The Man Who Sold His Skin, di Kaouther Ben Hania

Candidato agli Oscar 2021 e presto in Italia con Wanted Cinema, già presentato a Venezia 77, percorre un doppio binario fra un’intima narrazione e una critica al mondo mercificato dell’arte

Libertà. Una sensazione, una possibilità verso la quale l’uomo tende inevitabilmente ed instancabilmente. Certo, il cinema ci ha abituati alle più disparate situazioni di ricerca di questo elemento essenziale della felicità umana, ma la regista tunisina Kaouther Ben Hania con il suo The Man Who Sold His Skin ha deciso di spingersi oltre. La storia è drammatica, ci sono tutti gli elementi: un amore forte, ma contrastato e reso impossibile, una situazione politica come quella siriana, la voglia di normalità di un giovane uomo, tristemente consapevole di essere nato “dalla parte sbagliata del mondo”. Ma il grande punto di svolta è nell’ironica rappresentazione del mondo dell’arte, di coloro che lo popolano e di certe discutibili pratiche. The Man Who Sold His Skin prende in giro in maniera sottile e irreverente alcuni dei suoi stessi personaggi (come la bionda Soraya interpretata da Monica Bellucci), ma lo fa in maniera estremamente dolce e soprattutto con uno scopo ben preciso. Prendendo spunto da una storia vera (e veramente incredibile, specie per gli ultimi sviluppi dovuti al Covid-19), quella dell’artista belga Wim Delvoye (che appare nel film in un cameo) il quale nel 2006 ha tatuato un uomo rendendolo un’opera d’arte vivente intitolata “Tim”.

---------------------------------------------------------------
Ecco il nuovo Sentieriselvaggi21st #10: CYBERPUNK 2021, il futuro è arrivato

---------------------------------------------------------------

Sam Ali (Yahya Mahayni, Premio Orizzonti al Miglior Attore nello scorso Festival del Cinema di Venezia) vende la sua pelle ad un eccentrico (e mefistofelico, come ammette lui stesso) artista milionario (Koen De Bouw) che vuole fare della sua schiena un’opera d’arte di denuncia, tatuandovi un enorme Visa per l’area Shengen. Costretto a rifugiarsi in Libano dalla Siria a causa di un’esclamazione considerata pericolosa e a vedere la donna che ama (Dea Liane) sposare un ricco uomo con il quale si trasferirà a Bruxelles, a Sam non resta altro che vendere parte della sua libertà diventando un quadro vivente per ottenerne una più grande: quella di potersi muovere e di poter raggiungere il Belgio. Ecco il paradosso, lo scambio che comporta sempre ad una perdita in nome di un acquisto più “conveniente”.

La prima parte del film è ottima, perfettamente calibrata e concatena una serie di scelte narrative ben strutturate. Lo spettatore si appassiona a Sam nei suoi tentennamenti, nello sconvolgimento di fronte alle scelte dei “padroni” del suo corpo, con l’apice rappresentato da un’asta in cui viene venduto come un qualsiasi oggetto. In un momento estremamente cinematografico, politico e “lirico”, Ali viene scambiato per un terrorista a causa di una provocazione voluta da lui stesso e che si è visto confermare dalla reazione dei presenti. La ricerca della libertà ha toccato il fondo: è ora di risalire. Ed è qui che The Man Who Sold His Skin perde un po’ di quella freschezza che lo aveva caratterizzato fino a quel momento, finendo per affrettare la conclusione, perdendosi ottime possibilità. Il film finisce spiegando il perché di un video che sembra un’aperta citazione a certi filmati diffusi dall’ISIS nel 2014, passati alla storia per aver riempito gli schermi di tutti i televisori testimoniando le uccisioni, tra gli altri, dei due report statunitensi James Foley e Steven Sotloff.

The Man Who Sold His Skin è un’opera molto ambiziosa, che ha corso il rischio di mettere troppa carne al fuoco ed ha dovuto subirne il peso verso la fine, ma indubbiamente non si può non riconoscere il grande merito a Kaouther Ben Hania (anche sceneggiatrice) di essere riuscita a gettare uno sguardo innovativo sul mondo dei rifugiati e sulle tante ipocrisie che caratterizzano il mondo governato dagli umani, senza cadere in facili sentimentalismi. Sam Ali è un angry man che decide di prendere quella che apparentemente sembrerebbe la via più breve ma che si rivela poi essere anche la più dilaniante per la sua dignità, più volte calpestata. Eppure con il tempo il giovane impara a muoversi sinuoso nel suo kimono azzurro per le stanze di un museo, consapevole di star giocando una partita che prima o poi finirà per vincere.

 

Titolo originale: id.
Regia: Kaouther Ben Hania
Interpreti: Yahya Mahayni, Dea Liane, Monica Bellucci, Koen de Bouw, Darina Al Joundi, Christian Vadim, Wim Delvoye, Saad Lostan
Durata: 104′
Origine: Tunisia, Francia, Germania, Belgio, Svezia, 2020

La valutazione del film di Sentieri Selvaggi
3

Il voto al film è a cura di Simone Emiliani

Sending
Il voto dei lettori
2.4 (5 voti)
---------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative