régnier (La vita sognata degli angeli, Les amants criminels, 38 témoins) Gabriel Byrne (In Treatment, I, Anna) Bernard Lecoq (Cachè) Liya Kebede (In the Woods) e Hyppolite Girardot (Vous n'avez encore rien vu, À coeur ouvert).
 

Canal+ ha pubblicato un video con interviste e riprese dietro le quinte di Le Capital. In un altro video, un'intervista a Gad Elmaleh e Costa-Gavras. Nella nostra gallery, tutte le foto.