50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze

 "L'unica che può fare questo ruolo sono io, perché questa è la mia vita". A riportare le parole rilasciate in un'intervista dalla regista indipendente Barbara Loden, è Maresa D'Arcangelo, direttrice assieme a Paola Paoli del Festival Internazionale di Cinema e Donne, richiamando immediatamente l'evento che aprirà la "50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze". Il 24 ottobre infatti, si inaugurerà la manifestazione con il film Wanda del 1970, scritto, prodotto, diretto ed interpretato da una delle registe più interessanti del panorama cinematografico della seconda metà del '900. Il film  di Barbara Loden, seconda moglie e collaboratrice di Elia Kazan, è stato restaurato, o meglio letteralmente "ricostruito" grazie alla collaborazione tra Gucci e The Film Foundation di Martin Scorsese, dopo il fortunato ritrovamento delle bobine a 16 mm, presso un laboratorio di restauro cinematografico che stava fallendo.

Una coincidenza questa, che si trasforma nell'opportunità di poter riscoprire una cineasta indipendente dalle umili origini, attraverso la storia della protagonista del suo film-debutto che le valse il Premio della Critica al Festival di Venezia: una donna della classe operaia che si ribella al suo status, abbandonando la  famiglia per divenire complice di un rapinatore. «Ma oggi, la ribellione delle donne non basta a cambiare la realtà. Va bene sensibillizzare, ma bisogna cambiare la forma mentis della nostra società» continua Maresa D'Arcangelo che da anni porta avanti una vera e propria missione del Festival Internazionale di Cinema e Donne che quest'anno compie 35 anni 

 

Il 25 ottobre sarà proprio Il Festival di Cinema e Donne ad aprire la rassegna cinematografica più grande d'Italia, composta da 9 festival internazionali, anteprime, rassegne cinematografiche europee ed extraeuropee, incontri con le/gli autrici/autori e premiazioni. Il palcoscenico dell'iniziativa sarà L'Odeon di Firenze,  sala inaugurata nel 1922 che racchiude la vera Storia del Cinema italiano e mondiale. La prima tappa, dal 25 al 30 ottobre proporrà 50 film (medi, corti e lungometraggi) divisi in 8 sezioni, raccolti sotto il titolo simbolico Volver. Il senso della parola richiama con forza la voglia di identità, di coesione che che la nuova generazione di artiste richiede a gran voce: la libertà che le donne delle passate generazioni hanno ottenuto con sacrificio, oggi si rinnova nutrendosi di nuovi talenti. 

 

Il festival prosegue dal 31 ottobre al 3 novembre con France Odeon, il Rendez-Vous cinematografico tra l'Italia e la Francia che regala al pubblico le emozioni del cinema contemporaneo francese, selezionando opere d'autore giunte direttamente dal Festival di Cannes e non solo. Al coro del No alla violenza sulle donne, si uniscono le voci del Florence Queer Festival (dal 6 al 12 novembre) che arriva alla sua undicesima edizione diretta da Bruno Casini e Roberta Vannucci. Trenta titoli tra documentari, corti e lungometraggi e la presentazione dei due concorsi video Videoqueer e Se hai Testa fai il test. Tra le anteprime presentate, la metamorfosi da blog a film che prende il titolo Lei disse sì, documentario che in-segue il matrimonio di Ingrid e Lorenza, in fuga dal Bel Paese alla volta della Svezia, per il fatidico sì. Altro titolo di spicco è L'antigattopardo. Catania racconta Goliarda Sapienza di Alessandro Aiello e Giuseppe Di Maio che raccontano una delle autrici più incredibili e trasgressive del '900.

 

Dal 13 al 17 novembre il testimone passa allo Schermo dell'Arte Film Festival, dedicato alle arti contemporanee strettamente connesse al cinema,  diviso nelle sezioni Cinema d'Artista e Sguardi. Il focus d'autore quest'anno si concentrarà sull'opera cinematografica dell'artista lituano Deimantas Narkevicius.

Segue dal 22 al 28 novembre la XIII edizione del River to River-Florence Indian Film Festival che lunedì 25 novembre, in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, proporrà il film Lessons in forgetting di Unni Vijayan, ispirato all'omonimo libro di Anita Nair; storia che narra le vicende di Jak alle prese con i pregiudizi che la comunità del piccolo villaggio Tamil Nadu riserva nei confronti delle donne.

