"Saw III", di Darren Lynn Bousman

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
---------------------------------------------------------------

Una lunga, insensibile composizione di flashback. Dove gli amanti del genere si perderanno nella cattura dei riferimenti – agli altri capitoli, o forse alla produzione horror. Buono per chi ha seguito dall'inizio le avventure dell'Enigmista come per chi lo scopre solo oggi, Saw III sembra mostrare i nervi scoperti di una costante tensione all'inseguimento del suo stesso nome – l'enigma, appunto. Così confonde struttura non lineare con raggruppamento quasi-random di frammenti di memoria, che si legano a quelli del presente senza motivazione. E non apparentemente: non un'assenza di logica che si scioglierà prima o poi, ma proprio una – piuttosto desolante – impressione di accostamento fine a se stesso, unificato dalla fotografia indistinta nei salti temporali.


---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------
---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
----------------------------------------------------------------

Tutto andrà bene questa volta. Questa sensazione accompagna le prove cui è sottoposto Jeff, rinchiuso nel laboratorio degli orrori per mettere alla prova la sua capacità di perdonare. Perdono contro vendetta – una vendetta malata in partenza, che fa il verso a ben altro, che non risplende come altrove (nel cinema horror e non solo). Il percorso di Jeff ci fa sperare. Ma non è un'acrobazia della sceneggiatura per calare poi l'accetta sulle sorprese finali. O voleva esserlo: il risultato è un paradosso – l'assenza di tensione. Con neanche il gusto della trappola – quelle più interessanti sono flashback, mentre persiste un tarlo che il film libera, ma senza consentire a se stesso e allo spettatore di farlo esplodere.


Perché i richiami al cinema di genere (non solo americano) non funzionano in Saw III? Perché aprire con una tortura su un uomo dalle fattezze amerindiane e chiudere con quella su uno di colore?


Da una parte, siamo ad anni luce dalla rielaborazione. Dall'altra, in un film che mette al centro (ancora, e insistentemente) il matrimonio e la famiglia, viene da chiedersi: per caso c'è della critica sociale, e se sì, perché non passa?


Saw III si piega dall'interno alla produzione seriale, scollandosi compiutamente dal cinema per ancorarsi alla logica televisiva e pubblicitaria. In altre parole: non si può essere modaioli e così visibilmente ancorati all'estetica da videogame e contemporaneamente lanciare (oltre il cinema, tra le persone) semi di messaggi che il genere horror è – potenzialmente, e senza citare i precedenti – in grado di comunicare. Saw III è un unico, enorme spot sull'intera saga: dal peso dei flashback (metà film?), appoggiati a un approfondimento narrativo e psicologico assente, ai ritmi da trailer (velocità e montaggio subliminale), dalla stanchezza di se stesso (visibile nell'architettura delle prove) al finale (traduzione letterale e per immagini del classico: 'lo scoprirete nella prossima puntata').


E lo spot non può permettersi di criticare, neanche velatamente, i potenziali clienti.


Un nuovo modo di fare cinema?

Titolo originale: id.


Regia: Darren Lynn Bousman


Interpreti: Tobin Bell, Shawnee Smith, Donnie Wahlberg, Angus Macfayden, Bahar Soomekh, Dina Meyer


Distribuzione: 01 Distribution


Durata: 107'


Origine: USA, 2006