Box Office USA 29 aprile 2014

Il mercato americano aspetta il kick-off dei grandi blockbuster estivi e ormai The Amazing Spider-Man 2 è ai nastri di partenza. L'ultimo week-end è stato interlocutorio e il primato è stato conquistato da The Other Woman con quasi venticinque milioni di dollari. La commedia di Nick Cassavetes ha messo fine alla lunga egemonia di The Winter Soldier: il nuovo marvel-movie ha abbandonato la vetta dopo tre settimane ed un bottino interno complessivo che ormai punta verso i duecentocinquanta milioni. Il supersoldato di Stan Lee è stato il film di questa pre-stagione e le sue nuove avventure possono ancora scavalcare il muro dei settecento milioni. Il ritorno di Cameron Diaz è rimasto indietro al brillante precedente di Bad Teacher del 2011 ma l'attrice ha ancora una grande affidabilità all'interno della commedia: il film è stato comunque il miglior risultato della carriera del regista. Le possibilità che il titolo avvicini i cento milioni sono condizionate dalla sua tenuta e dall'impatto di The Amazing Spider-Man 2 sui suoi concorrenti. Heaven Is for Real ha ripetuto il suo exploit pasquale e ha messo a segno un altro week-end positivo: il dramma familiare di ispirazione cristiana ha sfruttato la scia di un ottimo esordio e ha messo in cassa più di cinquanta milioni: la cifra è consistente soprattutto perchè il film aveva pochissime pretese. Il flop del mese è inevitabilmente quello di Trascendence di Wally Pfister: la seconda settimana è andata persino peggio della prima e Johnny Depp non ha ancora toccato i venti milioni. Il disastro ha proporzioni internazionali e il patrocinio di Christopher Nolan ha raccolto appena trenta milioni: i margini di recupero sono nulli e il budget non verrà mai coperto. Rio 2 è riuscito a recuperare terreno dopo una pessima partenza: il film della Blue Sky è ancora in sofferenza ma almeno ha pareggiato le spese e ha ancora qualche chance di agguantare l'obbiettivo minimo del mezzo miliardo worldwide. L'allontanamento dalle posizioni nobili della classifica non ha tolto i riflettori da Frozen: il film d'animazione della Disney può reclamare a pieno diritto lo status di classico. L'adattamento di Hans Christian Andersen ha raggiunto i quattrocento milioni in patria e con un miliardo e centocinquanta milioni di dollari è diventato il sesto migliore incasso mondiale di tutti i tempi.