Le Moine, trailer e foto. Dominik Moll e Vincent Cassel dal romanzo gotico di Lewis

In arrivo un thriller medievale tratto dal libro del 1796 di Matthew G. Lewis: Il Monaco, classico gotico che affascinò Artaud e Buñuel. Dirige Dominik Moll, regista di Harry un amico vero e Lemming. Protagonista Vincent Cassel nei panni di un frate in preda alle tentazioni dei sensi, alla follia omicida e a un incontro faccia a faccia con Satana

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

---------------------------------------------------------------
CORSO ONLINE DI CRITICA CINEMATOGRAFICA

---------------------------------------------------------------

Se rimosso, visibile anche qui

 

Vincent Cassel in LE MOINE di Dominik Moll. Poster, trailer, fotoIn arrivo un thriller medievale tratto dal libro del 1796 di Matthew G. Lewis: Il Monaco, classico gotico che affascinò Artaud e Buñuel. Dirige Dominik Moll, regista di Harry un amico vero e Lemming. Accanto al protagonista Vincent Cassel nei panni di un frate in preda alle tentazioni dei sensi, alla follia omicida e a un incontro faccia a faccia con Satana, anche Sergi LópezPep Tosar, Déborah François e Geraldine Chaplin.

Dominik Moll, nato in Germania nel 62, ma attivo in Francia – ha studiato a New York e ha una cattedra a Parigi nella prestigiosa scuola La Fémis) è regista (l'esordio nel 2004 con Intimité, da Jean-Paul Sartre) e sceneggiatore (suo lo script dell'interessante L'Autre monde di Gilles Marchand). Ha assistito  alla regia Laurent Cantet per Risorse umane.

Per lo script di Le Moine, ambientato nella Spagna cattolica del 17°secolo, Moll ha lavorato con Anne-Louise Trividic, collaboratrice storica di Patrice Chéreau. Le riprese sono iniziate tra la primavera e l'estate dell'anno scorso con Vincent Cassel (A Dangerous Method, Fantomas, Dobermann 2, Le Capital) nei panni di Ambrosio, orfano abbandonato davanti a un convento di Cappuccini, poi monaco pio e rispettato, che si ritiene orgogliosamente immune da ogni tentazione, infine uomo in preda a un'escalation di follia sensuale e omicida che perde se stesso e finisce per imbattersi in Satana in persona.
 

Nel cast anche Déborah François (L'enfant, La Voltapagine) Sergi López (L'amante inglese, Pa Negre) Pep Tosar (Cella 211, Mientras duermes) Roxane Duran (Il nastro bianco) Geraldine Chaplin (Imago Mortis, L'imbroglio nel lenzuolo). All'inizio Moll era riluttante sulla scelta di Cassel come protagonista (voluto dal  produttore Michel Saint-Jean). "Mi chiedevo: non dovrebbe essere molto più giovane? Ben presto, non sono riuscito a immaginare nessun altro attore al posto di Vincent".
 Anche Cassel aveva qualche dubbio. "Ma avevo visto i film di Dominik e li avevo trovati emozionanti. Inoltre non sono mai stato religioso. Non ho sempre ottime ragioni per accettare o no un film, si tratta semplicemente di una questione di desiderio".
 
 

Il Monaco, di Matthew G. Lewis"Sapevo che il romanzo ha scandalizzato la società del tempo, all'epoca della sua pubblicazione, ma non era questo il mio primo interesse, considerato poi che oggi il suo contenuto ci appare molto più ludico e meno scioccante che ad esempio certe opere del Marchese de Sade, contemporaneo di Lewis" racconta Moll parlando della genesi dell'adattamento, dal romanzo al film.

A invogliarlo, invece, è stato "in primo luogo il grande piacere di realizzare una storia che è un mix di romanticismo, fantastico, temi edipici e faustiani, spagnolerie e toni shakespeariani – Lewis aveva 19 anni quando scrisse a capofitto il romanzo, che è pieno di passione, probabilmente la sua forza e il suo limite. Un secondo aspetto, altrettanto importante, è la forza  visiva del romanzo, il suo potere di generare immagini, per usare le parole di André Breton.". 