 

A rilanciare e sostenere l'universo del Cinéma Vérité è Il Festival dei Popoli, Festival internazionale del cinema documentario, che continua sulla scia luminosa accesa a Venezia da Sacro Gra di Gianfranco Rosi, con «il fascino speciale a prescindere» del film-documentario, così definto da Stefania Ippoliti (responsabile Area Cinema Toscana). Dal 30 novembre al 7 dicembre il miglior del cinema del reale.

Una Finestra sul Nord, rassegna di cinema finlandese, condivide il suo punto di vista accogliendo il fil rouge del no alla violenza sulle donne, attraverso tre film: Aglaja di Kristina Deák (dura storia di una ragazza nata e cresciuta in un circo dell'Europa dell'Est), Kerron sinulle kaiken di Simo Halinen (racconta il disagio di un uomo che diventa donna, superato attraverso la riconciliazione col proprio corpo) e A Lady in Paris di Ilmar Raag (che narra le vicende di una donna estone a Parigi che fa da badante ad un'anziana signora), in programma dall'8 all'11 dicembre.

 

A "scandalizzare" il pubblico della grande rassegna è invece il film Klip della regista serba Mija Miloš, presentato dal Balkan Florence Express il 12 e 13 novembre, che punta la camera sullo squilibrato e violento rapporto uomo/donna nella degradata periferia di Belgrado. Tra l'ossessione del corpo, della bellezza e la sua inevitabile caducità, il filtro al limite del pornografico della regista serba stupisce per le immagini  in "presa diretta"  di una realtà ancora poco nota.

A chiudere l'evento il 14 e 15 dicembre sarà Immagini e Suoni del Mondo. Festival del film etnomusicale che si unisce con il film Violeta Parra se fue a los cielos di Andrés Wood, raccontando la vita di un'artista straordinaria, la quale incarna la donna simbolo nascosta nelle pagine di questo straordinario festival: Amica, Sorella, Moglie, Madre e Figlia.

 

 «Costruire la cultura, imparare a rispettare le donne e condividere tutto questo, vuol dire accudire il mondo di cui noi TUTTI siamo responsabili», con queste parole Cristina Scaletti, Assessore alla Cultura, Commercio e Turismo della Regione Toscana lancia un invito al "nuovo che racconta il nuovo", a tutte le donne e gli uomoni delle passate generazioni che accolgono i giovani, portando avanti l'impegno creativo legato alle tematiche sociali più urgenti, che muovono ogni anno i propositi della "50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze".

50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze

Si svolgerà al Cinema Odeon, nel centro storico di Firenze, la VII edizione della rassegna 50 Giorni di Cinema. Dal 25 ottobre al 14 dicembre la città ospiterà proiezioni, anteprime, incontri e dibattiti con gli autori che quest'anno saranno incentrati sul tema della Donna. Aprirà la rassegna Florence Queer Festival per proseguire con France Odeon, dedicato alla cinematografia francese con l'anteprima di Thérèse Desqueyroux, ultimo film di Claude Miller. (m.s.)

50 giorni di cinema internazionale a Firenze

La prima volta è stata nel 2007 quando era stata trovata l'idea di riunire tutti i grandi festival della città in un unico cartellone per dargli slancio in termini di visibilità e promozione. Il progetto ha funzionato e oggi è arrivato alla 6° edizione. Quest'anno la 50 giorni di cinema internazionale a Firenze riunisce 9 festival internazionali oltre a rassegne, anteprime, eventi e incontri con gli autori e si svolgerà sempre al Cinema Odeon dal 25 ottobre al 14 dicembre 2012.

Stefania Ippoliti, Presidente della Mediateca Regionale Toscana e Area Cinema, ha introdotto l'incontro  con i direttori dei vari festival sottolineando che "parlano attraverso il cinema di tutto il mondo. E la lunga maratona parte con il Florence Queer Festival (25-31 ottobre) e prosegue con France Odeon (1-4 novembre), Il mito degli Indiani d'America da John Ford a Michael Mann (5-6 novembre), Terra di Tutti Film Festival – COSPE (7 novembre), Premio TuTelArTe (9 novembre), Festival dei Popoli. Festival Internazionale del Film Documentario (10-17 novembre), Immagini e suoni del mondo. Festival del Film Etnomusicale (18-19 novembre), Kibaka Florence Festival (20 novembre), Lo schermo dell'Arte Film Festival (21-25 novembre), Balkan Florence Express (26-29 novembre), Festival Internazionale di Cinema & donne (30 novembre-5 dicembre), La seconda vita delle immagini. Il senso del mash-up per il cinema (6 dicembre), River to River Florence Indian Film Festival (7-13 dicembre), Premio Nice Città di Firenze (14 dicembre), La cooperazione al cuore del Mediterraneo. Premio del Programma Italia/Francia "Marittimo 2007-2013" (14 dicembre) e Premio Raccorti Sociali (16 dicembre).

