inizioPartita. The King of Fighters: All Star (Android) – La recensione

The King of Fighters: All Star ci permette di riprendere le storie in sospeso di tanti personaggi emozionanti che ci hanno accompagnato con la saga di The King of Fighters durante tutti questi anni

Nei giorni scorsi è diventato disponibile su Google Play Store l’atteso titolo The King of Fighters: All Star, che preleva molti character famosi dal vasto elenco di stilosi combattenti della pletora dei picchiaduro targati SNK, trasformandoli per l’occasione in personaggi collezionabili, in un videogame d’azione (…con vaghi elementi ruolistici) ricco di gragnuole di colpi e batoste pesanti, pronto a rinverdire i fasti dei beat’em-up a scorrimento laterale. Siamo di fronte alla classica “perla” di genere? Il gioco 2019 per piattaforma mobile che tutti gli appassionati di titoli di combattimento si aspettavano?

A parte il fatto che ha una grafica intrigante e che viene offerto con la formula free-to-play (…cioè gratuito, ma non troppo), riesce a risultare abbastanza divertente… comunque permettendo di interagire ancora una volta con i combattenti più iconici di SNK.

Toh... Guarda un po' chi si rivede in circolazione! Lo avete riconosciuto?

Toh… Guarda un po’ chi si rivede in circolazione! Lo avete riconosciuto?

--------------------------------------------------------------------
SCENEGGIATURA: Tutti i corsi in arrivo della Scuola di Cinema Sentieri selvaggi


--------------------------------------------------------------------

Sviluppato da Netmarble Corp., The King of Fighters: All Star ha una storia un po’ bislacca (…non è una novità per un picchiaduro, ma per un mezzo gioco di ruolo si) che fa incontrare al giocatore una ragazza di nome Noah, la quale lo esorterà a lottare per risolvere alcune “quest” ambientate nella lunga storyline dei numerosi capitoli di The King of Fighters (…a partire dallo storico tournament del ’94, fino a raggiungere i nostri giorni). Naturalmente, il gameplay permetterà al player di prendere il controllo di molti personaggi famosi della saga, ma anche di alcuni nuovi character, oltre che di estemporanei combattenti provenienti da altri famosi blockbuster videoludici come Samurai Shodown o Tekken.

In effetti, i gamer possono spendere i “rubini” (…una specie di moneta virtuale in-game) al fine di acquistare personaggi dai roster di quasi tutte le release del passato della nota serie di picchiaduro jappo. I rubini si guadagnano attraverso le sfide proposte dal gameplay oppure con i classici acquisti in-app (…si: è inutile nasconderselo… è un altro giochino “sanguisuga” per il vostro portafogli). I personaggi sono raggruppati in team di tre elementi, ognuno con un personaggio di riserva da richiamare durante i combattimenti per un piccolo vantaggio extra.

Anche lui è una vecchia conoscenza!... Ma che goduria!...

Anche lui è una vecchia conoscenza!… Ma che goduria!…

Invece di combattere in battaglie uno-contro-uno in tag-team come nelle principali release di The King of Fighters, le squadre di lottatori di The King of Fighters: All Star si impegneranno – come già accennato in precedenza – in battaglie a scorrimento laterale. Un joystick virtuale permetterà di dirigere i combattenti attraverso la location dello scontro, mentre sciameranno frotte di nemici generici. I personaggi potranno utilizzare una combinazione di colpi e calci di base ed alcune super-mosse distintive (…replicate dai giochi originali di cui erano co-protagonisti) per “arare” le inutili masse umane dei nemici peones. Alla fine dell’insulsa ma logorante mattanza, apparirà un boss, che scenderà in campo e farà cominciare la battaglia vera e propria, leggermente più difficile.

I giocatori potranno scambiare i tre personaggi della loro squadra a piacimento. Esiste anche un sistema di “affinità elementale” che prevede che i personaggi associati ad un dato elemento siano più forti o più deboli contro i nemici di un altro dato elemento. Quindi avere una vasta selezione di combattenti disponibili, magari associati a molti elementi diversi, risulterà alla fine piuttosto importante, se non determinante.

Ai giocatori viene offerta la possibilità di completare le missioni in solitaria o fare squadra con altri player in modalità cooperativa, anche se quest’ultima è un po’ difficile da sperimentare al momento, perché il titolo è stato lanciato da poco e non ci sono molti player che vi ricorrono.

Ogni personaggio ha un albero di sviluppo delle abilità che può sbloccare nuove skill; inoltre, si possono potenziare anche le statistiche base. La gestione, l’aggiornamento e la personalizzazione dei vari character (…ed, in particolare, di quello che otterrà le vostre preferenze …perché tutti hanno le loro preferenze) porta via parecchio tempo e, un po’ alla volta, produce una sensazione di affezione ai combattenti più utilizzati.

I Maneki Neko giganti mi mancavano in un gioco di combattimenti...

I Maneki Neko giganti mi mancavano in un gioco di combattimenti…

The King of Fighters: All Star vanta pure una grafica piacevole, in linea con gli stilemi classici della serie (animazioni accurate, soprattutto quelle in 2D), ed è una gioia da guardare… a meno che non si abbia una bassa tolleranza alla pubblicità degli acquisti disponibili in-app. È pur sempre un free-to-play, atto a rastrellare denaro attraverso le micro-transazioni, e le sessioni ludiche si aprono immancabilmente con più schermate iniziali che annunciano gli eventi imminenti o in corso, unitamente alle vendite dei negozi in-game.

In sintesi, se non vi spaventa l’idea di scialacquare lo stipendio poco per volta nel tentativo di ottenere il roster di combattenti supremo, The King of Fighters: All Star è davvero un prodotto godibile su piattaforma mobile.

E poi ci permette di riprendere le storie in sospeso di tanti personaggi emozionanti che ci hanno accompagnato nel corso della saga di The King of Fighters durante tutti questi anni. È anche bello giocare con quegli stessi personaggi al di fuori del loro elemento, provandoli in un contesto differente dal solito.

Ma soprattutto, i “nostri eroi” ci mancavano un po’ sullo smartphone: ora li possiamo portare sempre con noi. Non sappiamo se sia un bene, ma, di sicuro, non è così male…

Requisiti piattaforme Android:
– Versione sistema operativo: Android 4.4 (KitKat) o superiore
– Da utilizzarsi con (consigliato): Schermo da 5,6 pollici o superiore
– Dispositivo di controllo: Touch-screen
Voto: 75/100
Tipologia: Azione / Combattimenti / Scorrimento laterale / Elementi di  Beat’em Up / Elementi di Role Play / Free-to-Play
Produttore: SNK / Netmarble Corp.
Sviluppatore: Netmarble Corp.
Distributore: SNK (attraverso Google Play Store)

---------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative