Omicidio a Easttown

In streaming su SkyGo, la notevole miniserie targata HBO con Kate Winslet superlativa nei panni di un detective alla ricerca del responsabile di un omicidio e di una ragazza scomparsa.

------------------------------------------------------------------------
IL NUOVO NUMERO DI SENTIERISELVAGGI21ST #9


Omicidio a Easttown comincia e finisce in una casa. In realtà è lì dentro che si nascondono le storie più drammatiche, i segni del lutto, i segreti più oscuri. All’inizio del primo episodio c’è un appartamento dove vengono messe delle telecamere di sorveglianza dopo che l’anziana proprietaria crede che ci sia un pervertito che la sta spiando. Alla fine del settimo, nel travolgente finale, c’è invece una botola chiusa da tempo che viene riaperta. La vita da quel momento, forse riprende il suo corso. Perché in questa serie HBO, tesissima, disperata e carica di una contagiosa umanità, il tempo sembra essersi fermato nella cittadina di Easttown, in Pennsylvania. Il detective Mare Sheehan sta indagando sulla scomparsa di Catie, che ha già fatto perdere le sue tracce da un anno, e sull’omicidio di Erin, una ragazza-madre trovata morta nel fiume. La sua vita privata è segnata da un tragico lutto familiare. Inoltre deve star dietro anche alla problematica figlia adolescente Siobhan, al nipotino di quattro anni e alla madre Helen con cui ha un pessimo rapporto. E l’ex-marito Frank si sta per risposare

Dieci anni dopo Mildred Pierce Kate Winslet è ancora il volto fondamentale di questa miniserie HBO. Inoltre è anche produttore esecutivo assieme al regista dei sette episodi Craig Zobel (The Hunt), Gavin O’Connor e il creatore e sceneggiatore Brad Ingelsby che si era già fatto notare per il modo in cui riesce a catturare e riportare a galla il marcio, l’abbandono, le ombre della morte ma anche l’istinto di sopravvivenza di alcuni suoi protagonisti che avevano caratterizzato, per esempio, i suoi script di Il fuoco della vendetta, Run All Night, L’amico del cuore e Tornare a vincere.

Gli occhi di Kate Winslet. A volte si parte proprio dal loro dettaglio. Dopo Mildred, anche la storia di Omicidio a Easttown può essere vista anche attraverso il suo sguardo. Spento, rabbioso, apparentemente incapace di provare un’emozione. O, al contrario, di far uscire tutte le lacrime che ha dopo che è stata schiaffeggiata dalla madre di un suo collega. Anche il nome di Mare è nel titolo originale della serie (Mare of Easttown). La scelta non è casuale. Si tratta forse di una reincarnazione e ancora di una grandissima interpretazione. Stavolta però non ci sono più i sogni, ma soltanto il tentativo di ricominciare a vivere. Ogni gesto di Mare lascia il segno: il modo in cui fuma la sigaretta elettronica, lascia emergere tracce del suo passato (anche suo padre era un detective) rivissuto anche con i video del passato, si abbandona al bancone di un bar o non controlla l’impulsività come nella scena in cui ruba la droga per incastrare la madre del nipote.

Al tempo stesso però Omicidio a Easttown funziona molto bene anche nella sua coralità. Ha il ritmo di un poliziesco vecchio stile trattenuto. Semina gli indizi, concentra la sua attenzione su un personaggio a cui crolla per un momento l’alibi e poi li fa di nuovo scomparire. Ha momenti esplosivi, come la scena dell’arresto della ragazza che lavora come cameriera nel ristorante di famiglia o dello squarcio horror del nascondiglio delle ragazze scomparse. Ce ne sono invece altri silenziosi, sepolcrali. L’effetto delle verità nascoste richiamano le due stagioni di Big Little Lies. Qui però i flashback non sono insistenti. Creano solo qualche piccola frattura. La vita però continua a galleggiare. Tra la vita e la morte, con in più un senso di stordimento che provoca smarrimento.

--------------------------------------------------------------------
#ArenediRoma2021 – Tutte le arene di cinema della capitale


--------------------------------------------------------------------

Omicidio a Easttown colpisce duro. Lo fa nascondendo le sue armi. Riesce a mandare avanti tutte le storie contemporaneamente, anche i tentativi di quella sentimentale tra Mare e lo scrittore, interpretato da Guy Peace che ritrova Kate Winslet dopo Mildred Pierce. Lo fa in modo secco, diretto, brutale e sentimentale. Dopo aver visto insieme tutti i sette gli episodi, si può provare a riguardare tutta la serie all’indietro, tornando al primo. E vedrete che funzionerà ancora alla grande.

 

Titolo originale: Mare of Eastown
Creata da: Brad Ingelsby
Regia: Craig Zobel (ep. 1-7)
Interpreti: Kate Winslet, Jean Smart, Evan Peters, Julianne Nicholson, Guy Pearce, Angourie Rice, Cailee Spaeny, David Denman
Durata: 58′ (1° e 2 ep.), 60′ (3° ep.), 56′ (4° ep.), 57′ (5° e 6° ep.), 64′ (7° ep.)
Origine: USA, 2021 

 

 

 

 

La valutazione del film di Sentieri Selvaggi
4.2

Il voto al film è a cura di Simone Emiliani

Sending
Il voto dei lettori
4.43 (7 voti)
--------------------------------------------------------------------
UNICINEMA – UNA NUOVA IDEA DI UNIVERSITÀ

--------------------------------------------------------------------

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *