LAVORI IN CORSO. Cronenberg, Manetti Bros, Gabriele Muccino, Léos Carax, Favino

Avevano suscitato un notevole clamore le ultime dichiarazioni di David Cronenberg allo scorso Festival di Venezia: il regista aveva infatti sottolineato di preferire Netflix alla sala, confessando di non frequentare i cinema da anni.

---------------- inserzione pubblicitaria ---------------

---------------------------------------------------------------
Ora il tutto si instaura in un quadro più chiaro, l’autore di capolavori come Videodrome e Crash collaborerà con la nota piattaforma streaming per una mini serie televisiva ispirata al romanzo Divorati (Consumed) scritto da Cronenberg stesso.
Atteso ritorno dopo cinque anni di assenza, attualmente il progetto è in pre-produzione.
Sembrerebbe confermata la presenza di Cronenberg alla regia come alla sceneggiatura ma i tempi sono ancora acerbi per avere certezze.
La trama di Divorati: Nomadi freelance ossessionati dalla tecnologia, Nathan e Naomi sono una coppia di fotogiornalisti alla costante ricerca di argomenti scabrosi che maneggiano con la disinvoltura dell’informazione nell’era dei social. Naomi, specializzata in cronaca nera, si appassiona alla vicenda di due affascinanti intellettuali francesi, Célestine e Aristide Arosteguy. Célestine è stata trovata morta e orrendamente mutilata nel suo appartamento parigino: la polizia sospetta che sia stato proprio il marito, al momento irreperibile, a ucciderla. E a divorare parti del suo corpo. Nel frattempo Nathan, che scrive di argomenti medici, si trova a Budapest per realizzare un pezzo su un controverso chirurgo. Quando scopre di aver contratto una rara malattia venerea, Nathan decide di volare a Toronto per incontrare il suo scopritore, il vecchio dottor Roiphe. Naomi, intanto, si mette alla ricerca di Aristide. Quale oscuro intreccio lega le due storie? Quale destino attende i due spregiudicati giornalisti?
—————————————————————————————————————–
Stanno apparendo in questi giorni le prime immagini del Diabolik diretto dai Manetti Bros. (Antonio e Marco Manetti), le cui riprese hanno battuto il primo ciak il 30 settembre.
Abili nel porsi a contatto con ogni categoria di genere, dall’esordio nel 2000 con Zora la Vampira all’ultimo Ammore e Malavita, i due registi romani non vogliono porsi limiti e questa nuova incursione che li travolge alle frontiere del comics è l’ennesima prova di un’audace ecletticità.
Il film, previsto nelle sale nel 2020, ha come protagonisti Luca Marinelli nei panni di Diabolik, Miriam Leone per Eva Kant e Valerio Mastandrea nelle vesti dell’ispettore Ginko.
Completano il cast Serena Rossi, Claudia Gerini e Alessandro Roja.
Alla base del racconto il travolgente e oscuro incontro tra Diabolik e Eva, ambientato nella fittizia Clerville degli anni ’60.
—————————————————————————————————————–
Uscirà nelle sale il 13 febbraio 2020 il nuovo film di Gabriele Muccino dal titolo Gli anni più belli.
Liberamente tratto dall’omonima canzone di Claudio Baglioni, particolarmente cara al regista, a tal proposito Muccino ha dichiarato: “Con il suo meraviglioso brano inedito, Baglioni è il rappresentante più evocativo degli ultimi quarant’anni raccontati nel film e della storia d’Italia che scorre alle spalle dei protagonisti come un fiume, inesorabilmente“.
Prodotto da Lotus Production, una società di Leone Film Group con Rai Cinema, il film annovera nel cast Pierfrancesco Favino, Micaela Ramazzotti, Kim Rossi Stuart, Claudio Santamaria, Nicoletta Romanoff e Emma Marrone.
Scritto da Gabriele Muccino con Paolo Costella, la colonna sonora sarà curata da Nicola Piovani.
La sinossi ufficiale: Gli Anni Più Belli è la storia di quattro amici Giulio (Pierfrancesco Favino), Gemma (Micaela Ramazzotti), Paolo, (Kim Rossi Stuart), Riccardo (Claudio Santamaria), raccontata nell’arco di quarant’anni, dal 1980 ad oggi, dall’adolescenza all’età adulta. Le loro speranze, le loro delusioni, i loro successi e fallimenti sono l’intreccio di una grande storia di amicizia e amore attraverso cui si raccontano anche l’Italia e gli italiani. Un grande affresco che racconta chi siamo, da dove veniamo e anche dove andranno e chi saranno i nostri figli. È il grande cerchio della vita che si ripete con le stesse dinamiche nonostante sullo sfondo scorrano anni e anche epoche differenti.
—————————————————————————————————————-
Gli Amazon Studios produrranno Annette, primo film in lingua inglese di Léos Carax che torna sul set a sette anni di distanza dall’ultimo Holy Motors.
Un musical che vedrà protagonisti Adam Driver e Marion Cotillard, un comico e una cantante d’opera che si innamorano sullo sfondo di una Los Angeles contemporanea. Alla morte dell’amata, l’uomo è costretto ad accettare il proprio dolore e crescere al meglio la loro bambina che, a quanto pare, possiede un dono davvero speciale.
Scritto da Ron e Russell Mael degli Sparks, la band si occuperà anche delle canzoni originali accanto alla produzione di Marius de Vries, già autore delle colonne sonore di pellicole come Moulin Rouge! e La La Land.
——————————————————————————————————————
Dopo una prima tappa romana partita lo scorso 29 luglio, le riprese di Padre Nostro, terzo lungometraggio di Claudio Noce, continuano in Calabria.
Sul set troviamo Pierfrancesco Favino, tra i volti protagonisti di un racconto tristemente noto alla cronaca dove due ragazzini, Valerio e Christian, scoprono la terribile violenza degli adulti ma anche quella che sarà la loro salvezza, l’amicizia che li lega.
Il film è prodotto da Lungta Film di Andrea Calbucci e Maurizio Piazza, da PKO Cinema & Co., società di produzione dello stesso Favino, da Tendercapital Productions, società di produzione cinematografica appartenente al Gruppo Tendercapital, in collaborazione con Vision Distribution e con il sostegno della Calabria Film Commission.
Nel cast figurano anche i giovani Mattia Garaci e Francesco Gheghi affiancati da Barbara Ronchi.

Sending
User Review
0 (0 votes)