27/7/2007 – Venezia 64: le pellicole clou di Orizzonti

Sad Vacation di Aoyama Shinji, protagonista del rinnovamento del cinema indipendente giapponese, è il film di apertura della sezione Orizzonti della 64. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica. Médée Miracle di Tonino De Bernardi, prodotto ed interpretato da Isabelle Huppert, due volte Coppa Volpi per la miglior interpretazione femminile (nel 1995 e nel 1988) e Leone Speciale per il suo straordinario contributo dato al cinema nella 62. Mostra di Venezia, e Kagadanan sa banwaan ning mga engkanto (Death in the Land of Encantos) di Lav Diaz (Filippine), uno tra i nuovi autori più sorprendenti del cinema del Sud-Est asiatico, sono rispettivamente i film di chiusura di Orizzonti (Fiction) e di Orizzonti (Doc).
Il film di Aoyama Shinji, una delicata e dolorosa riflessione sui legami di sangue tra una madre e i suoi due figli, sarà presentato in anteprima mondiale nel concorso Orizzonti (Fiction). Il film di Tonino De Bernardi, storia di una Medea contemporanea che si chiama Irene e non riesce a uccidere i figli, sarà presentato nel concorso Orizzonti (Fiction), sempre in anteprima mondiale. Il film documentario di Lav Diaz, una lunga ed approfondita analisi sulle conseguenze apocalittiche del tifone Reming, che il 30 novembre 2006 si è abbattuto sulle Filippine, sarà presentato in anteprima mondiale nel concorso Orizzonti (Doc).