Casablanca Beats, di Nabil Ayouch

L’approccio documentaristico non produce la scossa necessaria, così quando deraglia verso il cinema di finzione, fa avvertire una costruzione invadente che intacca la spontaneità del progetto.

-----------------------------------------------------------
SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI: APERTE LE ISCRIZIONI ANNO 2022-23


-----------------------------------------------------------

Fuori ci sono le strade di Casablanca, i tetti e un’affollata preghiera collettiva. Dentro abitano i sogni di una generazione che (si) vuole raccontare in prima persona, esprimere direttamente le proprie idee sull’emancipazione della famiglia, il ruolo della donna, la politica, la religione. Casablanca Beats non ha la spinta del reportage del film scandalo di Nabil Ayouch Much Loved, ma piuttosto cerca spesso il momento giusto per entrare in sintonia con il gruppo di ragazzi attraverso la figura del protagonista Anas, un ex rapper a cui viene dato l’incarico di lavorare come insegnante in un centro culturale che si trova in un quartiere popolare di Casablanca. Inizialmente è severo con i suoi studenti e li sprona a fare meglio anche se la direttrice dell’istituto non approva i suoi metodi. Poi riesce ad entrarci in sintonia, a trasmettergli la passione per l’hip hop e a prepararli per un concerto. Ma alcune famiglie più tradizionali si rivoltano.

----------------------------
OPEN DAY SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI

----------------------------

 

Alto e forte è il volume delle parole, come sottolinea il titolo originale di Casablanca Beats. Si sentono in lontananza gli echi delle ‘rivoluzioni arabe’ degli anni Dieci. Ma anche l’esigenza da parte dei giovani protagonisti di far sentire la propria voce, di urlare quello che hanno dentro. Nabil Ayouch sviluppa e approfondisce nel film l’incontro che ha avuto con Anas che si era presentato al centro con la voglia di trasmettere la sua passione presentando il progetto “La Positive School of Hip Hop”. L’idea di Casablanca Beats è proprio partita da lì. Il cineasta però sembra aver in parte smarrito l’ispirazione dei suoi primi film, dal road-movie Mektoub ad Ali Zaoua, prince de la rue dove quei ragazzi di strada sono diversi da questi dove le loro personalità non sono tutte messe a fuoco. Ogni tanto il cineasta cattura, anche se in modo sbrigativo, ‘intimità silenziose’: la ragazza che ascolta la musica nel suo letto di notte, un’altra che si sfoga contro il fratello tra i binari del treno. Sono proprio i momenti in cui il cinema di Ayouch prova a uscire dal suo metodo, da un taglio documentaristico dove però comprende anche che il film ha bisogno di una scossa per ravvivarsi. Insistere sul binomio parola/musica non è sufficiente. La tensione verbale non aumenta come nel gran film di Cantet La classe, ma dipende dalle singole performance degli studenti, interpretati tutti da attori non professionisti. Ayouch trova la spontaneità del gesto ma non riesce a raggiungere in maniera credibile quello che c’è dietro quelle parole. Così quando deraglia verso la finzione, si avverte tutto il peso di una costruzione narrativa invadente che finisce per intaccare lo spirito e la spontaneità iniziale del progetto. Tra lacrime cercate e catturate e deviazioni in stile L’attimo fuggente, il finale di Casablanca Beats, in concorso al Festival di Cannes del 2021, è da dimenticare.

 

Titolo originale: Haut et fort
Regia: Nabil Ayouch
Interpreti: Anas Basbousi, Ismail Adouab, Meriem Nekkach, Nouhaila Arif, Zineb Boujemaa, Abdelilah Basbousi, Mehdi Razzouk, Amina Kannan, Soufiane Belali, Samah Barigou, Marwa Kniniche, Maha Menan
Distribuzione: Lucky Red
Durata: 102′
Origine: Francia, Marocco 2021

La valutazione del film di Sentieri Selvaggi
2
Sending
Il voto dei lettori
0 (0 voti)
--------------------------------------------------------------
Le Arene estive di Cinema a Roma

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative



    Rispondi

    Contenuto non disponibile
    Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"