TORINO FILM FESTIVAL 26 – Il programma de LA ZONA

historias_extraordinariasAl secondo anno, LA ZONA conferma e rafforza la sua caratteristica di essere la sezione in cui l’istinto di ricerca del TORINO FILM FESTIVAL si concentra nei territori del cinema meno allineato alle traiettorie convenzionali. Con una selezione di 34 opere di vario metraggio (dalle quasi cinque ore del formidabile Now Showing, del giovane ma già affermato regista filippino Raya Martin, ai 30” dei frammenti che compongono Stereo Towards Infinite, del gruppo catanese Cane Capovolto), LA ZONA offre un panorama intenso e variegato del cinema attuale, muovendosi alla ricerca di autori giovani ed emergenti, mentre coltiva passioni e personalità già consolidate e fondamentali nello scenario internazionale. Di assoluto rilievo è poi la presentazione in prima internazionale di Historias Extraordinarias, formidabile esordio dell’argentino Mariano Llinas, film-fiume di oltre quattro ore che s’inarca su una tensione narrativa elevata a potenza nell’intreccio di tre storie indipendenti, in cui nella forma del mistero e del giallo si rispecchia il passato più radicale e il presente più spiazzato dell’Argentina.

-----------------------------------------------------------
SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI: APERTE LE ISCRIZIONI ANNO 2022-23


-----------------------------------------------------------

historias_extraordinarias 

----------------------------
OPEN DAY SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI

----------------------------

LUNGOMETRAGGI

ARUITEMO ARUITEMO / STILL WALKING

di Hirokazu Kore-Eda (Giappone, 2008, 35mm, 114’)

Fratello e sorella, Ryota e Chinami si recano come ogni anno in visita

dai genitori. Per Ryota è loccasione di presentare la nuova moglie, una

giovane vedova madre di un bambino, ma durante il weekend emergono

i contrasti del passato e il ricordo del fratello morto anni prima.

Dallautore di After Life, un dramma alla Ozu, dolce e spietato come

solo le relazioni familiari sanno essere.

Mar./Tue. 25, 22.30 M3 – Mer./Wed. 26, 11.00 M3

Sab./Sat. 29, 15.00 G3

 

LE BATTEMENT D'AILES D'UN PAPILLON –

FILM SUR UN FILM INACHEVE

di Aleksandr Balagura (Francia/Ukraina, 2008, Betacam, 64’)

Il diario della nostalgia di un regista sospeso tra il passato in Ucraina e

il presente in Italia, tra la vita vissuta e i film girati, persi, ritrovati

Dalla lontananza di una nuova patria, il ricordo di Balagura balugina tra

atti filmati, osservati, vissuti, in cerca di unidentità e di una storia al di

là della confusione interiore.

Ven./Fri. 21, 18.00 G3 – Mar./Tue. 25, 20.00 G3

Mer./Wed. 26, 22.00 G3

 

EL CANT DELS OCELLS

di Albert Serra (Spagna, 2008, 35mm, 98’)

Dopo il controcanto del Don Chisciotte in Honor de cavaleria (primo

premio a Torino 2006), Serra prosegue la sua rilettura in minore dei miti

della cultura occidentale raccontando il viaggio dei Re Magi. Buffi e

impacciati, ma parecchio tenaci, tra il deserto di sabbia e quello dei

ghiacci, i tre misteriosi re incarnano lessenza dellumanità, le sue origini,

il suo bisogno di sacralità, forse la sua inutilità.

Mer./Wed. 26, 16.00 M3 – Ven./Fri. 28, 19.45 M3

Sab./Sat. 29, 9.00 G3

 

HISTORIAS EXTRAORDINARIAS

di Mariano Llinás (Argentina, 2008, DigiBeta, 252’)

X si impossessa della valigetta di un tale che ha visto uccidere. Z scopre

strani intrecci nel passato del morto di cui ha preso il posto di lavoro.

H segue il corso di un fiume per trovare le tracce di un progetto

abbandonato e incappa in un individuo che invece le sta distruggendo

Tre personaggi, tre misteri nel cuore dellArgentina, per un filmfiume

tra figure e paesaggi in perdita didentità. Un appassionante

esordio che lascia il segno.