Inevitabile entrare nella polemica con la sovrapposizione del Festival dei Popoli con quello di Roma ma il direttore Alberto Lastrucci risponde molto diplomaticamente: "Due festival sovrapposti come date non è un buon risultato". E poi assicura: "E' una situazione che si verificherà solo per quest'anno. Inoltre saranno proiettati dei film italiani dei Festival dei Popoli a Roma in accordo con Marco Muller. E oltre all'omaggio alla retrospettiva completa al regista argentino Andrés di Tella, annuncia la presenza di Raymond Depardon del quale sarà presentato l'ultimo Journal de France, già evento speciale all'ultimo Festival di Cannes. L'altra partner di Lastrucci, Maria Bonsanti, è stata nominata direttrice del Cinéma du Réel di Parigi.

foto di gruppo 50 giorni di cinema internazionale a FirenzeTra gli altri ospiti, ci saranno anche l'attrice portoghese Maria de Medeiros per il Festival Internazionale di Cinema & Donne, una grande star di Bollywood di cui però non si può fare ancora il nome per River to River Florence Indian Film Festival e un altro grosso nome che non può essere neanche questo rivelato per il Premio Nice Città di Firenze. Tra gli omaggio, quello a Claude Miller per France Odeon, di cui sarà proiettato in anteprima nazionale il suo ultimo film, Thérèse Desqueyroux con Audrey Tatou, Gilles Lellouche ed Anais Demoustier.

Chiusura all'Assessore alla Cultura Cristina Scaletti che ha sottolineato come "la cultura determina la qualità della nostra vita". Si è soffermata poi sui valori del territorio sottolineando che la New York Film Academy ha scelto Firenze come sede europea e che la Toscana "è la regione che ha il maggior numero di sale digitalizzate". Alcuni festival stanno terminando i programmi. Tra 22 giorni si parte.

 

 

50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze

50 Giorni di Cinema Internazionale a FirenzeLa sesta edizione di 50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze si svolgerà quest'anno dal 25 ottobre al 14 dicembre presso la Casa del Cinema di Firenze (Cinema Odeon). Ad aprire la rassegna sarà il Florence Queer Festival, in cartellone fino al 31 ottobre. A seguire, France Odeon (1-4 novembre), dedicato al cinema francese contemporaneo; il Festival dei Popoli (10-17 novembre), lo storico festival del cinema documentario; Immagini e suoni del mondo. Festival del Film Etnomusicale (18-19 novembre) e Africa Day (20 novembre); Lo Schermo dell'Arte Film Festival (21-25 novembre), il festival che unisce cinema d'artista e arte contemporanea, seguito dal nuovo Balkan Florence Express (26-29 novembre) e dal Festival Internazionale di Cinema & Donne (30 novembre – 5 dicembre). A concludere la rassegna, il River to River Florence Indian Festival (7-13 dicembre), che contribuisce a diffondere usi e costumi dell'India attraverso il cinema, e il Premio Nice Città di Firenze (14 dicembre). (e.s.)

50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze

 

Continua la IV edizione della rassegna seguita ogni anno da oltre 50.000 spettatori
 
50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze”
gli appuntamenti di Dicembre
Odeon Casa del Cinema :
 
  • Florence Queer Festival (26 Novembre – 2 Dicembre)
  • River to River Florence Indian Film Festival (3 – 9 Dicembre)
  • Premio NICE città di Firenze (10 Dicembre)
 
 
Programma
26 Novembre – 2 Dicembre
Florence Queer Festival
diretto da Bruno Casini e Roberta Vannucci, propone una settimana ricca di film, documentari, animazione, incontri con gli autori, mostre ed eventi per raccontare il variegato universo gay, lesbico e transgender. Un festival che è da sempre impegnato nella battaglia culturale contro le chiusure, le intolleranze e le discriminazioni che le persone con una diversa identità sessuale si trovano a dover affrontare quotidianamente.
Novità 2010: al consueto concorso di cortometraggi Videoqueer, quest’anno viene aggiunto un premio istituito dalla Regione Toscana nell'ambito delle politiche di prevenzione e informazione contro il diffondersi del virus HIV. Videoqueer raddoppia i premi: 1.000€ al corto più Queer + 1.000€ al corto corto sul tema: AIDS, percezione del rischio e prevenzione dal titolo SEI HAI TESTA FAI IL TEST, la premiazione di quest’ultimo avverrà il 1° Dicembre durante la Giornata Mondiale per la lotta all’AIDS.
Anticipazione: IL FQF ospita quest'anno il film Prayers for Bobbydi Russell Mulcahy, con la bravissima Sigourney Weaver (Nominated For Two 2009 Primetime Emmy Awards, Winner for the 21st Annual GLAAD Media Award). Il Film realizzato per la televisione, devolve tutti i suoi proventi all’associazione americana per Le Famiglie di Omosessuali (PFLAG – Parents, families and friends of lesbians and gay) e verrà presentato al Festival ad ingresso libero alla presenza del produttore.
 
3 – 9 Dicembre
River to River. Florence Indian Film Festival
diretto da Selvaggia Velo, propone ogni anno i film più recenti della cinematografia indiana indipendente e gli ultimi lavori sull’India di registi di ogni parte del mondo. IlFestival compie dieci anni e li festeggia dislocando le proiezioni in due cinema: al cinema Spazio Uno saranno proiettati tutti i film che hanno vinto il River to River Digichannel Audience Award nelle nove passate edizioni del Festival, mentre l’Odeon sarà la sede delle sezioni in concorso e della retrospettiva.
La serata  d’apertura,venerdì 3 dicembre alle 18.00, comincerà al Museo Marino Marini di Firenze che, per accompagnare i film della retrospettiva su Satyajit Ray, ospiterà una bellissima mostra fotografica di Nemai Ghosh, il fotografo di scena di Ray, che sarà a Firenze per presentare il suo lavoro. La mostra è organizzata in collaborazione con l’Indian Council for Cultural Relations di Nuova Delhi. Di seguito, alle 20.00 al Cinema Odeon, si svolgerà l’apertura ufficiale del Festival, con la proiezione in prima europea dell’Opening Film Iti Mrinalini, ultimo capolavoro dell’acclamata regista bengalese Aparna Sen. Iti Mrinalini (Un Unfinished Letter) è la coinvolgente storia di Mrinalini, una famosa attrice che ripercorre la propria vita fatta di amori perduti e ritrovati, agonie e momenti felici, successi e fallimenti. Il film è interpretato magistralmente dalla regista e dalla figlia Konkona Sen Sharma.
La regista
Aparna Sen sarà presente dopo la proiezione del film.
Giovedì 9 dicembre alle 21.00 sarà proiettato invece il Closing Film del Festival, in prima italiana, The Japanese Wife di Aparna Sen e interpretato da Rahul Bose, che saranno entrambi presenti dopo la proiezione. Basato sull’omonimo romanzo di Kunal Basu, il film racconta la storia di un insegnante di un villaggio indiano che sposa una ragazza giapponese conosciuta per corrispondenza. Un tributo poetico all’amore che sfugge alle regole e alle convenzioni sociali.
La retrospettiva di quest'anno è dedicata a Satyajit Ray, uno dei più grandi registi indiani del XX secolo, in collaborazione con il Directorate of Film Festivals e l’Indian Council for Cultural Relations di Nuova Delhi, e il National Film Development Corporation di Mumbai. Il festival si svolge con il Patrocinio dell’Ambasciata dell’India in Italia.
 
10 Dicembre
Premio N.I.C.E. Città di Firenze
diretto da Viviana Del Bianco, è il premio collegato al N.I.C.E., New Italian Cinema Events, il festival che promuove il nuovo cinema italiano nel mondo nelle sue edizioni di New York, San Francisco, San Pietroburgo, Mosca e Amsterdam. N.I.C.E. compie vent’anni e li festeggia con un'edizione ancora più ricca di proposte: oltre ai sette nuovi film che si contenderanno Premio Nice, decretato dal pubblico americano attraverso cartoline-voto, ci sarà, fuori concorso, il consueto corto selezionato tra quelli in vetrina al Taormina Film Fest e l'appuntamento con il Premio Susan Batson, che apre le porte della prestigiosa scuola di recitazione e perfezionamento Black Nexxus, Inc. di New Yorkal miglior attore o attrice interprete tra i film in lizza al premio. Un percorso che si chiuderà come ogni anno nella sede italiana del Festival, con la consegna del Premio Nice Città di Firenze, in collaborazione con il Comune di Firenze.
 

50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze

50 Giorni di Cinema Internazionale a Firenze
———-
Film, incontri, rassegne, premiazioni, anteprime, feste, dibattiti: tutto per chi ama il cinema da tutto il mondo. E per finire, Puccini
———–
Torna a Firenze la Seconda Edizione della 50 Giorni di Cinema Internazionale, rassegna di festival cinematografici, che si svolgerà dal 31 ottobre al 22 dicembre. Quest'anno ad ospitare l'evento, curato dalla Mediateca Regionale Toscana Film Commission, in collaborazione con la Regione Toscana e Comune di Firenze, sarà il prestigioso Cinema Odeon di Firenze.

 

 

 

 

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tra gli altri eventi segnaliamo un incontro con Tinto Brass (13 novembre), il Festival del Film Etnomusicale (dal 22 al 24 novembre), la rassegna di film sulle arti contemporanee Schermo dell'Arte (25-27 novembre), il Cinema Nuovi Autori con l'anteprima toscana del documentario di Pippo Mezzapesa "Pinuccio Lovero – Sogno di una Morte di Mezza Estate", ed un'antologia sui Corti Eros (14 dicembre) a cura della Bottega del Cinema/Cineteca di Firenze.

 

 

 

 

La 50 giorni chiude in bellezza il 22 dicembre 2008 con Puccini Day, in occasione delle celebrazione per il 150° dalla nascita di Giacomo Puccini e l'anteprima fiorentina del film di Paolo Benvenuti e Paola Baroni "Puccini e la Fanciulla", presentato all'ultima edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Un film particolare e suggestivo, dove la narrazione è affidata esclusivamente alle immagini e alla musica.

 

Il 17 e 18 dicembre saranno proiettati dei film provenienti dalla Repubblica Popolare di Corea (Corea del Nord) all'interno del North Corea Cinema

 

Il 13 dicembre premiazione del N.I.C.E., il più importante festival per la promozione delle opere prime e seconde del cinema italiano nel mondo. Il N.I.C.E. compie 18 anni e organizzerà una grande festa aperta a tutti gli amanti del cinema.

 

A seguire, dal 5 all'11 dicembre, protagonista il cinema indiano con River to River – Florence Indian Film Festival, con una retrospettiva su Raj Kapoor, il "Charlie Chaplin di Bollywood" ed i film più recenti della produzione indiana.  http://www.rivertoriver.it/

 

Nuovo ingresso nella kermesse dei 50 giorni, dal 28 novembre al 4 dicembre Florence Queer Festival, cinema e arte a tematica gay, lesbica e transgender. Oltre a molti titoli ancora in cerca di distribuzione italiana, il festival ospita un concorso per ‘cortissimi’ di massimo 180 secondi che saranno proiettati e premiati nella serata di chiusura. http://www.florencequeerfestival.it/

 

Da venerdì 14 a venerdì 21 novembre, arriva il Festival dei Popoli, dedicato al cinema documentario. Quest'anno ampio spazio al cinema baltico, con film da Lettonia, Lituania ed Estonia, la personale integrale del cinema di Claire Simon, la sezione tematica "I volti del potere". E naturalmente i concorsi per lungometraggi, cortometraggi, "Stile libero" e "Eventi speciali". In tutto 162 titoli, fra cui 9 prime mondiali e 27 prime italiane. Fra le novità il Premio per la Distribuzione, istituito in collaborazione con la Fondazione Ente dello Spettacolo.
http://www.festivaldeipopoli.org/

 

Da venerdì 7 a martedì 11 novembre si svolgerà la XXX Edizione del Festival Internazionale di Cinema & Donne: film italiani e stranieri, sguardi dal Camerun e dal Libano, la retrospettiva su Maria Mercader, il Premio Sigillo della Pace ad Alina Marazzi e il Premio Gilda a Teresa Saponangelo e Anna Karina.

 

Dopo la retrospettiva sulla magnifica coppia Marcel Carnè e Jacques Prèvert, offerta da France Cinema, sono in programma tra oggi e domani i film a basso costo, tra cui l’anteprima della commedia made in Florence “Benvenuti in amore” di Michele Coppini, e una giornata incontro con il regista Sandro Baldoni, di cui verrà presentato l’ultimo lavoro, “Italian dream”, protagonista l’ottimo Ivano Marescotti.