"Margin Call", di J.C. Chandor

La struttura di Margin Call farebbe inizialmente pensare all'adattamento di una pièce teatrale di Broadway sulla grave crisi finanziaria del 2008. La struttura in interni, la crescente claustrofobia, l'utilizzo del dialogo che tende quasi a riempire ogni spazio libero, appare simile infatti ad Americani, il film che James Foley realizzò nel 1992 adattando un testo teatrale di David Mamet.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

----------------------------------------------------------------


Margin Call
, oltre ad essere un soggetto originale (la cui sceneggiatura è scritta dallo stesso regista), è invece concepito come un thriller ed è ambientato negli uffici di una grande banca d'investimenti nelle 24 ore che precedono l'annuncio di fallimento. Qui un giovane analista scopre che le valutazioni su cui si basa la struttura commerciale dell'azienda sono sbagliate e che l'hanno spinta alla rovina. Nel corso della notte questa notizia si sparge tra  le personalità più importanti della banca che hanno convocato una riunione nella notte per cercare una via di salvezza.

Chandor, che ha alle spalle dei documentari per la tv e spot pubblicitari, arriva a realizzare il suo primo lungometraggio con un cast di prim'ordine che vede tra i protagonisti Kevin Spacey, Jeremy Irons, Paul Bettany, Zachary Quinto, Stanley Tucci, Demi Moore e Simon Baker. Paradossalmente un film del genere poteva essere adatto per un'ottima serie-tv vista anche la densità narrativa che il cineasta riesce raramente a padroneggiare, preoccupato di saltare qualche passaggio ma al tempo stesso senza avere quella capacità di filmare la parola per farle acquistare quello spessore decisivo e farla diventare principale motore della tensione.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------

Le vetrate degli edifici, i grattacieli di New York potrebbero creare quella sensazione di isolamento, ma i salti nel vuoto sono intermittenti, le performances degli attori (particolarmente su di giri Jeremy Irons) a tratti separate dal contesto e alcune soluzioni visive molto discutibili come il dialogo tra Simon Baker e Demi Moore in ascensore con la donna delle pulizie in mezzo. Americani è un modello da seguire ma anche senza riferirsi a quel film, Margin Call ha promesso di più di quello che ha realmente mantenuto.

 

Titolo originale: id.
Regia J.C. Chandor
Interpreti: Kevin Spacey, Paul Bettany, Zachary Quinto, Penn Badgley, Simon Baker, Aasif Mandvi, Mary McDonnell, Demi Moore, Ashley Williams, Al Sapienza, Stanley Tucci, Jeremy Irons

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------
Origine: USA, 2011
Distribuzione: 01 Distribution
Durata: 109'