Rachel Sennott, da Shiva Baby a The Idol

Salita alla ribalta grazie alla collaborazione con la regista Emma Seligman, l’attrice americana ha raggiunto il successo con Bottoms e The Idol ed è ora al cinema con Finalmente l’alba

--------------------------------------------------------------
CORSO ESTIVO DI CRITICA CINEMATOGRAFICA DAL 15 LUGLIO

--------------------------------------------------------------

Immagina un Fight Club tutto al femminile, ideato da Pj e Josie, due amiche lesbiche impopolari al liceo. Ora immagina che le due si fingano ex detenute di un carcere minorile e che abbiano orchestrato il club di autodifesa con lo scopo di conquistare le ragazze dei loro sogni. Stiamo parlando di Bottoms, film del 2023 diretto da Emma Seligman, che vede Rachel Sennott vestire i panni di PJ, una delle due protagoniste. L’attrice, interprete feticcio di Seligman, è stata chiamata ad affiancare la stessa regista anche per la sceneggiatura. Un film irriverente, coraggioso e meravigliosamente moderno che porta in auge quelli che sono gli stereotipi del coming of age e li ribalta senza pietà.

--------------------------------------------------------------
CORSO DI PRODUZIONE E DISTRIBUZIONE CINEMATOGRAFICA: ONLINE DAL 15 LUGLIO

--------------------------------------------------------------

Anche Rachel Sennott, proprio come il film, è una ventata di aria fresca, determinata e controcorrente. L’attrice statunitense, classe ’95, ha cominciato la sua carriera recitando in commedie nelle serate open mic e in diversi film studenteschi. Tra questi il corto Shiva Baby diretto da Emma Seligman la quale, in occasione del suo progetto di tesi, assegna il ruolo di Danielle a Rachel. L’attrice non nega che l’affinità creatasi con il suo personaggio è avvenuta in maniera istantanea. Anche Rachel, proprio come Danielle, era una ragazza ansiosa, incerta sul suo futuro e con la pressione di deludere la sua famiglia.

----------------------------
UNICINEMA QUADRIENNALE:SCARICA LA GUIDA COMPLETA!

----------------------------

“Abbiamo realizzato il cortometraggio per Shiva Baby alla fine del mio ultimo anno [alla New York University], e Rachel e io abbiamo scoperto che eravamo due delle uniche persone che conoscevamo a scuola che volevano davvero parlare delle nostre idee e parlare delle nostre ambizioni nella nostra carriera e non vergognarci di dire che avevamo dei sogni e che volevamo scrivere cose diverse” afferma la Seligman, in un’intervista con IndieWire. Continua dicendo: “Ci incontravamo ogni settimana e scrivevamo e mi sentivo come ‘Oh, ok, questa ragazza mi sta davvero ritenendo responsabile, e sta funzionando‘”. Anche Sennott, durante l’intervista, sottolinea l’unicità del loro rapporto: ”Emma ed io abbiamo avuto un legame profondo perché entrambe volevamo farlo e non avevamo paura di dire: ‘Voglio farlo’“.

Emma Seligman e Rachel Sennott – Shiva Baby

Nel 2020 l’attrice, oltre a ricoprire il ruolo di Hannah Rosen in Tahara di Olivia Peace, torna a rivestire i panni di Danielle nel lungometraggio di Shiva Baby. Una cosa in particolare sta a cuore ad entrambe le artiste, ossia “un interesse comune nel rappresentare i sentimenti di essere una giovane donna”. Vogliono raccontare storie di donne incasinate e imperfette, dalle quali trarre elementi comici, ma anche tanta verità.

Rachel Sennott ricorda che al liceo amava far ridere la gente ed esibirsi, ma non sapeva ancora cosa fosse la stand-up. In seguito ha frequentato la New York University, un’esperienza cruciale che le ha permesso di incontrare persone interessanti e dedicarsi a pieno alla sua passione. Racconta però che le parti attoriali studiate durante il periodo scolastico sono state poco stimolanti per la sua formazione. Gli insegnanti cercavano di “appianare tutti in modo che fossimo uguali, quindi tutti pronunciavamo il monologo allo stesso modo, quando il punto è differenziarsi”. Alla fine ha saltato numerose lezioni per dedicarsi alla stesura dei suoi schizzi stand-up e a realizzare i progetti degli altri studenti di cinema. Aveva tanta voglia di sperimentare e portava avanti ogni proposta: “Ho detto sì a qualsiasi cosa e volevo solo vedere come sarebbe andata a finire”.

All’inizio della carriera, secondo le parole dell’attrice, la sua autoironia le ha dato la possibilità di raggiungere una maturità importante. I suoi disturbi alimentari la facevano sentire insicura e il suo corpo la metteva a disagio. Ci sono stati dei momenti difficili, che ha superato sfruttando la tristezza in funzione della sua passione. Attraverso una sorta di “strumentalizzazione del dolore”, ha trasformato le cattiverie che le venivano dette in battute stand-up. Il successo di Sennott è arrivato però nel 2023, con la serie The Idol (a fianco a Lily-Rose Depp e the Weeknd) e con Bottoms, distribuito da Prime Video. Inoltre, è di recente uscito nelle sale il nuovo film di Saverio Costanzo Finalmente l’alba, in cui l’attrice dà nuovamente prova del suo talento attoriale negli ammalianti panni dell’attrice Nan Roth.

----------------------------
SCUOLA DI CINEMA TRIENNALE: SCARICA LA GUIDA COMPLETA!

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative