SiciliAmbiente Film Festival 2019

SiciliAmbiente Film Festival propone anche quest’anno una vetrina aggiornata di film, documentari e cortometraggi che raccontano le ferite che – in maniera diversa – si infliggono al pianeta e ai suoi abitanti. A San Vito Lo Capo fino al 19 luglio, aperto ieri dalla proiezione di Selfie di Agostino Ferrente, il festival proporrà tra le altre cose il recital di Moni Ovadia, Waterpeace sul tema delle migrazioni e sul diritto di ognuno alla bellezza

Diretto dal regista Antonio Bellia, con la direzione organizzativa di Sheila Melosu, il SiciliAmbiente continuerà fino a venerdì con la collaborazione di ARPA Sicilia, Amnesty International Italia, Greenpeace Italia e AAMOD. Sessanta film in sei giorni di proiezioni, tre sezioni competitive, due “sale” e uno schermo sul mare; e soprattutto, incontri di uomini ed idee, presenza dei registi e degli scrittori, presentazione di libri, spettacoli teatrali; e la mattina, yoga, Shiatsu, uscite in barca a vela, immersioni, regate, Sup Rising, sport e impegno, impegno, impegno.
Due giurie assegneranno i premi per i lungometraggi e i cortometraggi. Della prima fanno parte l’attore Gianmarco Saurino, il giornalista e scrittore Gaetano Savatteri, la producer Serena Gramizzi. Della seconda (corti e animazioni), il regista Claudio Collovà, l’attrice Valentina D’Agostino, lo sceneggiatore Roberto Scarpetti e la creativa Miriam Gallina.