BERLINALE 63 – Maladies, con James Franco: improvvisare una famiglia

BERLINALE 63 - Maladies, con James Franco: nuovo poster

 

---------------------------------------------------------------------

---------------------------------------------------------------------

Siamo intorno agli anni '60, in una casa sulla spiaggia, a Long Island, poco lontano da New York, dove convivono James (James Franco) Patricia (Fallon GoodsonChild of God, Black Dog, Red Dog) e Catherine (Catherine Keener A Late Quartet, Nailed, Frank or Francis): un ex attore di soap opera ritiratosi dalle scene perchè convinto di soffrire di schizofrenia e alle prese con un romanzo eternamente incompiuto; sua sorella, gravemente depressa e alienata, e la migliore amica di James, pittrice cross-dresser e fumatrice compulsiva.

James Franco, Catherine Keener, David Strathairn in MALADIES, di Carter - Berlinale 63La maggiore preoccupazione di James consiste nel morire prima di aver portato a termine la sua opera, motivo per cui stringe un patto con Catherine: l'artista che sopravvive tra i due, dovrà completare il lavoro dell'altro.
Maladies (trailer, poster e foto), che annunciavamo alla fine del 2010, sarà presentato alla 63° Berlinale nella sezione Panorama Special: il ritratto di un'amicizia tra tre persone che si tengono (o sono tenute) ai margini della società, che improvvisano una famiglia non convenzionale, e una riflessione sui confini della malattia mentale (vera e presunta).

Nel cast anche due veterani, David Straithairn (The Bourne Legacy, Lincoln) e Alan Cumming (The Tempest, Burlesque, In the Woods) Vince Jolivette, da sempre socio e collaboratore di James Franco, coproduttore con la Rabbit Bandini, Jon Prescott (già accanto a Franco in Urlo, nei panni di Neal Cassady) Mary Beth Peil (Flags of Our Fathers, The Good Wife) nei panni di una donna cieca, e lo stesso Carter, il misterioso regista, nato nel '70 in Connecticut, pittore, scultore, fotografo – già riconosciuto, ha esposto al MoMA, al Whitney Museum di New York, alla Tate Modern e alla Saatchi Gallery di Londra. Ma anche filmmaker (è già autore di Erased James Franco, corto in cui l'attore gioca con alcune icone cinematografiche, da Julianne Moore in Safe di Todd Haynes a Rock Hudson in Seconds di John Frankenheimer).

--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------

James Franco è a Berlino con tre film: Interior. Leather Bar e Lovelace, già presentati al Sundance 2013, e questo interessante Maladies. Sempre a Berlino, Franco inaugura la sua seconda personale, Gay Town.

BERLINALE 63 - James Franco in una scena di MaladiesNel frattempo sta ultimando due impegnativi lavori da regista: Child of God, in postproduzione, tratto da Figlio di Dio di Cormac McCarthy, e As I Lay Dying, ancora in fase di riprese, tratto da Mentre Morivo di William Faulkner. Non solo: ha in cantiere un adattamento di American Tabloid, capolavoro di James Ellroy.

Entro il 2013 dovrebbe uscire anche un film tratto dalla sua raccolta di racconti Palo Alto (tradotta in italiano da Minimum Fax con il titolo In stato di Ebbrezza) diretto da Gia Coppola (new entry della famiglia cinematografica cresciuta da Francis Ford Coppola – è sua nipote).

Da attore, lo vedremo in Spring Breakers di Harmony Korine e in Il grande e potente Oz di Sam Raimi (entrambi nelle sale italiane dal 7 marzo) nella commedia apocalittica The end of the world, in Homefront, action scritto da Sylvester Stallone, e forse in Santo, the Obscene, nuovo progetto di Bruce LaBruce.
 

Nella nostra gallery, il nuovo poster e alcune nuove immagini da Maladies.