Inseparabili, di Alice Birch

Grazie ad un’ottima prova di Rachel Weisz la serie riesce a non far rimpiangere il film di Cronenberg soprattutto quando all’emulazione aggiunge tematiche innovative e trova una sua linea di sviluppo.

--------------------------------------------------------------
BANDO BORSE DI STUDIO IN CRITICA, SCENEGGIATURA, FILMMAKING

--------------------------------------------------------------

Dopo trentacinque anni, e dopo un annuncio HBO del 2005 rimasto lettera morta, il film di David Cronenberg Inseparabili diventa una serie TV realizzata da Prime Video. Lasciando da parte per un attimo la riuscita dell’operazione, va preso atto di quanto profondo ed in espansione si rivelino ancora l’universo del regista canadese e la modernità del suo pensiero, premesse necessarie per comprendere l’idea di un adattamento contemporaneo. Inseparabili è composta di 6 episodi scritti da Alice Birch, già sceneggiatrice di Succession, Normal People e Il prodigio di Sebastián Lelio. La serie non muta le fondamenta gettate dal predecessore e applica delle variazioni sullo spartito e delle digressioni tematiche che non intaccano il nucleo originario.

--------------------------------------------------------------
OFFERTA DI LUGLIO SULLO SHOP DI SENTIERI SELVAGGI!

--------------------------------------------------------------

Elliot e Beverly Mantle diventano due ginecologhe newyorkesi con una brillante carriera, gemelle omozigote, a cui presta il volto Rachel Weisz, nei ruoli da protagonista ereditati da Jeremy Irons. L’attrice compie sui personaggi una identica scissione di personalità bipolare, gioca sugli opposti caratteriali e l’identità minacciata dalla presenza di un doppio, come fosse una sorta di Doppelgänger maligno. Il loro legame è morboso, per certi versi distruttivo, ma nondimeno impossibile da rescindere. Complice, solidale. Tutto questo vacilla e si esaspera dopo che Beverly si innamora di una famosa star televisiva, Genevieve, sedotta tra l’altro dalla sorella in un inquietante processo di sostituzione, e mette a repentaglio la loro unione. Fin qui la trama non fa niente di più che un’inversione di genere dal maschile al femminile rispetto al film.

----------------------------
UNICINEMA QUADRIENNALE:SCARICA LA GUIDA COMPLETA!

----------------------------

Vediamo invece le novità. La seconda traccia affronta questioni di ordine etico, dai limiti della ricerca nel campo della fecondazione artificiale all’assistenza fornita nelle strutture sanitarie statali alle donne in stato di gravidanza, strettamente connessa alla loro condizione economica, e si aggancia al presente. Stanche del lavoro in ospedale Elly e Bev coltivano due sogni: aprire un loro personale centro nascite, dotato di un laboratorio, ed avere un bambino, un desiderio come si scoprirà strettamente connesso al primo. Trovano i soldi per la clinica grazie una spietata imprenditrice, che insieme alla sua famiglia ed al suo entourage rappresenta la quintessenza dei difetti del capitalismo, totale mancanza di scrupoli morali ed un’ottusa ed arbitraria persecuzione del profitto, tutti aspetti utili ad allargare la riflessione in ambito politico.

Inseparabili è un horror dalla forte tinte psicologiche. Costruita la parte drammatica sull’inerzia spirituale della tossicodipendenza, passa nel sangue delle sale operatorie. E nei rapporti tossici pieni di gelosie e possessione definisce i margini dell’isolamento dal mondo circostante. Il risultato paga dazio ai limiti imposti dalla scrittura seriale. Le stravaganze, il rilancio, e l’obbligo di stupire a tutti i costi mancano di replicare l’universo malato e decadente cronenberghiano, mentre al contrario trovano nella grande performance della Weisz un’originalità fuori dalla semplice emulazione e nell’inquietudine verso un progresso scientifico che rischia di essere un delirio di onnipotenza. 

Titolo originale: Dead Ringers


Creata da: Alice Birch
Regia: Sean Durkin, Karyn Kusama, Lauren Wolkstein, Karena Evans
Interpreti: Rachel Weisz, Emily Meade, Gabi Carrubba, Afrim Gjonbalaj, John Wu
Distribuzione: Amazon Prime Video
Durata: 6 episodi da circa 60′
Origine: USA, 2023

La valutazione del film di Sentieri Selvaggi
3.3
Sending
Il voto dei lettori
0 (0 voti)
----------------------------
SCUOLA DI CINEMA TRIENNALE: SCARICA LA GUIDA COMPLETA!

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative