Box Office USA 28 maggio 2013

Questo mese ha infilato un altro week-end trionfale nonostante le delusioni non siano mancate nemmeno questa volta. L'occasione del Memorial Day è stata la più ricca di tutto l'anno e ha premiato Fast & Furious 6 con un exploit che ha sorpreso tutti e ha neutralizzato la concorrenza di The Hangover Part III. L'action con Vin Diesel e Dwayne Johnson si è imposto nonostante il genere avesse iniziato il 2013 in modo molto complicato: il franchise ha una storia commerciale bizzarra e questo esordio da cento milioni di dollari ha completato un'ascesa che è iniziata solo a partire dal quarto capitolo. Le avventure di Dominic Toretto erano nate come un outsider del mercato e adesso sono diventate una certezza che si sta guadagnando le date più ambite del calendario. Il record del marchio che apparteneva a Fast Five è stato demolito e il trionfo è continuato anche sulla scena internazionale. Il film ha già toccato la quota dei trecento milioni di dollari e ha ricambiato la fiducia della produzione: il budget è lievitato sensibilmente ma anche le entrate sono state all'altezza dell'investimento. Fast & Furious 6 ha dato un ulteriore accelerazione ad una stagione estiva che ha cambiato marcia dopo il kick-off di Iron Man 3. Il marvel-movie ormai ha messo da parte quasi un miliardo e duecento milioni di dollari e questa cifra gli ha permesso di raggiungere il quinto posto nella classifica dei più grandi successi di tutti i tempi. Tony Stark ha staccato anche The Dark Knight Rises e ormai deve rincorrere solo se stesso: il miliardo e mezzo di The Avengers è l'unico obbiettivo che non riuscirà a conseguire. Star Trek: Into Darkness ha tenuto molto bene dopo un'apertura balbettante ed è rimasto incollato alla scia del primo reboot del 2009: le nuove avventure dell'equipaggio dell'Enterprise si fermeranno a poca distanza dai duecentocinquanta milioni e il successo dell'operazione dipenderà dal contributo internazionale. La popolarità della saga è un fatto interno al pubblico americano e il mercato overseas ha dato dei segnali di crescita che hanno confortato J. J. Abrams: il film aveva la necessità di migliorare la sua quota estera e il trentatre per cento di quattro anni fa è salito fino al quarantuno per cento attuale. La sensazione è che Into Darkness non abbia attirato un pubblico alternativo alla fandom della serie televisiva ma abbia difeso egregiamente la sua posizione. La nota dolente del mese è stata The Hangover Part III: il film ha bruciato l'enorme popolarità del primo capitolo ed è tornato sui suoi livelli di partenza. Il capitolo finale della saga del Wolf Pack ha dimezzato le sue entrate rispetto al secondo episodio nonostante un consistente aumento del conto spese. La sua notorietà gli permetterà in ogni caso di superare i cento milioni e di diventare la commedia dell'estate ma le sue aspettative avevano un altro spessore.

 

--------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21st!

-----------------------------------------------------