Monsters and Men. Intervista a Reinaldo Marcus Green

Se gli #Oscars2019 prediligeranno o meno la chiave black di Blackkklansman, Black Panther, Se la strada potesse parlare e Green Book, questa attenzione mainstream rappresenta comunque un inedito riflettore di rimando per tutta una nuova generazione di cineasti e artisti afroamericani, intenzionati a rinnovare le formule della rappresentazione canonica delle dinamiche politiche e sociali per i quartieri delle metropoli d’America.
Ne abbiamo parlato con Reinaldo Marcus Green, il giovane regista newyorkese di Monsters and Men, che nel suo primo film tenta un lucido smarcamento proprio in questa direzione. E anche se Green non ha ricevuto nomination per la statuetta, può sempre sfoggiare il premio vinto al Sundance 2018 come miglior esordio drammatico.

Intervista a cura di Sergio Sozzo e Antonio D’Onofrio

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"