Free Birds – Tacchini in fuga, di Jimmy Hayward


La pellicola fa forza sulla qualità visiva dell’immagine, supportata da un livello tecnico considerevole. A questo si aggiungono i rimandi e le citazioni che mescolano il classico stile disneyano a situazioni che strizzano l’occhio allo sci-fi, sino al buddy movie in cui due personaggi sostanzialmente distanti e provenienti da background differenti, si scoprono amici e alleati

-----------------------------------------------------------
SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI: APERTE LE ISCRIZIONI ANNO 2022-23


-----------------------------------------------------------

Tacchini in fugaIn una tranquilla fattoria, un popolo di tacchini beccano meccanicamente il cibo che gli porta il contadino, ignari di un destino inevitabile, che preme verso una tavola imbandita all’insegna dell’ingrasso. Solo Reggie, un tacchino sui generis, diverso da tutti gli altri e dal piumato blu, ha un ingente plus valore: la coscienza di quello che la Storia gli ha insegnato. Reggie sa perfettamente la sorte moritura che lo attende.
Scoccata l’ora X del Giorno del Ringraziamento, fatidico per molti compagni volatili, Reggie viene inaspettatamente graziato dal Presidente degli Stati Uniti, o meglio, dalle lacrime che sgorgano sul viso della figlia, desiderosa di portarlo nella sua dimora extra lusso. Tra scatoloni di pizza e il calore notturno della camera, il tacchino sprofonda nel soffice letto, abbandonato alle immagini profuse dalla scatola magica, che porta con sé sogni di gloria e di lunga vita.
Lontano dalla realtà della fattoria, Reggie si dedica solo al proprio effimero benessere, quando all’improvviso viene “rapito” da Jake, un grosso tacchino, fondatore e membro unico del Fronte per la Liberazione dei Tacchini, che sogna un mondo in cui tutti i suoi compagni siano finalmente liberi dai menù che li rivendicano come piatto unico della giornata festiva, tanto amata dagli americani.

----------------------------
15 BORSE DI STUDIO DELLA SCUOLA SENTIERI SELVAGGI - NUOVA SCADENZA: 29 settembre!

----------------------------

Da un’idea di David I. Stern e John J. Strauss, già in cantiere dal lontano 2008, Tacchini in fuga raccoglie l’eredità del buddy movie, in cui due personaggi, sostanzialmente distanti e provenienti da background differenti, si scoprono amici e alleati. Realizzato dall’indipendente Reel Fx, esordiente nel cinema dell’animazione con questo lungometraggio, il film di Jimmy Hayward, non ha nulla a che vedere con il vecchio film d’animazione “Galline in fuga”, se non lo strategico richiamo al titolo. La pellicola presenta una trama piuttosto semplice e lineare, in grado di far breccia sul pubblico dei più piccoli, senza togliere, tuttavia, il piacevole divertimento visivo a quello dei più grandi. Al di là di uno svolgimento piuttosto prevedibile, la pellicola fa forza sulla qualità visiva dell’immagine, supportata da un livello tecnico considerevole. A questo si aggiungono i rimandi e le citazioni al più ampio spettro di certo cinema, mescolando il classico stile disneyano a situazioni che strizzano l’occhio al più riconoscibile sottogenere dello sci-fi. A bordo di una macchina del tempo a forma di uovo gigante, Reggie e Jake si catapultano nel lontano XVII secolo decisi a cambiare le coordinate fissate sui manuali storici, con un finale aperto che lascia presagire possibili risvolti per eventuali sequel.

----------------------------
SCUOLA DI SCENEGGIATURA: LA SPECIALIZZAZIONE

----------------------------

Titolo originale: Free Birds
Regia: Jimmy Hayward
Interpreti (voci originali): Owen Wilson, Woody Harrelson, Amy Poehler, George Takei, Keith David, Colm Meaney, Dan Fogler
Origine: USA, 2013
Distribuzione: Adler Entertainment
Durata: 91’

--------------------------------------------------------------
CORSO ONLINE DI SCENOGRAFIA CINEMATOGRAFICA

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative



    Un commento

    • cartone per tutta la famiglia, scorrevole e con molte battute divertenti! da vedere!!!1!!