"Nella casa", di François Ozon


La riflessione di François Ozon, cineasta degli spazi chiusi, appare sempre più dans la maison, una casa che non riesce più a schiudersi al mondo e a raccontarlo per immagini senza il filtro di un approccio teorico. Il film mette in atto una dialettica letteratura-cinema che vede l'immagine perdente, espediente e non fine del discorso

scena del film Nella casa di François OzonSi apre su un liceo, come un altro dei film francesi più belli di questa stagione, Après Mai; si chiude su una palazzina osservata dalla strada, nel brulichio delle esistenze che la animano come La finestra sul cortile, testo simbolo di ogni riflessione sull’essenza voyeuristica del cinema.



Tra questo incipit e questo finale si consuma la riflessione di François Ozon, cineasta degli spazi chiusi, che appare sempre più dans la maison, una casa che non riesce più a schiudersi al mondo e a raccontarlo per immagini senza il filtro, sempre più pesante, di un approccio teorico tanto apodittico da non essere più ascrivibile alla sfera della metafora.

 

Se il liceo di Assayas si offriva infatti come punto di partenza per il passaggio dalla teoria all’esperienza – la citazione di Blaise Pascal “Tra noi e l’inferno o tra noi e il cielo c’è solo la vita che è la cosa più fragile del mondo” – subito indicativa della volontà del suo autore di rileggere l’esperienza giovanile con uno slancio vitale, attraverso la lente della memoria privata, quello di Ozon si configura come uno spazio museale dove campeggia la scritta ‘Gustave Flaubert’.

 

Il nome dell’autore di Madame Bovary, capostipite di un realismo che contrapponendosi al melodramma ottocentesco balzachiano apre alla letteratura contemporanea e alla sua vocazione per la registrazione – “Scrivi come se avessi con te una piccola telecamera” dice il professor Germain/Luchini al suo allievo Claude – sembra dettare le coordinate teoriche su cui Ozon costruisce un film che diventa un saggio sul rapporto cinema/letteratura, genesi artistica e suo rapporto col reale.


Dalle schermaglie tra Germain e la moglie gallerista, una Kristin Scott Thomas a cui tocca farsi carico di tutti i vezzi della "sovrainterpretazione da catalogo", al penetrare di questo novello Terence Stamp adolescente nel cuore della casa (piccolo)borghese, il film si piega interamente all'espediente metalinguistico e all'affabulazione come forma di sopravvivenza,  tramutando i personaggi in funzioni proppiane ("il protagonista ha un desiderio: come realizzarlo superando gli ostacoli lungo la sua strada?" spiega ancora Germain a Claude. 

 

Ernst Umhauer in Nella casa di François OzonNella casa si pone allora in maniera speculare a Swimming Pool, dove il processo creativo di costruzione romanzesca della giallista in crisi d’ispirazione Charlotte Rampling passava attraverso la materializzazione del personaggio/ musa Julie e della sua incontenibile ossessione per questa giovane donna.

 

E se già il corpo a corpo attorno alla piscina risentiva di un eccesso di struttura il cui peso era però mitigato dall'incontenibile sensualità di Ludivine Sagnier, in Nella casa la reversibile relazione docente-discente perde l’elemento erotico per spostarsi sul piano puramente astratto del linguaggio, in una dialettica cinema-letteratura che vede l’immagine perdente, espediente e non fine del discorso.

 

Quello di Ozon è un cinema allo stesso tempo estremamente riconoscibile e sfuggente, che trova nel rigore geometrico tanto degli spazi (gli interni chiusi) quanto delle relazioni umane  (i rapporti simmetrici fra i personaggi) un suo tratto distintivo, ma dà sempre la frustrante sensazione di non riuscire a vivere queste categorie in profondità, alla luce di un’emotività personale.
Quando lo fa, come nel caso de Il tempo che resta, Sotto la sabbia o Il rifugio, riesce anche a regalare momenti lirici, ma più spesso finisce per nascondersi dietro pastiche di generi, citazioni di secondo grado e giochi intertestuali senz’anima. Mentre il cinema a cui guarda – Nella casa assembla umori eterogenei dal Pasolini di Teorema all’Allen di Misterioso omicidio a Manhattan, senza dimenticare i jeux du discours rohmeriani, ormai riferimento consueto dell’autore parigino – sopravvive al tempo per l’umanità profonda che lo ispira, ben oltre la ricerca filosofica e intellettuale.


Titolo originale: Dans la maison
Regia: François Ozon
Interpreti: Fabrice Luchini, Ernst Umhauer, Kristin Scott Thomas, Emmanuelle Seigner, Denis Ménochet, Bastien Ughetto, Jean-François Balmer, Yolande Moreau, Catherine Davenier
Origine: Francia, 2012
Distribuzione: Bim
Durata: 105'

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Frozen raggiunge il sesto posto negli incassi mondiali di sempre
Superando anche Transformers 
Tom Hanks protagonista di un thriller sulla Guerra Fredda
Spielberg in trattative per la regia
Tarantino non rinuncia al suo secondo western
Forse The Hateful Eight sarà realizzato
Jessica Chastain nei panni di Marilyn Monroe
In Blonde, ultimo film di Andrew Dominik
È morto Claudio G. Fava
Il giornalista e critico cinematografico aveva 83 anni
Cannes 67 - Nicole Garcia alla Caméra d'or
L'attrice e regista guiderà la giuria delle opere prime
The Amazing Spider-Man 2 in copertina su Film Tv
Intervista a Isabella Ragonese, Tracks e Far East Film Festival
East End il film d'animazione firmato Moccia
Ambientato alla periferia di Roma
On line il sito de La trattativa di Sabina Guzzanti
Con le informazioni sul nuovo film
Di Caprio protagonista di The Revenant
L'attore nella pellicola diretta da Inarritu
Diminuisce l'investimento ma aumenta la produzione di film italiani
Dal rapporto MIBACT e Anica sui numeri del cinema italiano 
Un sequel per Mrs. Doubtfire
Robin Williams ancora protagonista
Nuove rivelazioni su Batman Vs. Superman
Ne parla Zack Snyder
Un Focus sul cinema italiano al Festival di Pechino
Presentati i film di Toni Trupia, Daniele Gaglianone, Francesco Bruni e Matteo Oleotto
Torna Cronenberg con Maps To The Stars
Il film sarà a Cannes ed esce in Italia il 21 maggio
Festival di Cannes. I film di "Un certain regard"
19 titoli in gara
Il film di Alice Rohrwacher corre per la Palma d'Oro
Le meraviglie a Cannes
Jacques Tati in mostra!
un'esposizione fotografica con le migliori scene dei suoi film
Noah non passa in Medio Oriente
 il film di Aronofsky vietato per ragioni culturali
James Franco avrà un cameo in Dawn of the Planet of the Apes
Ma l'attore non ne era a conoscenza
Locke nelle sale dal 30 aprile
la seconda opera di Steven Knight
Festival di Cannes: annunciati i titoli dei corti e Cinéfondation
C'è l'italiano A passo d'uomo di Aloi
David Fincher dice no al biopic su Steve Jobs
Avrebbe avanzato richieste esose alla casa di produzione
Philomena in DVD e Blu Ray
Uscito il 15 aprile  
Tilda Swinton non si considera un'attrice
Ne spiega le ragioni in un'intervista su Variety