10 giorni senza mamma, di Alessandro Genovesi

10 giorni senza mamma, il nuovo film di Alessandro Genovesi, si basa su uno stereotipo tutto all’italiana. Nel centro del mirino c’è una famiglia, tre bimbi, una moglie che ha abbandonato la sua carriera per dedicarsi ai suoi figli e alla casa a tempo pieno e un padre totalmente dedito al lavoro. Fabio De Luigi, nei panni del padre, è totalmente estraneo da tutte le vicende genitoriali che ruotano attorno ai suoi figli, di cui si fa carico solo ed esclusivamente la moglie Giulia. Forte del fatto di essere l’unico a portare lo stipendio a casa, crede di essere anche l’unico davvero impegnato e stanco a fine giornata.

La moglie, interpretata da Valentina Lodovini viene mostrata come la super eroina della casa che un giorno, stanca di farsi carico di ogni problema domestico, decide di partire per un viaggio intercontinentale di dieci giorni. Lasciando così i tre figli a carico del goffo e inesperto marito. È da qui che la storia del film si snoda.

La macchina da presa segue i personaggi nelle gag quotidiane che si svolgono dentro casa con un susseguirsi di accadimenti comici. Il padre che. impacciato si giostra tra crisi adolescenziali, ormoni in subbuglio e problemi lavorativi, riesce così a capire come è faticoso fare la mamma.

Alessandro Genovesi, ha scelto di girare l’intero film con la macchina a mano, sostenendo che l’immagine imprecisa avrebbe reso l’idea di un video familiare girato da uno dei bambini. Ma se solo fosse stato più palese questo intento, tanto da sembrare il montaggio di videocassette familiari, forse l’esperimento avrebbe reso l’esperienza più interessante e innovativa.

Nonostante l’intento di raccontare uno spaccato di vita quotidiana che segue la crescita di tre fratelli, il film non riesce nel suo intento comico e di intrattenimento.

 

Regia: Alessandro Genovesi
Interpreti: Fabio De Luigi, Valentina Lodovini, Angelica Elli, Matteo Castellucci, Bianca Usai, Niccolò Senni, Antonio Catania
Distribuzione: Medusa
Durata: 94′
Origine: Italia 2019

 

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *