BERLINALE 63 – Incontro con Rob Epstein, Jeffrey Friedman e i protagonisti di "Lovelace"

lovelaceÈ stato presentato nella sezione Panorama l'atteso Lovelace, biopic sulla mitica protagonista di Gola profonda, interpretata da Amanda Seyfried, dopo che la parte era stata offerta anche a Kate Hudson. Diretto da Rob Epstein e Jeffrey Friedman, il film, non del tutto risolto, prova a immergersi nei colori degli anni '70 e nei buchi neri dell'industria del porno, soffermandosi sul rapporto turbolento tra la Lovelace e il suo compagno Chuck Traynor. All'incontro con la stampa, oltre ai due registi, sono intervenuti gli interpreti Amanda Seyfreid, Peter Saarsgard, James Franco.

 

---------------------------------------------------------------------
SCUOLA DI CINEMA: OFFERTA PER I LAUREATI DAMS e altri per la SPECIALIZZAZIONE

---------------------------------------------------------------------

La prima domanda è per James Franco. Lei sarà presente qui con altri film , altre produzioni indipendenti?

Jame Franco. Diciamo che mi piace saltare da una cosa all'altra. Alle produzioni più grandi e commerciali, mi piace affiancare il lavoro per film indipendenti, esperimenti, esplorazioni. Credo che sia questo l'aspetto più eccitante del mio lavoro.

--------------------------------------------------------------------
I CORSI DI CINEMA AUTUNNALI SCUOLA SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

 

E cosa l'affascina di quel periodo degli anni '70, che ha già affrontato in SAL?

James Fraco. Sicuramente mi interessa molto. Mi piace la musica di quel periodo, gli artisti, il cinema, il clima culturale.

 

Amanda Seyfried, lei invece come si è preparata al suo personaggio? Ha avuto problemi a esporre il proprio corpo? Sicuramente è stata una grande avventura per me interpretare un ruolo così intenso e controverso. Grazie a Rob e a Jeffrey, ho potuto consultare una grande quantità di materiale, informazioni, foto, su Linda Lovelace, quel mondo e quel periodo. Ho visto Deep Throat, certo, e devo dire che è stata una visione piuttosto interessante. Poi naturalmente, ho cercato di rendere la profonda fragilità del suo personaggio. Non ho avuto problemi con il corpo. Sapevo di dovere interpretare il ruolo di una pornostar ed ero preparata alla cosa.

 

Alla fine, sembra che questo sia soprattutto un film sulla famiglia…

Jeffrey Friedman. Questo è senza dubbio un film sulla famiglia. Ma soprattutto è un film su una donna che tenta di riacquistare la propria indipendenza, riscoprire la libertà del proprio corpo.

Rob Epstein. Abbaimo cercato di parlare di rapporto umani. Sicuramente la cosa più interessante e difficile è stata raccontare la relazione tra Linda e Chuck. Non volevamo esprimere alcun giudizio morale sui personaggi, condannare o far emergere il disgusto per alcuni aspetti. In questo senso, il lavoro di Peter Saarsgard sul suo personaggio è stato straordinario, perché è riuscito a comprendere alla perfezione quanto il lato oscuro di Chuck derivasse, più di tutto, da un grande senso d'insicurezza.

 

Proprio a tal proposito, Saarsgard, come si è preparato a un personaggio così difficile, violento?

Bé, devo dire che non ho perso molto tempo a conoscere chi fosse davvero Chuck. Sicuramente era un ruolo il cui approccio incontra una grande resistenza. E difficile dire quale sia stato il mio approccio. Di sicuro ho dovuto fare appello a quella parte oscura che c'è in ognuno di noi, tremenda, ma al tempo stesso affascinante.

 

Come vi siete rapportati a quest'industria del porno?

Jeffrey Friedman. La cosa interessante di Deep Throat è il fatto che si è trattata di un'esperienza pubblica, che ha trasformato l'immaginario del periodo, ha costituito senza dubbio una svolta rispetto alla clandestinità precedente del porno. Abbiamo cercato di raccontare quel mondo particolare e quel periodo di trasformazione, la liberazione sessuale, la ricerca dell'indipendenza. Ma non posso certo dire che il nostro interesse principale fosse quello di fare un film "femminista". Quello che ci interessava era raccontare l'evoluzione di una donna che riconquista la propria voce.