Boris 3

BORIS 3 al Palladium a RomaTranquillizziamo chi  per caso fosse passato davanti il Teatro Palladium a Roma la sera di giovedì 25 e si fosse spaventato per la folla da stadio che aspettava in strada. Nessuna paura, era solo l’anteprima di Boris 3. Non c’erano, come un tempo, concerti punk-rock al Palladium, ma la nuova serie in onda da oggi 1 marzo sul canale FOX. Eh si, perché nulla di tutto ciò era prevedibile. La celebrazione di un rito, si sa, porta sempre ad eccessi ma Boris è qualcosa di diverso.  Migliaia di ragazzi assiepati  fin dalle 19 per aspettare l’apertura del teatro e il cast al completo della serie tv diventata ormai già ‘cult’ e scaricatissima dalla rete. Cartelli inneggianti a Itala, la segretaria di produzione, o alle battute folgoranti ‘F4 basito’ della squadra di sceneggiatori degli ‘Occhi del cuore’. Boris è riuscita ad impressionare l’immaginario di tanti giovani, inventando tormentoni e personaggi indimenticabili, ironizzando sul proprio mondo mettendone in mostra tutti i vizi e tic, esagerazioni e bassezze. Ironia acuta e spavalderia molto romana. Il set come specchio di un paese alle prese con attori (‘cani’ come direbbe Ferretti) raccomandati, direttori di rete tiranni, veti politici e esuberanti egoismi da prime donne. Il tutto miscelato con una scrittura davvero performante che non lesina agganci con la contemporaneità e stralci di grande comicità.  Insomma un’anteprima che ha stupito per partecipazione e per l’emozione del gruppo  di attori al completo insieme agli sceneggiatori Giacomo Ciarrapico, Mattia Torre e Luca Vendruscolo (a loro volta divertiti nel rivedere gli episodi) e al nuovo regista Davide Marengo (Notturno Bus, Craj – Domani, Il commissario Manara). A introdurre il breve incontro ci hanno pensato Steve Della Casa (Direttore Artistico RomaFictionFest), Fabrizio Accatino (Vicedirettore Artistico RomaFictionFest) e Massimo Bernardini (conduttore di Tv Talk e membro del CdA della Fondazione Rossellini).

Le novità 

--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------
Per chi l’avesse dimenticato la seconda serie di Boris chiudeva con il progetto di una nuova serie in costume:BORIS 3 al Palladium a Roma "Machiavelli". Una serie televisiva  ambiziosa per il regista René Ferretti (un Francesco Pannofino sempre più in forma)  e il suo team. Ora però la Rete gli propone di cambiare registro: basta con la pessima qualità delle serie televisive dove ogni ciak è buono e la fotografia è “smammellata”. Ferretti, dopo aver ceduto alle lusinghe della concorrenza milanese per un pilot di una serie comica “troppo frizzante”, a metà tra le volgarità del Drive In e la bassa rivista del Bagaglino, torna di corsa a Roma dopo aver ricevuto una telefonata da Lopez (Antonio Catania)  pronto a offrirgli un nuovo grande progetto, “Medical Dimension”.  Nei primi tre episodi, visti in anteprima, anche la partecipazione di Filippo Timi, nelle vesti di consulente scientifico della serie. E l’arrivo sul set di una nuova attrice esordiente, Fabiana (Angelica Leo), con una parentela davvero ‘importante’. Ritroveremo i personaggi delle prime due stagioni con il proprio carico di nevrosi e umorismo politicamente scorretto: Stanis, il divo (Pietro Sermonti), Alessandro/Seppia (Alessandro Tiberi), Arianna (Caterina Guzzanti), Duccio (Ninni Bruschetta), Biascica (Paolo Calabresi), Lopez (Antonio Catania), Sergio (Alberto Di Stasio), Lorenzo (Carlo de Ruggeri), Alfredo (Luca Amorosino) e il dottor Cane (Arnaldo Ninchi), oltre a nuovi personaggi come Valerio, l’attore maledetto del cinema italiano interpretato da Marco Giallini. Insieme a loro sbarcheranno sul set di "Medial Dimension": Laura Morante, Massimiliano Bruno, Paolo Sorrentino, a riconferma del grande apprezzamento per la serie anche da parte di tutto il mondo dello spettacolo.

--------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21st!

-----------------------------------------------------