BROADWAY, di Christos Massalas

Un coraggioso lungometraggio, in grado di sperimentare con il thriller e la commedia romantica, che riflette sulla società contemporanea. Nella sezione Nuove Impronte allo ShorTS 2022

-----------------------------------------------------------
SCUOLA DI CINEMA SENTIERI SELVAGGI: APERTE LE ISCRIZIONI ANNO 2022-23


-----------------------------------------------------------

Christos Massalas, regista greco di numerosi cortometraggi premiati nei festival europei (Make Up; Copa-Loca), realizza il suo primo coraggioso lungometraggio, in grado di sperimentare con il thriller e la commedia romantica

----------------------------
15 BORSE DI STUDIO DELLA SCUOLA SENTIERI SELVAGGI

----------------------------

Sullo sfondo di un’Atene dismessa e priva di una qualsiasi connotazione storica, si sviluppa la storia di Nelly (Elsa Lekakou), una ragazza di buona famiglia che abbandona tutto per vivere da sola, mantenendosi come ballerina di strip tease. Braccata dagli scagnozzi del patrigno, viene salvata da Markos, un ladro senza scrupoli che la aiuta a scappare. I due presto diventano amanti e si rifugiano a Broadway, un vecchio teatro abbandonato di Atene. Una vera e propria compagnia vive all’interno del complesso d’intrattenimento, ormai ridotto a un rudere. Si guadagnano da vivere interpretando delle performance di ballo per le vie della città e sfruttando la miopia delle persone, troppo concentrate a guardare lo show, per rubare loro portafogli e oggetti preziosi.

È proprio sul concetto di performance teatrale che si compie la prima riflessione di Massalas.  Se la parola teatro nella lingua greca deriva dal verbo “osservo” ecco che la capacità di “ampiezza di sguardo” si dimostra, soprattutto all’interno della nostra società, un carattere essenziale per sopravvivere, per restare a galla. Il teatro di strada, organizzato dall’improvvisata compagnia di ladri/teatranti acquista una dimensione salvifica, almeno momentaneamente. Infatti, la Broadway in cui si trovano Nelly e la sua compagnia assume, scena dopo scena, le fattezze di una prigione. Scegliendo questo preciso stile di vita, a lungo andare i teatranti diventano inevitabilmente schiavi del proprio personaggio, dovendo abbandonare quella dualità uomo-personaggio che permetteva loro di potersi rifare una vita altrove. Come la scimmietta mascotte della compagnia, imprigionata in una piccola gabbia, anche i protagonisti sono obbligati a vivere chiusi all’interno di un cancello, tra le quinte del palcoscenico e i magazzini dei costumi. L’unico motore che può spingere la protagonista ad una fuga è l’amore nei confronti di Jonas, un uomo misterioso che deve travestirsi da donna per sfuggire ad un potente gangster ateniese di nome Marabout.

 

Lo sguardo di Massalas riesce a catturare tutte le emozioni dei suoi personaggi, imprigionati tra le luci del varietà ma desiderosi di costruirsi una nuova vita, senza troppe pretese. In questo senso, è di grande impatto visivo l’intensa emozione che invade lo sguardo di Nelly nel momento in cui rivede in televisione il suo amato. “Bruciare” il palcoscenico quotidiano diventa fondamentale per poter ricominciare da zero, abbandonando le vesti di attori e riconquistandosi quelle di persone.

 

Regia: Christos Massalas
Interpreti: Elsa Lekakou, Foivos Papadopoulos, Stathis Apostolou, Rafael Papad, Salim Talbi, Christos Politis
Distribuzione: Le Pacte
Durata: 97’
Origine: Grecia, Francia, Romania 2021

La valutazione del film di Sentieri Selvaggi
3.5
Sending
Il voto dei lettori
0 (0 voti)
--------------------------------------------------------------
Le Arene estive di Cinema a Roma

--------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative