Il grande successo di Paola Cortellesi

Presentato alla Festa del Cinema di Roma, l’esordio alla regia dell’attrice Paola Cortellesi in poco tempo sta scalando il boxoffice. Le ragioni di un successo inaspettato

--------------------------------------------------------------
CORSO ESTIVO DI CRITICA CINEMATOGRAFICA DAL 15 LUGLIO

--------------------------------------------------------------

C’è ancora domani è uscito al cinema il 26 ottobre 2023 distribuito da Vision Distribution, ed è stato presentato alla 18esima edizione della Festa del Cinema di Roma, dove ha vinto numerosi premi. In sole poche settimane ha superato i 7 milioni di euro al botteghino, entrando così nella top 10 degli incassi annuali. Per il suo debutto alla regia, Paola Cortellesi ha scelto di raccontare una storia ambientata nel 1946, girata in un bianco e nero, che rievoca i film del neorealismo, facendoli quasi dialogare con le forme della commedia all’italiana. La storia ruota attorno a Delia, interpretata da lei stessa, una donna sposata con Ivano, interpretato da Valerio Mastandrea un uomo violento che spesso la maltratta.

--------------------------------------------------------------
CORSO ESTIVO DI SCENEGGIATURA (IN PRESENZA) DAL 24 AL 28 GIUGNO

--------------------------------------------------------------

Il film ha avuto un grande successo sia di pubblico e critica. È stato definito come il “Barbie all’italiana”, poiché anche esso affronta la tematica del femminismo e dei diritti delle donne, della violenza di genere in un modo ironico e malinconico allo stesso tempo, ma senza essere troppo drammatico, nonostante il tema trattato, riuscendo a tenere il pubblico incollato allo schermo, portando al cinema personaggi ed eventi estremamente reali e mai troppo romanticizzati.

----------------------------
UNICINEMA QUADRIENNALE:SCARICA LA GUIDA COMPLETA!

----------------------------

Dopo il successo di Barbie di Greta Gerwig al botteghino di questa estate, C’è ancora domani conferma ancora una volta che il pubblico è interessato a queste tematiche, soprattutto a personaggi e storie che riguardano le donne. La regista ha affermato di aver realizzato il lungometraggio per la figlia Laura: “quel finale (…) forse è la cosa più potente del film. Non so se lo avrei trovato senza Laura e senza quella voglia di raccontare a lei e alle giovani generazioni che quello che siamo oggi e di cui godiamo non è scontato. Una voglia dettata dall’amore materno’’.

Il trionfo del film non è dovuto solamente alla tematica trattata, ma anche alla notorietà dell’attrice, che ha suscitato un notevole passaparola che ha portato il pubblico al cinema. Un successo che ha colto di sorpresa la stessa Cortellesi, come ha dichiarato in una intervista a Il Secolo XIX: “Non mi aspettavo tutto questo, ma così tanto, tutto insieme… Veramente non so cosa pensare, sono un po’ frastornata, lo so, posso sembrare un po’ naif. Non voglio fare la Candy Candy, ma aspettarsi un amore del genere sarebbe stato da pazzi, da mitomane quasi.”

Sempre nell’intervista, Cortellesi ha ammesso che la cosa più gratificante è stata: “Aver realizzato il film che volevo e come volevo, perché quando scrivi, non è scontato che le cose vadano esattamente come desideri, sia durante le riprese che nel montaggio. Sono stata estremamente meticolosa, ma ho ottenuto esattamente ciò che volevo. Riuscire a realizzare questo film sarebbe stato già un enorme successo, ma ottenere una reazione del genere è stato qualcosa di immenso.”

----------------------------
SCUOLA DI CINEMA TRIENNALE: SCARICA LA GUIDA COMPLETA!

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative