Ci devo pensare, di Francesco Albanese

Sullo sfondo del “romanzo di formazione” la nota cabarettistica è ciò che rimane di un’opera prima la cui impalcatura scricchiola attraverso una scrittura priva di originalità e dal ritmo zoppicante

Un giovane uomo con poche certezze, poca intraprendenza ed altrettanta voglia di crescere e tirar su famiglia, attorniato da un gruppo di amici scapestrati e da una pedantissima fidanzata: questo è Davide il protagonista del film diretto ed interpretato da Francesco Albanese. Lo incontriamo nel pieno della crisi, mollato dalla compagna Alessia (Barbara Tabita), rimasto senza una casa e con un lavoro precario come commesso presso un mobilificio, Davide rappresenta lo status che accomuna buona percentuale di una generazione, quella dei figli i cui padri hanno raccolto ciò che è stato seminato dai nonni e sono rimasti senza terra né sementa.

--------------------------------------------------------------------
SCOPRI I NUOVI CORSI ONLINE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI


--------------------------------------------------------------------

Ma sullo sfondo del “romanzo di formazione” la nota cabarettistica che caratterizza il regista, separato in casa dall’amico e collega Alessandro Siani, è ciò che rimane di un’opera prima la cui impalcatura scricchiola facendo traballare le mura degli interni dove rimbombano botta e risposta fiacchi, sketch goffi e un poco triti, accompagnati dal fascino esotico di una nuova fiamma (Shalana Santana) che assomiglia ad altre cento. Così l’incertezza si aggrappa ad un’infatuazione che scatena una serie di eventi sorretti da piccole bugie utili nello scioglimento della trama ma poco efficaci nel coinvolgimento, nonostante gli evidenti sforzi nello sciorinare buoni sentimenti e sfumature di folklore. La grande assente nel film di Albanese è proprio l’anima della commedia napoletana di maniera: la spettacolarità dei panorami consacrata dall’estro interpretativo non trova appiglio in una scrittura priva di originalità e dal ritmo narrativo zoppicante.

 
Regia: Francesco Albanese
Interpreti: Barbara Tabita; Francesco Albanese; Shalana Santana; Alessandro Bolide; Mariano Bruno; Ciro Priello; Mimmo Esposito, Francesca Romana Bergamo, Mario Porfito, Antonella Cioli, Stefano Sarcinelli
Distribuzione: Notorious
Durata: 90’

--------------------------------------------------------------------
OFFERTA CORSI SCENEGGIATURA ONLINE
Due nuovi corsi operativi di Sceneggiatura per il Cinema e le Serie Tv! Scopri l’offerta sul pacchetto

--------------------------------------------------------------------

Origine:Italia, 2015

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #7