Tarantino e i suoi Maestri

Al Cinema Lumière dal 4 al 27 ottobre

-----------------------------------------------------------
NOVITA’ – CORSO ONLINE TEORIA DELLA SCENEGGIATURA


-----------------------------------------------------------
QUENTIN TARANTINO E I SUOI MAESTRI
>
>
>     Da domenica 4 ottobre al Cinema Lumière la retrospettiva Fil rouge
>                                 Tarantino,
>  che raccoglie il cinema di Quentin Tarantino e quello dei registi che lo
>                               hanno ispirato
>
>    La rassegna intreccia l’omaggio a Enzo G. Castellari, autore cult per
>                                  Tarantino
>
>
>
>  Da  chi  è  stato influenzato Quentin Tarantino e chi ha influenzato? Una
>  rassegna,   in  occasione  dell’uscita  italiana  del  suo  ultimo  film,
>  Inglorious  Basterds,  per  mettere  in  luce  ascendenze  e  discendenze
>  tarantiniane,  da Sergio Leone a Russ Meyer e Chan-wood Park, considerato
>  il Tarantino d’Oriente.
>  Primo  appuntamento  domenica  4 ottobre alle ore 22.15 al Cinema Lumière
>  con Jackie Brown dello stesso Quentin Tarantino, proseguendo già lunedì 5
>  ottobre  con  due titoli: il classico di Sergio Leone Per qualche dollaro
>  in  più  (ore  20, nella copia restaurata dalla Cineteca di Bologna) e il
>  penultimo film di Tarantino, Grindhouse – A prova di morte (ore 22.30).
>
>  E  da  martedì  13 ottobre il Fil rouge Tarantino, questo il titolo della
>  rassegna  che  percorre tutto il cartellone di ottobre, riprenderà con un
>  omaggio  a  Enzo  G. Castellari, regista cult amato da Tarantino, maestro
>  del  cinema  di  genere  italiano che sarà al Cinema Lumière mercoledì 14
>  ottobre  per  presentare  in  esclusiva alcuni frammenti del suo prossimo
>  Caribbean Basterds.
>
>
>
>
>  Domenica 4 ottobre, ore 22.15, Cinema Lumière
>  JACKIE BROWN (USA/1997) di Quentin Tarantino (157’)
>  Tratto Rum Punch di Elmore Leonard, è il film più lineare e ingiustamente
>  sottovalutato   di   Quentin   Tarantino,   che   omaggia   la   stagione
>  cinematografica  della  blaxploitation  e celebra la sua sexy icona nera,
>  Pam  Grier. È lei l’antesignana della sposa di Bill, la donna ‘castrante’
>  decisa  a  eliminare il maschio che le ha fatto un torto, ed è sempre lei
>  la  regina di un genere cinematografico degli anni Settanta che sfruttava
>  la cultura popolare nera.
>
>
>  Lunedì 5 ottobre, ore 20, Cinema Lumière
>  PER  QUALCHE  DOLLARO  IN  PIÙ  (Italia-Spagna-RFT/1965)  di Sergio Leone
>  (130’)
>  Non è ardito rintracciare nelle acrobatiche performance della biondissima
>  Uma  Thurman  di  Kill Bill  l’evoluzione postmoderna del ‘biondo’ bounty
>  killer Eastwood della trilogia del dollaro. Tra ritorni del rimosso sulle
>  note  d’un carillon, spettacolare resa dei conti, campi lunghissimi senza
>  vie di fuga e cadaveri accatastati si compie il secondo atto del trittico
>  di Leone, riconosciuto e pluricitato maestro di Tarantino.
>  Copia restaurata da Cineteca di Bologna
>
>
>  Lunedì 5 ottobre, ore 22.30, Cinema Lumière
>  GRINDHOUSE  –  A  PROVA  DI MORTE (Grindhouse – Death Proof, USA/2007) di
>  Quentin Tarantino (116’)
>  Un  gruppo  di ragazze passa la notte in giro per locali mentre un killer
>  psicopatico  è  sulle  loro  tracce.  Omaggio  cinefilo  ai  B-movie anni
>  Settanta. “Un road movie trash e violento, parlatissimo, con acrobazie di
>  auto  in  corsa,  con  uno  stuntman e tre amiche in fuga.  Mix di stili:
>  perfida  ironia  che rende il film appassionante e divertente post tutto”
>  (Maurizio Porro).
>
>
>  Mercoledì 7 ottobre, ore 22.15, Cinema Lumière
>  FASTER, PUSSYCAT! KILL! KILL! (USA/1966) di Russ Meyer (83’)
>  In pieno deserto tre sadiche e prorompenti spogliarelliste prima uccidono
>  per  gioco  un bravo ragazzo, poi fanno una carneficina nella fattoria di
>  un  vecchio  paralitico. Trionfo delirante e kitsch di erotismo perverso,
>  cult-movie  idolatrato  da femministe e appassionati di exploitation. Per
>  Tarantino costante punto di riferimento (in Grindhouse, il volto di Varla
>  campeggia sulla maglietta di una ragazza).
>  Versione originale con sottotitoli italiani
>
>
>  Martedì 13 ottobre, ore 20, Cinema Lumière
>  THE  INGLORIOUS  BASTARDS (Quel maledetto treno blindato, Italia/1978) di
>  Enzo G. Castellari (99’)