Dom./Sun. 23, 15.00 M3 – Ven./Fri. 28, 10.30 G3

Sab./Sat. 29, 20.00 G3

 

NOW SHOWING

di Raya Martin (Filippine, 2008, DigiBeta, 280’)

Vita di Rita, che ha il nome di una star di Hollywood e cresce in uno dei

più antichi quartieri di Manila sognando il cinema e se stessa, sospesa

tra la madre sempre occupata e i ricordi in bianco e nero della zia. Dopo

Autohystoria, torna Raya Martin con unepopea che racconta lo spazio

intimo di un popolo e del suo immaginario.

Sab./Sat. 22, 10.00 G3 – Dom./Sun. 23, 18.00 G3

Gio./Thu. 27, 19.00 M

 

NUCINGEN HAUS

di Raoul Ruiz (Francia/Cile, 2008, HD, 94)

Anni ’30. Un ricco americano che vive a Parigi si reca in Cile con la

moglie per visitare una villa vinta al gioco. Ma nellabitazione, oltre ai

vecchi proprietari, risiedono anche altri spiriti inquieti Tratto da

Balzac, un racconto gotico in cui Ruiz libera lironia e laudacia sperimentale

del suo cinema. Horror, mystery, forse parabola filosofica.

Come sempre, e per fortuna, inclassificabile. Con Jean-Marc Barr.

Sab./Sat. 22, 20.30 M3 – Dom./Sun. 23, 11.00 M3

Sab./Sat. 29, 12.15 M3

 

PANE/PIAZZA DELLE CAMELIE

di Tonino De Bernardi (Italia, 2008, Betacam, 97’)

La Toscana, un forno a legna, due anziani panificatori, una notte trascorsa

osservando il loro lavoro; ma anche la periferia romana di

Centocelle, dove i giovani cercano vite e amori. Due film in uno, trovati

nelle lontane province di Tonino De Bernardi. Dolci derive della passione,

tra Dumas, Rilke, Mozart, Aznavour

Sab./Sat. 22, 17.45 G1 – Dom./Sun. 23, 12.30 G3

Ven./Fri. 28, 22.45 G3

 

PARADE

di Brandon Cahoon (USA, 2008, DigiBeta, 83’)

Per lultimo anno di liceo, Dean si trasferisce dal cugino in un paese

dello Utah. La vita dei due ragazzi scorre tra serate alcoliche, pomeriggi

a scuola e amori passeggeri. Ispirato da Van Sant e Gordon Green,

accompagnato da Cat Power e i Belle and Sebastian, Cahoon filma il

Midwest tra derive fisiche ed emotive.

Sab./Sat. 22, 14.00 M3 – Mer./Wed. 26, 20.00 M3

Gio./Thu. 27, 15.30 G3

 

TRILOGIA: IL PENSIERO,

LO SGUARDO, LA PAROLA

di Luciano Emmer (Italia, 2008, Betacam, 60’)

Instancabile appassionato di vita e di cinema, mosso da uninesauribile

curiosità intellettuale, Emmer riflette sullumanità con una trilogia

dedicata al sapere della filosofia antica, allo sguardo nella storia dellarte

e alla parola della letteratura e del pensiero individuale. Cinema

che viene dal cuore: unico, sincero, raro.

Dom./Sun. 23, 20.00 M3 – Lun./Mon. 24, 9.30 M3

Sab./Sat. 29, 18.15 M3

 

A ZONA

di Sandro Aguilar (Portogallo, 2008, 35mm, 99’)

Un uomo vede morire il padre, una donna incinta perde il marito: figure

in perdita di altre figure sullo sfondo di una città scontornata tra ombre

e luci. Latteso esordio nel lungometraggio del portoghese Sandro Aguilar

è unimmersione nella profondità di un cinema che pulsa di stati di

coscienza, di improvvise solitudini e di inattese liberazioni.

Ven./Fri. 21, 20.45 M3 – Lun./Mon. 24, 18.00 G3

Gio./Thu. 27, 21.00 G3

 

 

CORTOMETRAGGI E MEDIOMETRAGGI

5 COLORI

di Olivo Barbieri (Italia, 2008, DVD, 6’)

Una carrellata in avanti in un corridoio e cinque colori che si aprono a un

caleidoscopio multiforme. Tra Mark Rothko e Piero Dorazio, una perla di

cinema espressionista astratto, allucinato eppure dolcemente malinconico.

Mar./Tue. 25, 22.30 M3 – Mer./Wed. 26, 11.00 M3

Sab./Sat. 29, 15.00 G3

 

AHENDU NDE SAPUKAI / I HEAR YOUR SCREAM

di Pablo Lamar (Argentina/Paraguay, 2008, 35mm, 12’)

Nel controluce di una collina lontana, dalla sagoma di una casa si

snoda un funerale, che trascende nella luce dellalba. Il tempo come

limite estremo del visibile: tutto tende alla fine, nel silenzio

Mer./Wed. 26, 16.00 M3 – Ven./Fri. 28, 19.45 M3

Sab./Sat. 29, 9.00 G3

 

ALMAS SANTAS ALMAS PACIENTES

di Cecilia Traslaviña (Colombia, 2007, DigiBeta, 15’)

Una donna, il cimitero, la tomba del padre: il culto dei morti come

mascheramento gotico della solitudine in un capolavoro danimazione,

sfumato tra surrealismo dorrore e languori esistenziali.

Sab./Sat. 22, 20.30 M3 – Dom./Sun. 23, 11.00 M3

Sab./Sat. 29, 12.15 M3

 

CHAINSAW

di Dennis Tupicoff (Australia, 2007, Betacam, 24’)

Cosa centra il cuore ferito di un tagliaboschi tradito dalla moglie col mito

del torero Dominguin invaghito di Ava Gardner? Sovrapposizione diimmaginari

altri e bassi per un cartoon sospeso tra culti pop e rudezze country.

Sab./Sat. 22, 14.00 M3 – Mer./Wed. 26, 20.00 M3

Gio./Thu. 27, 15.30 G3

 

CODA

di Marcos Camargo (Brasile, 2008, Betacam, 9’)

Tre figure femminili, tre elementi naturali, che prendono forma da un

carillon e si confondono nella solitudine della metropoli. Nel segno del

desiderio di creazione di Nietzsche: Bisogna avere un caos dentro di

sé, per generare una stella danzante.

Sab./Sat. 22, 14.00 M3 – Mer./Wed. 26, 20.00 M3

Gio./Thu. 27, 15.30 G3

 

CONVITE PARA JANTAR COM O CAMARADA STALIN

di Ricardo Alves Junior (Brasile/Argentina, 2007, 35mm, 10’)

Due anziane donne, passi lenti in una vecchia casa, dalla radio un

tango languisce, fuori una nave piange la sua sirena e la luce del sole

abbaglia il tempo, che scorre lento: lattesa tradita della vita!

Mer./Wed. 26, 16.00 M3 – Ven./Fri. 28, 19.45 M3

Sab./Sat. 29, 9.00 G3

 

COSA CHE FUGGE

di Mauro Santini (Italia, 2008, DigiBeta, 5’)

Il paesaggio fugge di là dal finestrino e gli affetti emergono dalla

memoria del presente. Unaltra scheggia danima sfuggita allo sguardo

abbagliante di Mauro Santini.

Mar./Tue. 25, 22.30 M3 – Mer./Wed. 26, 11.00 M3

Sab./Sat. 29, 15.00 G3

 

KAMEL SEST SUICIDE SIX FOIS, SON PERE EST MORT

di Soufiane Adel (Francia, 2007, 35mm, 9’)

Un uomo muore in un ospizio. Attorno al suo corpo, i familiari lo accudiscono,

lo piangono e pregano per la sua anima. La morte come presenza

fisica della vita in unopera che sembra una domanda rivolta a

Dio, destinata a rimanere senza risposta.

Mer./Wed. 26, 16.00 M3 – Ven./Fri. 28, 19.45 M3

Sab./Sat. 29, 9.00 G3

 

PAISAGEM URBANA COM RAPARIGA E AVIÃO

di João Figueiras (Portogallo, 2008, 35mm, 24’)

Il portoghese Dino e la russa Helena si amano e convivono, ma poi, in

attesa di un figlio, perdono la casa. Come sopravvivere? Una storia

damore quasi sussurrata, gentile, drammatica, per lo sguardo già

maturo di un giovane regista.

Ven./Fri. 21, 20.45 M3 – Lun./Mon. 24, 18.00 G3

Gio./Thu. 27, 21.00 G3

 

PLOT POINT

di Nicolas Provost (Belgio, 2007, 35mm, 14’)

New York, Manhattan, Times Square. Folla, caos, rumore. Pericolo. La polizia

osserva, controlla, attende di entrare in azione. Il videoartista Provost

raccoglie frammenti di realtà e li ricompone come un thriller. Una folgorante

lezione di sguardo e finzione accompagnata dalla musica di Moby.

Sab./Sat. 22, 17.45 G1 – Dom./Sun. 23, 12.30 G3

Ven./Fri. 28, 22.45 G3

 

STEREO TOWARDS INFINITE

di CaneCapovolto (Italia, 2008, DVD, 40×30’’)

30 droni (o micro-sequenze) da 30: frammenti di suoni/immagini/testi

offerti dal gruppo CaneCapovolto come haiku a struttura unfixed,

variabile a ogni proiezione. Proposti a grappolo, come un disturbo di

programmazione della Zona, ma anche tutti assieme, alla presenza

dei guastatori catanesi.

Sab./Sat. 29, 14.15 G3

 

LA VIE LOINTAINE

di Sébastien Betbeder (Francia, 2008, 35mm, 56’)

Riavutosi da un lungo coma, un giovane si ritira in una villa ai margini

di un bosco e, tra fantasmi, registi e strane figure, si ritrova sospeso in

un afterlife che abita la realtà e il tempo presente. Dal regista di Nuage,

ancora unimmersione nei risvolti metafisici dellidentità, in cerca di una

nuova definizione del reale.

Ven./Fri. 21, 18.00 G3 – Mar./Tue. 25, 20.00 G3

Mer./Wed. 26, 22.00 G3

 

VIOLA: THE TRAVELING ROOMS OF A LITTLE GIANT

di Shih-Ting Hung (USA, 2008, HD, 9’)

Viola ha sette anni e vede il mondo come una successione di gradini

verso nuove realtà. Un piccolo capolavoro di animazione classica e digitale

sorretto da unincredibile forza visionaria.

Sab./Sat. 22, 20.30 M3 – Dom./Sun. 23, 11.00 M3

Sab./Sat. 29, 12.15 M3

 

PROGRAMMA STEPHEN DWOSKIN

ASCOLTA! (UK, 2008, Betacam, 7’)

Il piano sequenza scandaglia il tempo delle lacrime sul volto pallido

della protagonista. Intanto la Turandot di Puccini riecheggia distante:

Ah, signore, ascolta! Liù non regge più, si spezza il cuor”…

 

MOM (UK, 2008, Betacam, 13’)

Irma Dwoskin: 10 ottobre 1911 – 24 maggio 2008. Schegge di Super8

familiari dalla memoria del figlio Stephen: frammenti di vita, con la pellicola

che finisce sul fotogramma di un bacio bambino

 

THE SUN AND THE MOON (UK, 2007, Betacam, 60’)

Madida di pioggia, bianca come la luna, gli occhi azzurri: la bellezza si

affaccia sul cuore di tenebra di una notte di tempesta. Corpi candidi e

immagini sofferenti si abbracciano tra lacrime e grida di terrore. Lo

sguardo di Stephen Dwoskin sopporta il dolore e supporta una personale

rilettura de La Bella e la Bestia.

Sab./Sat. 22, 15.00 G3 – Lun./Mon. 24, 16.15 G3

Ven./Fri. 28, 22.45 M3

 

PROGRAMMA KEN JACOBS

RETURN TO THE SCENE OF CRIME

(USA, 2008, DigiBeta, 93’)

La scena del crimine cui Ken Jacobs fa ritorno è quella di Tom,Tom,

The Pipers Son, il suo lavoro più celebre: dopo quasi quarantanni, il

grande regista sperimentale torna infatti sulle immagini del vecchio

rullo del 1905 e le rimette in gioco basandosi sulla tecnica digitale. Da

una scena dal sapore bruegeliano, un balletto astratto che si perde

nella grande vertigine del Cinema.

