Les promesses, di Thomas Kruithof

Senza peli sulla lingua, con un po’ di pelo sullo stomaco, un film nervoso e incalzante sulla politica per fare poca teoria e molta pratica quotidiana. In Orizzonti

Un film che guarda dritto negli occhi non solo la politica e la sua pratica, ma anche i suoi protagonisti e soprattutto la coraggiosa sindaca Clémence, cui dà voce e volto la ferrea e immancabile Isabelle Huppert, sicura di sé e decisionista, prima cittadina di una delle città satelliti della grande Parigi. Si tratta di recuperare un grosso finanziamento dello Stato per le aree urbane disagiate. Il grande caseggiato popolato da immigrati e famiglie indigenti è preda di affaristi senza scrupoli che taglieggiano gli immigrati estorcendo grosse cifre per “garantire” la loro permanenza. Lo Stato erogherà i finanziamenti solo se gli inquilini del caseggiato saranno in regola con il pagamento degli oneri condominiali, ma nessuno crede più alle promesse. La sindaca Clémence saprà mettere in gioco se stessa per raggiungere il risultato e il fido Yazid, suo braccio destro, saprà adoperarsi con intelligenza in un inconsapevole gioco di squadra.
Ci pensava da tempo il regista francese a questo film. L’assunto è che le promesse sono la moneta della politica ed è con questa moneta che avvengono gli scambi tra i protagonisti di questi scenari. Kruithof è riuscito ad entrare, con la scrittura nervosa e il suo incedere incalzante e senza respiro, dentro le zone oscure della politica, esaltando i momenti occlusi a ciascuno di noi delle telefonate, delle pacche sulle spalle, degli sguardi che fanno cambiare direzione, delle mani che si sporcano per il bene altrui, dei rapporti silenziosi tra il potere basso e quello più alto, che decide e guarda spesso senza vedere. Clémence è una donna che ama la velocità delle decisioni ed è intenzionata a salvare il caseggiato in disarmo della banlieue parigina e si affida a Yazid, che si occupa, per propria scelta, della parte “sporca” dell’operazione. Clémence si gioca la credibilità, ma tutto è a fin di bene per restituire dignità a chi vive il disagio del ricatto e dell’estorsione e per chi resta emarginato ai bordi della vita. Così Kruithof costruisce un film che sa essere originale nel raccontare le oscure tessiture delle trame della politica, con uno sguardo trasversale sulla possibilità di sconfiggere il malaffare, quando la moneta buona scaccia quella cattiva.

Il cinema francese ci ha abituato a queste riflessioni sulla politica e là dove Alice e il sindaco, in quella sorta di libero e fantasioso ricordo del vecchio film di Rohmer L’albero, il sindaco e la mediateca, costituiva l’ossatura teorica di una politica che voleva essere fatta di un’utopia sociale che sembrava non dovesse mai tramontare, Les promesses si fa questione pratica, intreccio di convenienze, materia di scambio quotidiana, senza peli sulla lingua, con un po’ di pelo sullo stomaco, ma stavolta per un fine lodevole.

La valutazione del film di Sentieri Selvaggi
3.7

Il voto al film è a cura di Simone Emiliani

---------------------------------------------------------------
BORSE DI STUDIO IN SCENEGGIATURA, CRITICA, FILMMAKING – SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI


---------------------------------------------------------------

Sending
Il voto dei lettori
0 (0 voti)
---------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative



    Rispondi

    Contenuto non disponibile
    Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"