>  Ardenne,  1944. Quattro soldati americani cialtroni fuggono travestiti da
>  nazisti  per  evitare  la  corte  marziale,  ma poi si riscattano facendo
>  saltare  un  treno  che  trasporta una testata nucleare tedesca. Colpi di
>  scena,  virtuosismi  tecnici,  effetti speciali e tanto humour: una summa
>  del Castellari style nel film cui Tarantino si è ispirato per  Inglorious
>  Basterds.
>  Versione originale con sottotitoli italiani
>  a seguire
>  CONVERSAZIONE CON QUENTIN TARANTINO E ENZO G. CASTELLARI (37’)
>  Versione originale con sottotitoli italiani
>
>
>  Martedì 13 ottobre, ore 22.30, Cinema Lumière
>  IL CITTADINO SI RIBELLA (Italia/1974) di Enzo G. Castellari (100’)
>  Sulla  scia  del successo planetario di Bronson-giustiziere della notte e
>  in  anticipo  rispetto  al  Sordi-borghese  piccolo  piccolo, Franco Nero
>  incarna il topos del cittadino qualunque vessato dalla criminalità che si
>  vendica  da sé perché “le leggi sono come le ragnatele che intrappolano i
>  moscerini  e vengono sfondate dai mosconi”. Un western metropolitano, tra
>  pestaggi  al  ralenti  e  corpi  che  cadono crivellati nei vicoli di una
>  Genova plumbea e selvaggia.
>
>
>  Mercoledì 14 ottobre, ore 19.30, Cinema Lumière
>  THE  INGLORIOUS  BASTARDS (Quel maledetto treno blindato, Italia/1978) di
>  Enzo G. Castellari (99’)
>
>  Versione originale con sottotitoli italiani
>  a seguire
>  CARIBBEAN BASTERDS (Italia-USA/2009) di Enzo G. Castellari – estratto
>  In anteprima assoluta, alcune sequenze dell'ultimo film di Castellari, in
>  uscita a novembre.
>  Al termine, incontro con Enzo G. Castellari
>
>
>  Giovedì 15 ottobre, ore 22.30, Cinema Lumière
>  OLD BOY (Corea del Sud/2003) di Chan-wook Park (119’)
>  Quindici  anni  di  confino  in  una  stanza  con il solo conforto di uno
>  schermo  tv  e  un'ingiusta  accusa  di   uxoricidio.  Quanto  basta  per
>  scatenare   una  cieca  e  sanguinosa  sete  di  vendetta.  Una  tragedia
>  elisabettiana costellata di  atrocità s’impasta con memorabili pennellate
>  di  humour  nero e uno stile visivo ispirato all'estetica manga. “Il film
>  che avrei voluto fare”, parola di Tarantino.
>
>
>  Lunedì 19 ottobre, ore 16, Cinema Lumière
>  LA VIA DELLA DROGA (Italia/1977) di Enzo G. Castellari (88’)
>  Un  iperatletico  Fabio  Testi  è  un  poliziotto infiltrato nel giro dei
>  grandi  spacciatori  che a Roma raccolgono l’eroina proveniente dal terzo
>  mondo  per  gli  Stati  Uniti. Castellari miscela inseguimenti e botte da
>  orbi con la denuncia di una società ormai in balia dei mercanti di morte.
>
>
>  Mercoledì 21 ottobre, ore 18, Cinema Lumière
>  IL GRANDE RACKET (Italia/1976) di Enzo G. Castellari (110’)
>  Una  tempesta  di  piombo si abbatte su una Roma nerissima in balia della
>  criminalità   organizzata.   Di  fronte  all'impotenza  dei  superiori  e
>  all'omertà  delle  vittime  al  maresciallo  Fabio  Testi  non rimane che
>  mettersi  a capo di una sporca dozzina di avanzi di galera, in un film in
>  cui  “le  distinzioni  tra bene e male sono ai minimi termini, la visione
>  del mondo è senza speranza e il nichilismo viene celebrato con una strage
>  finale ineguagliata anche dal punto di vista tecnico” (Paolo Mereghetti).
>
>
>  Martedì 27 ottobre, ore 22.15, Cinema Lumière
>  LE IENE (Reservoir Dogs, USA/1992) di Quentin Tarantino (99’)
>  “Adoro  i  metalli  contorti,  i  macchinari  arrugginiti,  le  fabbriche
>  abbandonate,  i  depositi  distrutti”.  Come  per  Castellari,  anche per
>  Tarantino  il capannone sembra il teatro ideale della resa dei conti  fra
>  i  rapinatori in giacca nera e occhiali da sole, anonimi protagonisti del
>  suo  film  d'esordio,  ‘patrocinato’  da  Monte  Hellman  in  qualità  di
>  produttore   esecutivo.  Li  osserviamo  rapiti,  nell’attesa  che  tutti
>  ammazzino  tutti, mentre nelle orecchie ci rimbomba il loro irresistibile
>  vaniloquio.
>
>
>
>                               Ufficio Stampa:
>                               Andrea Ravagnan
>                            tel: (+39) 0512194833
>                  cinetecaufficiostampa2@comune.bologna.it
>                          www.cinetecadibologna.it
--------------------------------------------------------------
Sentieriselvaggi21st #11: JONAS CARPIGNANO La nuova frontiera del cinema italiano

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative