UNKNOWN PLEASURES (6) - "De la guerre", di Bertrand Bonello


Mercoledì 29 febbraio riparte la rassegna Unknown Pleasures, con uno dei nuovi titoli del catalogo Indie Frame, De la guerre di Bertrand Bonello, cineasta che si impone per lo sguardo fieramente utopico con cui racconta una strenua lotta dell’individuo nei confronti della società, spesso improntata sulla negazione o l’impossibilità di provare piacere, uno scontro qui innestato sui corpi plastici di Mathieu Amalric e Asia Argento

Unknown Pleasures è da Sentieri selvaggi, via Carlo Botta 19 Roma, ingresso gratuito

De la guerre di Bertrand BonelloA dispetto di un numero esiguo di film, la poetica di Bertrand Bonello si impone per uno sguardo fieramente utopico nell’ostinazione con cui racconta una strenua lotta dell’individuo nei confronti della società, spesso improntata sulla negazione o l’impossibilità di provare piacere.

Non fa eccezione il suo quarto e penultimo lungometraggio, De la guerre, in cui il protagonista, Bertrand (Amalric) – di nuovo un regista dopo il Jean Pierre Léaud di Le pornographe – vive una crisi d’ispirazione ed esistenziale che lo porta a seguire uno sconosciuto in un un castello fuori Parigi, immerso nel verde – le Royaume, il Regno – dove uomini e donne tentano di riappropriarsi di se stessi attraverso tecniche guerriere e meditative impartite da una sacerdotessa interpretata da Asia Argento. Ed è proprio sui corpi di Mathieu Amalric e Asia Argento, “raddoppiati” dalle figure di Guillaume Depardieu e Clotilde Hesme, che Bonello costruisce il suo nuovo racconto dicotomico, dopo il conflitto generazionale padre-figlio di Le pornographe e quello sessuale di Tiresia.


In De la guerre lo scontro si assesta tra il terreno della parola e della razionalità attribuito al Bertrand di Amalric, che tenta di opporre alla perdita di sé la sua capacità affabulatrice, continuando a creare storie, inventare trame per film che non verranno mai alla luce, e quello fisico e istintuale di un’Asia Argento che il cinema francese continua a vivere come puro corpo cinematografico, immersa nella natura o nella trance musicale, fino a produrre nel finale un sovvertimento di ruolo che passa attraverso l’allucinata sequenza à la Apocalypse Now, acme e punto limite dell’esperienza di Bertrand nel Regno.

De la guerre Asia Argento Mathieu Amalric
All’interno di questa nuova modulazione di una poetica sostanzialmente immutata, il dato probabilmente più interessante di De la guerre sta nel far emergere come quello di Bonello sia un cinema che metabolizza il passato e sfrutta i riferimenti intertestuali in maniera raffinata, interiorizzando e rispondendo alle suggestioni teoriche non solo della tradizione francese (come l’hard sessantottesco da Cinémathèque affrontato in Le pornographe) ma anche degli autori americani: da EXistenZ di David Cronenberg – che Bertrand guarda per caso sul divano, irretito dalle immagini al punto da disdire la escort prenotata…– con cui condivide il medesimo dualismo tra reale e immaginario, due piani continuamente reversibili e dallo statuto incerto, oltre che una riflessione sui corpi “espansi” e rigenerati, fino all’ I’m non there di Todd Haynes, uscito l’anno prima, con cui De la guerre pare dialogare a distanza, incentrato com’è sul dolore che deriva dal “n’être pas là”, dal non essere presenti a se stessi e agli eventi.
Del resto è proprio Bob Dylan la figura che il film chiama in causa nel prologo, con la citazione «Se non fossi Bob Dylan sicuramente anch’io penserei che Bob Dylan abbia molte risposte» e nel finale, nel monologo di Louise (Clotilde Hesme) che sancisce: «non canterai mai come Bob Dylan, ma non importa: sei finalmente qui».

 

Titolo originle: De la guerre
Regia: Bertrand Bonello
Interpreti: Mathieu Amalric, Asia Argento, Guillaume Depardieu, Clotilde Hesme, Lea Seydoux, Aurore Clement
Distribuzione: Atlantide Entertainment - Indie Frame
Durata: 126'
Origine: Francia 2008

 

Scrivi un commento
Captcha

Segnala un commento
Captcha

Sono presenti 0 commenti
 
 

Cerca nel sito

Cerca nel sito



News

Retrospettiva Titanus al Cinema Trevi a Roma
Dal 18 al 26 settembre
Si riuniscono di nuovo Matt Damon e Paul Greengrass per il 5° Bourne
L'uscita è prevista per il 16 luglio 2016
Grande successo in Calabria per Anime nere
Da domani esce in tutta Italia in 120 sale
CG omaggia Sophia Loren per i suoi 80 anni
Con una rassegna di film disponibili in streaming dal 20 Settembre su MYMOVIESLIVE
Pasolini in copertina su "Film Tv"
Liam Neeson, Jimi Hendrix, Willem Dafoe e Peppino Mazzotta
Virzì, Pasolini e Rohrwacher in corsa per l'EFA
Presentati i 50 titoli della 27° edizione
Festival di Roma 2014 - I primi 5 film di lingua inglese
Stephen Daldry con Rooney Mara e Mike Binder con Kevin Costner
Class Enemy distribuito da Tucker Film
Il film di Rok Biček in sala dal 9 ottobre
Ang Lee: nuovo film in Iraq
dal romanzo Billy Lynn's Long Halftime Walk
Alessandro Genovesi inizia le riprese di Ma che bella sorpresa
Con Claudio Bisio e Valentina Lodovini
Chris Hemsworth tra Michael Mann e Ron Howard
The Imitation Game premio del pubblico a Toronto
Sul matematico inglese Alan Turing
Matthew McConaughey e Gus Van Sant: un'immagine da Sea of Trees
Nel cast anche Ken Watanabe e Naomi Watts
In grazia di Dio corre per gli Oscar
Il film di Winspeare nella short list
True Detective 2: Rachel McAdams nel cast?
L'attrice in trattativa per la serie HBO
Doraemon 3D in arrivo in Italia
Presto nelle sale il film campione d'incassi in Giappone
John Woo torna a dicembre con The Crossing
Sarà suddiviso in due parti
Muore Antoine Duhamel, il musicista di Truffaut e Tavernier
Aveva 89 anni
Jessica Chastain nuova musa di Xavier Dolan
per il dramma The Death and Life of John F. Donovan".
Di Caprio e Jonah Hill di nuovo insieme per Greengrass?
per American Nightmare: The Ballad of Richard Jewell
Barbie sul grande schermo il 27 e 28 settembre
Nelle sale The Space
La Sampdoria in campo con Sin City
Per tre partite, compreso il derby della Lanterna
Posticipate le uscite di L'amore bugiardo. Gone Girl e Una notte al museo 3
Distribuiti dalla Fox
A Milano le riprese di Solo per il weekend
Con Alessandro Roja e Francesca Inaudi
Vicky il vichingo in sala il 22 e 23 novembre
Anteprima al Roma Fiction Fest il 14 settembre