"Non sono un avido lettore di letteratura gotica" spiega Cassel "ma mentre lavoravo sul set [di A Dangerous Method] con David Cronenberg, lui disse che adorava quel romanzo e che trovava fantastica l'idea di trarne un film. Per David ho interpretato un personaggio che è l'opposto del Monaco; un allievo di Freud il cui motto è "mai reprimere nulla". Mi sono ritrovato a essere nello stesso momento un frate che rifiuta la carne, dall'altro un cocainomane viveur… è stato molto interessante, perchè per me sono due aspetti della stessa questione. […] Ambrosio è un personaggio molto più vicino alla realtà che molti eroi. Alla fine, non agisce in nome di Dio o del Diavolo, ma solo della vita. Ambrosio si trova ad affrontare le sue contraddizioni. Non può fare altrimenti. In modo mille volte più potente che altre persone, dal giorno in cui assaggiato la carne e ha compreso che la camicia di forza religiosa che indossava non è sufficiente a riempire la sua vita."

Moll racconta anche questa sua prima esperienza con le atmosfere d'epoca, dopo aver ritratto le nevrosi della società contemporanea nei suoi film precedenti: "Mi sono sempre detto: Mai in film in costume! Troppo pesante, troppo costoso, troppo restrittivo, troppo … tutto! Ma avevo anche voglia di esplorare altri universi oltre a quello del presente. Per un certo periodo ho preso in considerazione di adattare Basil, un romanzo di Wilkie Collins a metà strada tra il romanzo gotico e il poliziesco, una storia di vendetta. Sono queste le storie che mi attraggono… La Moine è un film particolare, e il Monaco un personaggio più vicino a Frankenstein o Dracula, sbilanciato verso il terreno del sogno e dell'incubo. 
Vincent Cassel e il regista Dominik Moll scherzano sul set di LE MOINEL'ultima delle mie preoccupazioni è stata la precisione storica: ciò che conta è il piacere del racconto.
Anche se mi sono documentato a lungo sulla Spagna cattolica e sull'Inquisizione; il film è ricco di contraddizioni funzionali alla sua atmosfera. La Moine non è la ricostruzione della vita di una persona reale: è più Don Chisciotte che Napoleone!
"


Interrogato sul suo lavoro sull'immagine, che mescola classicismo e sperimentazione visiva, Moll racconta di aver privilegiato i contrasti tra gli esterni luminosi e gli interni densi e oscuri e di aver usato tecniche utilizzate fin dai tempi del cinema muto, dalle sovraimpressioni alle immagini monocromatiche alle variazioni di luce all'interno di un piano.
Tra le suggestioni pittoriche, cita Zurbaran, Velasquez, Goya, ma anche le opere di Füssli e le incisioni di Gustave Doré (specie le illustrazioni per la Bibbia e il Don Chisciotte).
"Mi hanno ispirato anche le foto di José Ortiz Echagüe, che all'inizio del ventesimo secolo si è occupato di molti soggetti religiosi. Per non parlare del cinema: Vertigo, Ossessione, Nosferatu, Narciso Nero…"

LE MOINE di Dominik MollLe musiche sono di  Alberto Iglesias (También la lluvia di Icíar Bollaín, La piel que habito di Pedro Almodóvar,Carnage, nuovo di Roman Polanski) coadiuvato da Antxón Gómez
Moll è alquanto soddisfatto della collaborazione: "La sua musica ha il potere di mescolare la delicatezza e la potenza, e contribuisce moltissimo a creare un equilibrio tra spettacolare e intimo, tra genere ed emozione. A Iglesias sono particolarmente grato per la musica che accompagna il confronto tra Vincent Cassel e Sergi López nella scena finale nel deserto. Io avevo immaginato suoni stridenti e dissonanti, a suggerire la prossimità con l'inferno. Alberto è andato nella direzione opposta e ha creato una composizione per contralto e pianoforte che è tutto l'opposto di qualcosa di infernale, e crea una scena di grande malinconia, che mette in evidenza tutto ciò che Ambrosio ha perso o non ha mai conosciuto."


Le Moine
è una coproduzione franco-spagnola. L'uscita in sala è fissata per il 24 giugno in Spagna e il 13 luglio in Francia. 
Tutte le foto nella nostra gallery.

 

 

 

 

 

 

---------------------------------------------------------------
Ecco il nuovo Sentieriselvaggi21st #10: CYBERPUNK 2021, il futuro è arrivato

---------------------------------------------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative



    Un commento

    • L' ho visto (in francese con i sottotitoli in inglese). Certo ha una fotografia meravigliosa, le muscihe non mi hanno convinto sempre, ma ancora di meno mi ha convinto il modo in cui venga tagliata tutte le parti soprannaturali e la rappresentazione id satana