È morta Sacheen Littlefeather

Si è spenta a 75 anni l’attrice che venne fischiata e insultata nel ’73 dal pubblico dell’Academy per aver denunciato la condizione e la mancata rappresentazione dei nativi americani ad Hollywood

-----------------------------------------------------------
UNICINEMA LAST MINUTE! – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ. APERTE ANCORA LE ISCRIZIONI PER IL 2023!


-----------------------------------------------------------

Si è spenta il 2 ottobre a causa di un tumore al seno all’età di 75 anni Sacheen Littlefeather, l’attrice e attivista nativa americana celebre per esser stata protagonista di uno dei momenti più importanti della storia degli Oscar. Il 23 marzo del 1973, l’allora ventiseienne Littlefeather salì sul palco del Dorothy Chandler Pavilion di Los Angeles per rifiutare la statuetta vinta da Marlon Brando per l’interpretazione di Vito Corleone in Il Padrino. Per l’occasione l’attore scrisse un discorso di otto pagine, ma il produttore Howard Koch impedì di leggerlo per intero, informando che Littlefeather avrebbe avuto solamente un minuto. Nel suo discorso si presentò come apache, criticando la rappresentazione dei nativi americani da parte di Hollywood.

----------------------------
SENTIERISELVAGGI21ST N.12 – COVER STORY: TOM CRUISE, THE LAST MOVIE STAR

----------------------------

--------------------------------------------------------------
SENTIERI SELVAGGI BLACK FRIDAY

--------------------------------------------------------------

Con un abito di pelle di cervo, mocassini e lunghi capelli neri, Sacheen Littlefeather si rivolse così al pubblico dell’Academy of Motion Picture Arts and Sciences: “Buonasera. Mi chiamo Sacheen Littlefeather. Sono Apache e presiedo il Comitato Nazionale per l’Immagine Affermativa dei Nativi Americani. Rappresento Marlon Brando a questo evento. È con rammarico che Marlon Brando non potrà accettare questo premio così generoso, a causa del modo in cui i nativi americani sono trattati oggi dagli Stati Uniti, dall’industria cinematografica, in televisione e nelle repliche dei film e a causa di Wounded Knee. Prego che nel futuro i nostri cuori si potranno incontrare con amore e generosità. Grazie a nome di Marlon Brando”. Durante e in seguito a questo discorso, Sacheen Littlefeather venne insultata e ostracizzata dall’intera industria cinematografica hollywoodiana. Solo poche settimane fa e a distanza di 50 anni l’Academy si è scusata formalmente con l’attrice e attivista per i maltrattamenti subiti quella sera e negli anni a seguire: “Gli insulti che ha subito per quella dichiarazione erano fuori luogo e ingiustificati. Il peso emozionale che ha dovuto sopportare negli anni e il prezzo pagato dalla sua carriera nella nostra industria sono irreparabili. Il coraggio di cui ha dato prova non è stato riconosciuto troppo a lungo, per questo le presentiamo le nostre più sincere scuse insieme alla nostra più sincera ammirazione”.

Sacheen Litlefeather, al secolo Marie Louis Cruz, nasce il 14 novembre 1946 in California da una famiglia di origine Apache e Yaqui. L’attrice frequenta poi la California State University e si diploma in recitazione presso l’American Conservatory Theater di San Francisco. Negli anni è apparsa in alcuni film come I consigliori, Johnny Firecloud e Shoot the Sun Down.

--------------------------------------------------------------
LAST MINUTE SCUOLA TRIENNALE 2022-23

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative