"Nella casa", di François Ozon


La riflessione di François Ozon, cineasta degli spazi chiusi, appare sempre più dans la maison, una casa che non riesce più a schiudersi al mondo e a raccontarlo per immagini senza il filtro di un approccio teorico. Il film mette in atto una dialettica letteratura-cinema che vede l'immagine perdente, espediente e non fine del discorso

scena del film Nella casa di François OzonSi apre su un liceo, come un altro dei film francesi più belli di questa stagione, Après Mai; si chiude su una palazzina osservata dalla strada, nel brulichio delle esistenze che la animano come La finestra sul cortile, testo simbolo di ogni riflessione sull’essenza voyeuristica del cinema.



Tra questo incipit e questo finale si consuma la riflessione di François Ozon, cineasta degli spazi chiusi, che appare sempre più dans la maison, una casa che non riesce più a schiudersi al mondo e a raccontarlo per immagini senza il filtro, sempre più pesante, di un approccio teorico tanto apodittico da non essere più ascrivibile alla sfera della metafora.

 

Se il liceo di Assayas si offriva infatti come punto di partenza per il passaggio dalla teoria all’esperienza – la citazione di Blaise Pascal “Tra noi e l’inferno o tra noi e il cielo c’è solo la vita che è la cosa più fragile del mondo” – subito indicativa della volontà del suo autore di rileggere l’esperienza giovanile con uno slancio vitale, attraverso la lente della memoria privata, quello di Ozon si configura come uno spazio museale dove campeggia la scritta ‘Gustave Flaubert’.

 

Il nome dell’autore di Madame Bovary, capostipite di un realismo che contrapponendosi al melodramma ottocentesco balzachiano apre alla letteratura contemporanea e alla sua vocazione per la registrazione – “Scrivi come se avessi con te una piccola telecamera” dice il professor Germain/Luchini al suo allievo Claude – sembra dettare le coordinate teoriche su cui Ozon costruisce un film che diventa un saggio sul rapporto cinema/letteratura, genesi artistica e suo rapporto col reale.


Dalle schermaglie tra Germain e la moglie gallerista, una Kristin Scott Thomas a cui tocca farsi carico di tutti i vezzi della "sovrainterpretazione da catalogo", al penetrare di questo novello Terence Stamp adolescente nel cuore della casa (piccolo)borghese, il film si piega interamente all'espediente metalinguistico e all'affabulazione come forma di sopravvivenza,  tramutando i personaggi in funzioni proppiane ("il protagonista ha un desiderio: come realizzarlo superando gli ostacoli lungo la sua strada?" spiega ancora Germain a Claude. 

 

Ernst Umhauer in Nella casa di François OzonNella casa si pone allora in maniera speculare a Swimming Pool, dove il processo creativo di costruzione romanzesca della giallista in crisi d’ispirazione Charlotte Rampling passava attraverso la materializzazione del personaggio/ musa Julie e della sua incontenibile ossessione per questa giovane donna.

 

E se già il corpo a corpo attorno alla piscina risentiva di un eccesso di struttura il cui peso era però mitigato dall'incontenibile sensualità di Ludivine Sagnier, in Nella casa la reversibile relazione docente-discente perde l’elemento erotico per spostarsi sul piano puramente astratto del linguaggio, in una dialettica cinema-letteratura che vede l’immagine perdente, espediente e non fine del discorso.

 

Quello di Ozon è un cinema allo stesso tempo estremamente riconoscibile e sfuggente, che trova nel rigore geometrico tanto degli spazi (gli interni chiusi) quanto delle relazioni umane  (i rapporti simmetrici fra i personaggi) un suo tratto distintivo, ma dà sempre la frustrante sensazione di non riuscire a vivere queste categorie in profondità, alla luce di un’emotività personale.
Quando lo fa, come nel caso de Il tempo che resta, Sotto la sabbia o Il rifugio, riesce anche a regalare momenti lirici, ma più spesso finisce per nascondersi dietro pastiche di generi, citazioni di secondo grado e giochi intertestuali senz’anima. Mentre il cinema a cui guarda – Nella casa assembla umori eterogenei dal Pasolini di Teorema all’Allen di Misterioso omicidio a Manhattan, senza dimenticare i jeux du discours rohmeriani, ormai riferimento consueto dell’autore parigino – sopravvive al tempo per l’umanità profonda che lo ispira, ben oltre la ricerca filosofica e intellettuale.


Titolo originale: Dans la maison
Regia: François Ozon
Interpreti: Fabrice Luchini, Ernst Umhauer, Kristin Scott Thomas, Emmanuelle Seigner, Denis Ménochet, Bastien Ughetto, Jean-François Balmer, Yolande Moreau, Catherine Davenier
Origine: Francia, 2012
Distribuzione: Bim
Durata: 105'

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Peter Berg di nuovo sul campo di battaglia
Per il nuovo spot di Call of Duty
John Woo al Singapore International Film Festival
Presenterà The Crossing
Studio Universal ricorda la caduta del muro di Berlino
 Da lunedì 3 novembre quattro pellicole per il 25° anniversario
Nolan parla di Interstellar: "Il futuro? Senza governi e con tsunami di sabbia"
Nelle nostre sale dal 6 novembre
Takeshi Kitano attacca film violenti e Academy
Durante il Tokyo International Film Festival
Paul Greengrass in trattativa per dirigere The Tunnels
Dal romanzo di John Mitchell
Quadrophenia 35 anni dopo
In sala solo il 10 dicembre
Muore Elizabeth Norment, star di House of Cards
Aveva 61 anni
Michael Jackson - Life, Death and Legacy al cinema
In sala il 25 e il 26 Novembre
In uscita il cofanetto di Gomorra - La Serie
Dal 6 novembre, in blu-ray e dvd
Maurizio Casagrande dirige Babbo Natale non viene da Nord
Al via le riprese
A novembre, Serial Movies! su Studio Universal
Con le saghe USA più celebri
Medaglie d'Oro – Una Vita per il Cinema.
La Cerimonia di assegnazione allo Spazio Novecento.  
Il giovane favoloso è già il film italiano più visto della stagione
Superati i 3 milioni di euro.
Venerdì 31 ottobre In grazia di Dio torna in sala
Al cinema Palestrina di Milano  
Pelo malo designato film della critica dal SNCCI
In sala da 30 ottobre
Torneranno i prati di Olmi in contemporanea in 100 paesi del mondo
Il 4 novembre prossimo
Maccio Capatonda a Lucca Comics & Games.
 Presenta il backstage del film
Halloween in copertina su Film Tv
Lucca Comics & Games e interviste ad Abrahamson e Scimeca
Primo ciak ad Asti per In un posto bellissimo di Giorgia Cecere
Con Isabella Ragonese e Alessio Boni
Mauro Talamonti vince la sezione videoclip alla BiennaleMArteLive.
Fotografo e videomaker  
Massimo Troisi ritorna con Il postino in versione restaurata
Blu-Ray, DVD, Digital Download da oggi
Stefano Calvagna porta sullo schermo Franco Califano in Non escludo il ritorno
Presentato stasera a Roma a Piazza Vittorio
Spostata l'uscita di Frank
Il film di Larry Abrahamson in sala il 13 novembre.  
Parte la 50 giorni di Firenze
L'inaugurazione domani al cinema Odeon