"Non voglio sopravvivere. Voglio vivere". 12 Years a Slave di Steve McQueen: il trailer

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Il trailer è visibile anche qui in HD

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
----------------------------------------------------------------

In anteprima mondiale al 38°Toronto International Film Festival, 12 Years a Slave di Steve McQueen rappresenta un momento importante per la carriera del regista e videoartista inglese.

Qui infatti l'autore di Hunger e Shame si misura con con un'autobiografia – quella di Solomon Northup, carpentiere e violinista, nato libero a New York e fatto prigioniero per dodici anni in una Louisiana che nel 1865, due anni dopo Il Proclama di emancipazione di Lincoln, contava ancora migliaia di schiavi in catene nelle piantagioni e nelle ville dei grandi proprietari terrieri.

Un testo che affronta in chiave intima e personale l'esperienza della schiavitù: del resto, anche in Hunger la vita di Bobby Sands, con tutte le sue implicazioni storiche e politiche, veniva raccontata dal regista con violente pennellate tese non tanto a ricostruire la vicenda, quanto a darne conto nella chiave di un'esistenza umana e del suo spingersi ossessivo ai confini di una libertà, possibile o impossibile, che è affermazione di sè e dignità. “I don’t want to survive" dice Solomon – "I want to live.”


---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------
Michael Fassbender in12 Years a Slave di Steve McQueen - trailerPaul Giamatti, nei panni di uno dei mercanti di schiavi più potenti d'America, ha definito 12 Years a Slave un vero e proprio horror per il realismo con cui ricostruisce il pensiero e i sentimenti  comuni dell'epoca.

Michael Fassbender, da sempre eroe/antieroe per McQueen, stavolta è uno spietato schiavista, Edwin Epps, come pure Paul Dano e Benedict Cumberbatch, mentre a Brad Pitt, coinvolto anche come produttore, è affidato un personaggio positivo: Samuel Bass, falegname canadese abolizionista che lavorava per Epps e che rischiò personalmente la vita per recapitare alla moglie di Northup le sue lettere. Apparentemente l'uomo, rapito, era scomparso nel nulla: senza questo intervento probabilmente non sarebbe riuscito a tornare in libertà.

Chiwetel Ejiofor in 12 Years a Slave di Steve McQueen - trailerIl resto del cast, di buon livello, comprende Scoot McNairy, Sarah Paulson, Michael Kenneth Williams, Adepero Oduye, Lupita Nyong'o, Alfre Woodard e Quvenzhané Wallis. Nel ruolo del protagonista, Chiwetel Ejiofor (Inside Man, I figli degli uomini, American Gangster, Salt, Z for Zachariah). La foto è del valido Sean Bobbitt (Shame, Hunger, Come un tuono, Byzantium) la direzione artistica di David Stein (Eternal Sunshine of the Spotless Mind, Il cigno nero) le musiche di Hans Zimmer.

Riconquistata la libertà, Solomon Northup raccontò la sua storia, non solo nelle sue memorie, ma anche in conferenze e letture organizzate dai movimenti abolizionisti. Il 20 luglio 2013 alcune scene del film di McQueen saranno proiettate per la prima volta durante il Solomon Northup Day, che si tiene ogni anno presso lo Skidmore College di Saratoga Springs, New York.

Michael Fassbender e Chiwetel Ejiofor in 12 Years a Slave di Steve McQueen - trailer12 Years a Slave esce nelle sale USA il 18 ottobre 2013 per Fox Searchlight, in Europa a partire da gennaio 2014 (ancora nessuna data per l'Italia).

Nella nostra gallery, le nuove immagini e il poster ufficiale.