LIBRI DI CINEMA – "L'ossessione visiva – Il cinema di Ridley Scott", a cura di Andrea Fontana

Il cinema di Ridley Scott è sempre stato liquidato, in modo colpevolmente ottuso, come vacuamente commerciale. E’ dunque da accogliere con grande entusiasmo L’ossessione visiva, il volume a cura di Andrea Fontana, edito da Historica Edizioni, un libro fondamentale in cui si riconosce anche in Scott, il non-autore per antonomasia, una politica autoriale personale che ne contraddistingue l'intera opera

L'ossessione visiva

---------------------------------------------------------------
IL NUOVO SENTIERISELVAGGI21ST #9


---------------------------------------------------------------
L’ossessione visiva – Il cinema di Ridley Scott
a cura di Andrea Fontana
Cinema – Historica Edizioni, 1° edizione Luglio 2013
pp 222, 18,00 euro

Il cinema di Ridley Scott è sempre stato liquidato, in modo colpevolmente ottuso, come vacuamente commerciale, prodotto di una cultura, e di una mentalità, pubblicitaria che lo rende trascurabile per contenuti e narrativa. Senza entrare nel merito della discussione (ma è davvero un peccato cosi mortale aver cominciato la propria carriera tra spot e videoclip?) sono le opere stesse del regista inglese a dare una testimonianza diretta di quanto siano miopi e volgari queste semplificazioni. E’ dunque da accogliere con grande entusiasmo L’ossessione visiva, il volume a cura di Andrea Fontana, edito da Historica Edizioni dalla scorsa estate. Il libro si prende l’onore, e l’onere, di seguire passo dopo passo l’intera filmografia di Scott, approfondendo ogni pellicola in ogni capitolo, ognuno a firma di autore diverso (solo lo stesso Fontana e Michele Raga firmano più di un “pezzo”). Mettendo insieme alcuni dei nomi migliori della critica italiana L’ossessione visiva parte da I duellanti, quell’esordio conradiano fulminante che stregò il presidente Roberto Rossellini al Festival di Cannes del 1977, fino a concludersi con l’ultimo, immaginifico incubo fantascientifico Prometheus. I tanti autori non intessono né un agiografia, né un elogio partigiano del regista, anzi vivisezionando tutto il suo corpo filmico non perdono occasione per metterne in luce le rovinose cadute (una su tutte, il fallimentare Soldato Jane). Il volume, pur nelle critiche, non scade mai nell’altezzosità accademica di chi ha la verità (spicciola) in tasca e argomentando, sempre con rispetto e attenzione, si rivela cosi un testo unico e imprescindibile, a tratti illuminante, sul cinema di Scott.
Si arriva cosi, oltre ad aggiungere qualcosa di nuovo su capolavori acclarati come Blade Runner e Alien, anche a ri-scoprire quei piccoli grandi film dimenticati (o snobbati) della carriera di Scott, come L’Albatross o Un’ottima annata. Il libro dunque riesce, finalmente, a sottolineare quanto nel cinema moderno hollywoodiano sia stata fondamentale l’impronta della fabbrica Scott (oltre a Ridley è giustamente ricordato anche il compianto Tony Scott, altro regista più che degno di un’operazione totale del genere), e si riconosce anche nel “non-autore” per antonomasia una poetica unitaria, una politica personale e autoriale che ne contraddistingue l’intera opera. Forse proprio per come è stata concepita, (tante voci diverse, un unico obiettivo) il libro paga un po’ la mancanza di una visione unitaria, di uno sguardo riassuntivo su un’esistenza cinematografica, (caratteristica propria di altra opere come quelle de Il Castoro). Allo stesso tempo però questa multiplicità di sguardi si rivela perfettamente complementare alle suggestioni metamorfiche e ai cambiamenti di direzione dello stesso cinema scottiano. L’unica vera pecca (se vogliamo definirla cosi) è che una volta finita la lettura con l’ottimo capitolo su Prometheus dello stesso curatore, conoscendo bene i tanti progetti futuri di Scott come i due imminenti The Counselor (da una sceneggiatura originale di Cormac McCarthy) e il biblico Exodus, la curiosità di vedere sviscerate anche queste pellicole è tanta. Non ci resta che sperare che ci sia la possibilità, un domani, di avere una nuova edizione arricchita.

Ridley Scott, del cinema come ossessione visiva di Andrea Fontana
I duellanti, o del bonapartismo nell’animo umano di Emanuele Sacchi
Alien, o della claustrofobia interiore di Andrea Fontana
Blade Runner, oltre le porte di Tannhauser di Enrico Azzano
Legend o il cinema creazionista di Mauro Antonini
Scene di lotta di classe a Manhattan: Chi protegge il testimone di Carlo Valeri
Black Rain – Pioggia sporca: New York – Osaka Cambio al vertice della Yakuza di Fabio Zanello
Thelma & Louise, il manifesto femminista anni ’90? Di Domenico Monetti
1942 – La scoperta del Paradiso e la discesa degli inferi di Claudio Bartolini
L’Albatross – Oltre la tempesta dell’America di Massimo Causo
Soldato Jane: Il femminismo/misoginia come mutazione del corpo di Andrea Fontana
La caduta dell’impero galattico. Il gladiatore tra accuratezza storica e background cinematografico di Michele Raga
Hannibal, a ciascun l’alma presa di Aurora Auteri
Black Hawk Down o dell’irrealtà della guerra (e dell’immagine) di Giona A. Nazzaro
Il genio della truffa ovvero come imparare ad amare i simulacri e vivere felici di Enrico Terrone
Spettacoli coraggiosi. Le crociate – Kingdom of Heaven e la nascita di un tema sensibile di Michele Raga
Un’ottima annata o dell’incompiuta conversione di Ilario Pieri
American Gangster, la manipolazione del bene e del male di Martina Federico
Bodies and lies – I corpi e le bugie di Gaetano Maiorino
Robin Hood, o il gene (e la genesi) di un ribelle di Mario Molinari
Prometheus: uccidere i padri di Andrea Fontana
Ringraziamenti
Filmografia

--------------------------------------------------------------------
SCENEGGIATURA: Tutti i corsi in arrivo della Scuola di Cinema Sentieri selvaggi


--------------------------------------------------------------------

---------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative