NAPOLIFILMFESTIVAL 11 – Sotto il segno di Bresson

NapoliFilmFestival

A dieci anni dalla scomparsa, il festival partenopeo omaggia il maestro francese con una retrospettiva. Ma non si tratta dell’unico appuntamento di quest’edizione. Dal 10 al 15 giugno, ancora una volta sulla ‘cima’ della città, a Castel Sant’Elmo

NapoliFilmFestivalIl NapoliFilmFestival compie undici anni e, per la seconda volta, sceglie di festeggiare sulla cima della città, a Castel Sant’Elmo. Dal 10 al 15 giugno sei giorni di cinema: cinque concorsi, retrospettive, incontri ravvicinati con ospiti italiani e internazionali. Al centro della rassegna, come sempre curata da Mario Violini e Azzolini, il concorso “Europa Mediterraneo”, che quest’anno vedrà in gara cinque lungometraggi: il francese J'ai toujours rêvé d'être un gangster di Samuel Benchetrit, il romeno Exchange di Nicolae Margineanu, Kino lika  del croato Dalibor Matanic, lo spagnolo Lost in Galicia di Ángel de la Cruz, il serbo Goran Markovic con The Tour. Cinque film anche per la sezione “Nuovo Cinema Italia”, riservata alle produzioni italiane indipendenti e a basso budget. Si tratta di Brokers eroi per gioco di Emiliano Cribari, Le dolci colline di Fabio Palmieri, Narciso, dietro i cannoni, davanti ai muli di Paolo e Marcello Baldi, Non lo so di Alessandro e Cristiano De Felice, Tutti intorno a Linda di Monica e Barbara Sgambellone. Fuori concorso Adius, Piero Ciampi ed altre storie di Enzo Alovisi, documentario sul grande, purtroppo dimenticato, cantautore livornese. Le altre, ormai tradizionali, sezioni competitive sono “SchermoNapoli Documentari” e “SchermoNapoli Corti”, dedicate alle opere documentaristiche e di fiction girate da registi partenopei o ambientate a Napoli. Quest’anno, a completare il quadro, si aggiunge il nuovo concorso “SchermoNapoli Quick”: dieci cortometraggi di giovani registi di incentrati sulle opere d’arte conservate nei musei della città. Binomio cinema e arte che ritorna in uno degli eventi di questa edizione, organizzato in collaborazione con il MADRE, il Museo d’Arte contemporanea Donna REgina: la proiezione, prevista per il 13 giugno, di Hunger, il film di Steve McQueen, Camera d’Or a Cannes nel 2008 e riproposto all’ultimo Torino Film Festival. I percorsi di autore di quest’anno, invece, ritrovano il cinema di Robert Bresson, il grande regista francese scomparso dieci anni fa, e del napoletano Francesco Rosi, a cui sarà dedicata una retrospettiva completa. E sarà proprio la proiezione de Le mani sulla città ad aprire ufficialmente il festival. Tra gli ospiti annunciati Giovanni Minoli, direttore di Rai Educational, il regista Stefano Incerti, le attrici Laura Morante e Isabella Rossellini, che presenterà in anteprima italiana la sua ultima produzione, la seconda serie di Green Porno, brevi documentari sulla vita sessuali degli animali. A concludere, il 15 giugno, l’attore americano Matt Dillon. Non mancheranno inoltre gli appuntamenti con gli studenti. Quest’anno, a ‘Parole di Cinema’, i protagonisti saranno Roberto Andò, Paolo Benvenuti, Maurizio Casagrande, Roberto Herlitzka, Pasquale Falcone, Rosaria De Cicco, Gianfranco Pannone. Da segnalare, infine, due appuntamenti collaterali. Da un lato le mostre fotografiche con gli scatti di Alfonso Avincola sui set dei film prodotti da Dino De Laurentiis e di Marina Alessi sui set dei “Cinepanettoni”, dall’altro la seconda edizione di CartooNA, rassegna di animazione nata dal progetto VisioNa, l’annale delle arti visive, nata in collaborazione con il Comicon, salone internazionale del fumetto di Napoli.       
------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #8