La programmazione di Fuori Orario da domani al 9 maggio

Domenica 3 maggio    2020

Fuori Orario cose (mai) viste

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

di Ghezzi Baglivi Di Pace Esposito Fina Francia Fumarola Giorgini Luciani Melani Turigliatto

presenta 

--------------------------------------------------------------------
LE BORSE DI STUDIO PER CRITICA, SCENEGGIATURA, FILMMAKING DELLA SCUOLA SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

CINEASTA DEL PRESENTE

“NON SI PUO’ VIVERE SENZA ROSSELLINI”

(6)

L’ETA’ DI COSIMO DEI MEDICI – PRIMA PARTE: ESILIO DI COSIMO

(Italia, 1972, col., 79’)

Regia. Roberto Rossellini

Interpreti: Virgilio Gazzolo; Marcello Di Falco; Tom Felleghy

Cosimo de’ Medici, giovane mercante e politico di nobile famiglia, entra in politica e mira ad assoggettare nel suo potere tutte le città confinanti con Firenze, affinché ne sia l’unico rappresentante e governante. Infatti Cosimo aveva deciso anche di instaurare in Toscana un nuovo regime che avrebbe riportato totalmente in auge la sua famiglia. Ciò avverrà completamente con Lorenzo il Magnifico, suo nipote, che diverrà mecenate di molti intellettuali, quali Machiavelli, e garantirà la sua supremazia abbattendo le altre famiglie nobili di Firenze. Cosimo continua a cercare ciecamente di affermare il suo controllo, ma un nuovo inganno di Rinaldo degli Albizzi lo fa imprigionare e mandare in esilio con l’accusa di aver tentato un colpo di Stato. Tuttavia Cosimo, andando a Venezia, fa le prime amicizie con il pittore Michelozzo e successivamente, con i suoi alleati, compie alcuni sabotaggi e inganni che permettono di farsi desiderare ancora dal popolo fiorentino.

L’ETA’ DI COSIMO DEI MEDICI – SECONDA PARTE: IL POTERE DI COSIMO

(Italia, 1972, col., 79’)

Regia. Roberto Rossellini

Interpreti: Virgilio Gazzolo; Marcello Di Falco; Tom Felleghy

Quando Cosimo de’ Medici ha pieni poteri sulla città di Firenze, il gonfaloniere ora può continuare ad esercitare il suo potere tollerante e poco autoritario sulla zona, scacciando i vecchi nemici Albizzi e Strozzi. Inoltre ottiene il consenso di Papa Eugenio IV di spostare il Concilio di Ferrara nella sua città, e soprattutto di discutere sul da farsi per salvare la città di Costantinopoli dall’invasione dell’Impero Ottomano. I gesti di Cosimo ormai sono ben noti a tutti i cittadini di Firenze e ciò contribuisce a far diventare la città una delle più ricche e acculturate dell’Italia, avviandola verso l’apogeo del Rinascimento.

L’ETA’ DI COSIMO DEI MEDICI – TERZA PARTE: LEON BATTISTA ALBERTI: L’UMANESIMO

(Italia, 1972, col., 88’)

Regia. Roberto Rossellini

Interpreti: Virgilio Gazzolo; Marcello Di Falco; Tom Felleghy

Terza parte del film televisivo dedicato alla Firenze rinascimentale, capitolo importante della “Enciclopedia” rosselliniana. Partendo da Leon Battista Alberti Rossellini sottolinea l’arte, in particolare la pittura, la scultura e l’architettura, quale elemento essenziale dell’epoca rinascimentale: ciò che più ha segnato i secoli successivi e rivoluzionato il nostro modo di raffigurarci quindi di pensare l’uomo.

Venerdì 8 maggio    2020

IL FUTURO A MEMORIA

(1)

a cura di Donatello Fumarola

GARM WARS | L’ULTIMO DRUIDO

(Garm Wars: The Last Druid,  Giappone-Canada 2016, col., 89”)

regia  Mamoru Oshii

con Lance Henriksen, Kevin Durand, Melanie St. Pierre, Summer H. Howell.

Nel mondo di Annwn, dopo guerre interminabili, sopravvivono tre razze: i Briga, i Columba e i Kumtak. Insieme queste formano il Garm, una sorta di codice di appartenenza e di comportamento comune. Ma il Creatore si è misteriosamente allontanato e le creature viventi non sanno far altro che combattere tra loro per il predominio del Garm. Mamoru Oshii, creatore di Akira e Ghost in The Shell, ci ha messo più di dieci anni per realizzare questo strano, difficile film.

OPERAZIONE VEGA

(Id., Italia 1962, b/n, 73′)

regia Vittorio Cottafavi

con Aldo Giuffré, Ottorino Guerrini, Michele Malaspina, Raoul Consonni, Gastone Moschin.

In un imprecisato futuro, due confederazioni di segno ideologico opposto si sono spartite la Terra, e tentano entrambe la conquista del Sistema Solare. La colonia penale di Venere viene riadattata a base missilistica da una delle 2 superpotenze, che si prepara ad aggredire l’altra, scatenando una grave crisi internazionale. Tale progetto incontra, però, la ferma opposizione dei deportati, che ormai considerano la colonia penale venusiana come loro nuova patria, e non vogliono evacuarla per far posto alle installazioni militari.

“Da un’opera radiofonica si trae un telefilm di fantascienza disinteressato all’eccentricità di genere (ma Cottafavi qui trova i primi effetti elettronici) e concentrato sul potenziamento del celebre V-effeckt brechtiano, che infine coincide con la natura stessa del mostrarsi televisivo (potremmo ribattezzarlo TV-effekt).” (Esposito-Fumarola, Filmcritica 581/582)

I GUERRIERI DELL’ANNO 2072

(Id., Italia 1984, col., 90′)

regia Lucio Fulci

con Jared Martin, Fred Williamson, Howard Ross, Eleonora Brigliadori, Cosimo Cinieri.

Nel 2072 il network televisivo ‘W Basic’ celebra il bimillenario del Colosseo organizzando dei giochi all’ultimo sangue tra detenuti condannati a morte. Per aumentare gli ascolti, il famoso campione di motociclismo Drake viene incluso con l’inganno tra i concorrenti. Incrocio tra il cinema peplum e le tensioni post- apocalittiche rese popolari dalla saga di Interceptor (Mad Max), I Guerrieri dell’anno 2072 conferma l’eclettismo di Lucio Fulci, uno dei grandi maestri del cinema di genere.

Sabato 9 maggio    2020

IL FUTURO A MEMORIA

(2)

a cura di Donatello Fumarola

HARD TO BE A GOD                               

(Trudno byt’ godom, Russia, 2013, b/n, dur., 172’, v.o. sott.italiano)

Regia: Aleksei German

Con: Leonid Yarmolnik, Dmitri Vladimirov, Laura Pitskhelauri, Aleksandr Ilyin, Yuri Tsurilo, Yevgeni Gerchakov, Aleksandr Chutko, Oleg Botin, Pyotr Merkuryev.

Uno scienziato viene mandato sul pianeta Arkanar per aiutare una civiltà sperduta nel buio di un’eterna età medievale. Lo scienziato si sente come un Dio, deve far evolvere un popolo intero ed è diviso fra un intervento moderato e una soluzione estrema. Per prima cosa decide, esplorando borgo dopo borgo, di salvare gli intellettuali, ma la scelta si rivela ben più difficile del previsto.

Tratto dall’omonimo romanzo di Arkady e Boris Strugatsky, è l’ultimo immenso film di Aleksei German.