 

THE SCENIC ROUTE

(USA, 2008, DigiBeta, 25’)

Jacobs riparte ancora dallorigine del cinema per mettere in crisi la

natura dellimmagine. Un lavoro che apparentemente fuoriesce dallo

schermo, minacciando linee di demarcazione ovunque.

Lun./Mon. 24, 22.15 G3 – Mar./Tue. 25, 22.30 G3

Gio./Thu. 27, 11.00 3

 

TOM, TOM, THE PIPER’S SON

(USA, 1969, DigiBeta, 122’)

Il famoso esperimento di Ken Jacobs, che scandaglia con lobiettivo un rullo dellAmerican Mutoscope & Biograph datato 1905, ri-fotografandolo più volte. Uno dei capisaldi del cinema strutturalista della fine dei 70, riproposto assieme al suo teorico remake, Return to The Scene of The Crime.

Sab./Sat. 22, 20.15 G3 – Mar./Tue. 25, 11.30 M3 Ven./Fri. 28, 20.15 G3

 

OMAGGIO A KOHEI OGURI

DORO NO KAWA / MUDDY RIVER

(Giappone, 1981, 35mm, 105’)

Giappone, 1956. Un bambino fa amicizia con un ragazzino che vive con madre e sorella a bordo di una casa galleggiante: i giochi, le liti, le curiosità, gli addii. Un racconto di formazione che già contiene la poetica di Oguri: il trauma della guerra, linnocenza dei giovani, la calma della natura, la conflittualità degli uomini. Nomination allOscar per il miglior film straniero.

Lun./Mon. 24, 14.00 M3 – Mar./Tue. 25, 18.00 G3

 

KAYAKO NO TAMENI / FOR KAYAKO

(Giappone, 1984, 35mm, 117’)

Una storia damore nel dopoguerra giapponese, che vede legati un coreano e la giapponese Kayako, anchessa figlia di immigrati coreani: tratta dal romanzo di Hwe-Song Lee, lopera seconda di Oguri è una profonda e sobria riflessione sul destino che intreccia le tante realtà della storia giapponese.

Lun./Mon. 24, 20.00 M3 – Mer./Wed. 26, 18.15 G3

 

SHI NO TOGE / THE STING OF DEATH

(Giappone, 1990, 35mm, 115’)

Sposatisi durante la guerra, Toshio e Miho vedono andare in frantumi la loro vita quando la donna scopre una relazione del marito e trascina la famiglia in un vortice di rabbia e vendetta. Da un romanzo di Toshio Shimao, un apologo sul tumulto delle passioni e sui mutamenti sociali del Giappone del dopoguerra. Gran premio della giuria a Cannes.

Mar./Tue. 25, 14.00 M3 – Gio./Thu. 27, 18.00 G3

 

NEMURU OTOKO / SLEEPING MAN

(Giappone, 1996, 35mm, 103’)

Takuji dorme da anni, da quando è salito sui monti e ha incontrato gli spiriti che li popolano. I vecchi genitori lo accudiscono e lintero villaggio sembra sospeso sul suo sonno infinito. Il primo film scritto dallo stesso Oguri e anche il primo che gira nella natia Prefettura di Gunma. Un sogno sospeso su un mondo che attende lavvento inenarrabile della verità.

Mer./Wed. 26, 14.00 M3 – Ven./Fri. 28, 17.45 G3

 

UMOREGI / THE BURIED FOREST

(Giappone, 2005, 35mm, 93’)

La scoperta di una foresta pietrificata sottoterra consente agli abitanti di un villaggio di incontrarsi e condividere il senso di appartenenza a un mondo di valori, ricordi e speranze per il futuro. Il film che ha regalato ad Oguri la notorietà in occidente: magico, sospeso, delicato, vicino al respiro primordiale della natura e al cuore degli uomini. Indimenticabile

la sequenza degli animali di carta volanti.

Sab./Sat. 22, 22.30 G3 – Gio./Thu. 27, 14.15 M3 Sab./Sat. 29, 17.30 G3

--------------------------------------------------------------
Le Arene estive di Cinema a Roma

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative