La terra promessa di Gus Van Sant: nuove foto ufficiali

PROMISED LAND di Gus Van Sant, nuove foto

 

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------
----------------------------------------------------------------

Focus Features diffonde alcune nuove foto di Matt Damon, John Krasinski, Rosemarie DeWitt e Frances McDormand in Promised Land (info, trailer e poster) ultimo film di Gus Van Sant in uscita in USA il 28 dicembre.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------
Sembra che Aaron Sorkin (sceneggiatore premio Oscar di The Social Network, Moneyball e The Newsroom) abbia organizzato una proiezione anticipata di Promised Land, per sostenere il film in vista dei prossimo Oscar, evento alla quale hanno partecipato varie celebrità, tra cui Demi Moore, Jennifer Aniston e Justin Theroux.

Matt Damon e Rosemarie De Witt in PROMISED LANDVediamo Matt Damon (Elysium, Behind the Candelabra, attualmente con Terry Gilliam sul set di The Zero Theorem, presto in Race to the South Pole) nei panni di Steve Butler, agente di una compagnia petrolifera, inviato in una piccola cittadina rurale a convincere gli abitanti a lasciare che il loro territorio venga trivellato in cambio di un compenso. Un "uomo qualunque" dice l'attore "che si è spostato verso la grande città, in cerca di nuove opportunità e di una vita migliore".

Presto, mentre scopre un interesse sentimentale (Rosemarie DeWitt) si accorgerà anche che i valori dei locali, in questa piccola comunità, sono più solidi di quanto non creda. Frances McDormand (Moonrise Kingdom) interpreta Sue Thomason, collega di Steve, che con lui si scontrerà contro una campagna popolare guidata da un locale, Dustin Noble (John Krasinski –  Qualcosa di straordinario) e da un anziano e rispettato insegnante (Hal HolbrookLincoln).

La colonna sonora è di Danny Elfman e nel cast compaiono anche Scoot McNairy (Cogan, Argo, Twelve years a slave). Damon e Krasinski sono anche coproduttori e autori della sceneggiatura, da un'idea dello scrittore americano Dave Eggers. Ultimamente il cinema sembra affrontare sempre più questioni di urgenza e attualità, dalle scelte politiche all'albientalismo, attraverso la fiction (anche se in questo caso, precisa Krasinski, in origine si era parlato di energia eolica e l'idea del fracking è stato inserito in un secondo momento).

Matt Damon e John Krasinski in PROMISED LANDRecentemente lo stesso John Krasinski è stato protagonista di una tavola rotonda sul tema della responsabilità nella rappresentazione degli eventi storici e politici, in compagnia di Mark Boal, sceneggiatore di Zero Dark Thirty, Chris Terrio, sceneggiatore di Argo, David Magee (lo script di Life of Pi) Judd Apatow e Michael Haneke (che ha espresso le sue riserve su Schindler's List, definendo Notte e Nebbia di Resnais l'ultimo film onesto sull'Olocausto).

Krasinski ha dichiarato di essersi ispirato anche alla sua storia personale e in particolare alla figura di suo padre per la storia narrata in Promised Land. "Allora tutto era incredibilmente onesto e leale, e incredibilmente semplice" ha detto l'attore, che sembra però avere una visione piuttosto idealizzata della generazione che precede la sua. "Lavorare, avere una famiglia e degli amici prendersene cura. Non c'era molto altro. E la parola data aveva un valore".

Matt Damon invece è stato ospite di un'altra tavola rotonda, con altri cinque attori – Richard Gere, John Hawkes, Alan Arkin, Jamie Foxx e Denzel Washington – sul tema della gestione della propria popolarità e le insidie di una rapida ascesa nel mondo di Hollywood (video).
 

Tutte le nuove foto di Promised Land sono nella nostra gallery.