#RomaFF17 – Rapiniamo il Duce. Incontro con Renato De Maria e il cast

Disponibile su Netflix dal 26 Ottobre, la pellicola interpretata da Pietro Castellitto, Matilda De Angelis, Maccio Capatonda. Anteprima al Roma Film Festival 2022, ecco l’incontro con la stampa

-----------------------------------------------------------
UNICINEMA LAST MINUTE! – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ. APERTE ANCORA LE ISCRIZIONI PER IL 2023!


-----------------------------------------------------------

Pietro Castellitto, Matilda de Angelis, Maccio Capatonda, Alberto Astorri e Matilda Ferrari. Il cast è la premessa di Rapiniamo il Duce, che fonde il genere e la commedia. Avvalendosi della collaborazione tra i grandi nomi degli interpreti protagonisti, gli attori raccontano un clima di serenità sul set. Il lavoro di ricostruzione, oltre che storiografica, passa anche per le direttive che il regista Renato De Maria (La vita oscena, Lo spietato) dà al cast. Matilda de Angelis parla della sua ricerca per il ruolo: Mi sono divertita molto. Mi è piaciuto cantare, perché ci tenevo. Io sono partita da una reference strana, ovvero Madame Gina in Porco Rosso di Miyazaki, la cantante dell’hotel, che poi è un po’ una terra di mezzo. Un luogo dove si ritrovano fascisti,  spie, ladri, prostitute. Trovavo molto bella questa capacità, secondo me molto femminile, di abbracciare più contraddizioni. 

----------------------------
SENTIERISELVAGGI21ST N.12 – COVER STORY: TOM CRUISE, THE LAST MOVIE STAR

----------------------------

Ma la sala conferenze dell’Auditorium si accende quando prende il microfono il re indiscusso del nonsense, Maccio Capatonda, che commenta scherzosamente: “Mah, per me scrivere, dirigere, montare e interpretare Rapiniamo il Duce è stata una impresa non da poco. Sentivo il peso delle aspettative del mondo intero sulle mie spalle”.

--------------------------------------------------------------
SENTIERI SELVAGGI BLACK FRIDAY

--------------------------------------------------------------

In quanto alla ricerca e lo studio per l’ambientazione storica De Maria parla di come già da tempo desiderasse dirigere un film di genere e di come desiderasse parlare della leggenda dell’immenso tesoro di Mussolini.

“Dopo aver girato un documentario nel 2017 chiamato Italian Gangsters, ho studiato le biografie di gangster negli anni ’40 e ’50 a Milano. Poi siamo partiti a ragionare con gli sceneggiatori (Federico Gnesini, Valentina Strada) su una storia con al centro questo fantomatico tesoro di Mussolini”.

Emerge chiaramente la forza di una storia comunitaria condivisa tra molteplici protagonisti. Diverse età per diverse qualità fanno un film completo, e l’affiatamento tra loro viene a galla tra momenti di affetto e scambi di battute.

--------------------------------------------------------------
LAST MINUTE SCUOLA TRIENNALE 2022-23

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative