#PerSo2020 – Tutti i vincitori

Tutti i premi assegnati dal Perugia Social Film Festival che l’11 Ottobre ha chiuso la sua settima edizione

Sono stati assegnati ieri, 11 Ottobre, al cinema Postmodernissimo di Perugia, i premi dell’edizione 2020 del Perugia Social Film Festival, rassegna organizzata dall’associazione RealMente in collaborazione con La Città Del Sole Onlus e Indigo Art Café che da sette anni raccoglie quei progetti di cinema del reale che desiderano raccontare la dimensione sociale attraverso il linguaggio documentario in modo innovativo.

--------------------------------------------------------------------
Torna il BLACK FRIDAY di SENTIERI SELVAGGI


-----------------------------------------------------

La giuria, composta da Enrica Capra, Antonella Di Nocera e Maria Letizia Gatti ha insignito del Perso Award Si c’était de l’amour di Patric Chiha, progetto che segue una compagnia di quindici danzatori di diversa provenienza e formazione mentre sono impegnati nella tourné dello spettacolo Crowd della drammaturga Gisèle Vienne. “Il film di Chiha – si legge nelle motivazioni per il premio – è un’opera che si è distinta per estetica innovativa e bellezza compositiva. Facendo dialogare cinema e performance in un modo mai scontato, il regista ci restituisce con sensibilità quel nuovo e al contempo ancestrale slow motion corporeo di giovani attori in simbiosi con la terra e tra loro, dove le superfici diventano materia e la pelle si rivela nella sua dimensione più intima e profonda”.

---------------------------------------------------------------------
RIFF AWARDS 2020

---------------------------------------------------------------------

Il premio del pubblico, Perso Agorà, è andato invece a Se ho vinto se ho perso di Gianluca Rossi, documentario dedicato ai Kina, gruppo hardcore nato ad Aosta nel 1982 ed attivo fino al 1997.

Due le menzioni speciali assegnate. La prima è andata a Broken Head di Maciej Jankowski, racconto della riabilitazione di un detenuto che ha colpito la giuria perché “nel dare corpo ai pensieri e alla volontà di riscatto del protagonista, il regista disvela la disperazione di ogni uomo imprigionato nelle proprie ossessioni e il desiderio lacerante di riscoprirsi soggetti e oggetti d’amore”.

Perso_2

La seconda menzione è stata assegnata a El Father Plays Himself documentario su un lungometraggio di finzione che è in realtà il teatro per un confronto tra il regista e suo padre “catturato – spiega la giuria – con occhio limpido ma partecipe e captato grazie ad un indubbio talento cinematografico”.

Il premio Umbria In Celluloide è stato vinto da Pantagral di Andrea Greco, mockumentary sporcato con il thriller che “ha saputo creare con una gestione precisa e consapevole del mezzo, atmosfere di particolare suggestione capaci di declinare in maniera personale gli elementi distintivi del cinema di genere”.

Il Perso Short Jail Award, assegnato dai detenuti del carcere di Capanne è stato assegnato a I Need the Handshake di Andrei Kutsila, documentario su una madre che ha trascorso tutta la vita al fianco della figlia paralizzata: “un esempio forte e toccante che fa pensare a quanto spesso ci si arrenda di fronte a cose più banali”, ha spiegato la giuria nella sua motivazione.

 

La giuria di FilmTv ha invece insignito del Perso Short Award a Les aigles de Carthage di Adriano Valerio, dedicato alla storica partita di calcio Tunisia-Marocco, giocata nel Febbraio 2004. La giuria ha premiato il particolare linguaggio scelto da Valerio, un ibrido tra repertorio, re-enactement e documentario, l’unico capace di restituire sullo schermo la profonda valenza identitaria e politica dell’evento sportivo. Al documentario di Adriano Valerio è stata assegnata anche la menzione speciale della giuria dei detenuti di Capanne, che ne hanno apprezzato, come si legge nella motivazione “la capacità, attraverso il racconto di una partita, di mettere in luce la vita politica di un popolo in cerca di riscatto e della liberazione da un presidente dittatore”.

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #7