La guida allo streaming di Dicembre 2023 di Sentieri Selvaggi

Una guida allo streaming con tutti i titoli più interessanti in uscita a Dicembre 2023. Netflix, Prime, RaiPlay, Mubi, Disney+, Apple TV+, Sky, Chili, Paramount+

--------------------------------------------------------------
MASTERCLASS DI REGIA ONLINE CON MIMMO CALOPRESTI DAL 5 MARZO

--------------------------------------------------------------

Torna l’appuntamento mensile che sonda le profondità digitali delle piattaforme streaming alla ricerca dei titoli più interessanti da vedere ogni mese tra film, serie tv e documentari, nel tentativo di offrire uno spazio sicuro e accogliente complementare all’offerta cinematografica in sala. Questo mese, nella nostra selezione, tra gli altri, i nuovi film di Bradley Cooper e Zack Snyder su Netflix, l’ultimo Indiana Jones su Disney+ e l’ultimo film di William Friedkin su Paramount+

--------------------------------------------------------------
40% DI SCONTO, IL 29 FEBBRAIO! UN’OFFERTA CHE ARRIVA SOLO OGNI 4 ANNI! COGLIETE L’ATTIMO.

--------------------------------------------------------------

 

Netflix

Maestro

Al secondo film da regista, Bradley Cooper trova probabilmente la consacrazione come autore grazie a questo biopic dal piglio evidentemente post classico incentrato sul direttore d’orchestra Leonard Bernstein, sui suoi amori, sulla sua vita complessa e a tratti tormentata. Ma quello di Cooper è soprattutto un gioco con il linguaggio, i formati, i colori (e l’elegante bianco e nero del primo atto) che contribuisce a costruisce forse uno dei più importanti melò del 2023. Dal 20 dicembre. Qui la nostra recensione.

 

Rebel Moon – Parte 1 – Figlia del fuoco

Quasi un prodotto impossibile non solo lontano dal mondo delle piattaforme ma anche da una contemporaneità in cui tutto sembra potersi riscrivere e ripensare. Nel recente passato, Zack Snyder offrì un suo soggetto per uno Star Wars a Kathleen Kennedy e alla Disney. Gli venne rifiutato ma in suo soccorso corre evidentemente Netflix, che gli dà il budget per sviluppare questo sci fi avventuroso in due parti in cui Sofia Boutella interpreta un ex agente di un governo dispotico che, in cerca di redenzione, si rifugia in un pacifico pianeta contadino. Quando le forze di Motherworld ed il malvagio reggente Balisario sbarcano sul pianeta per conquistarlo, Kora dovrà risvegliare le sue abilità guerriere e reclutare un gruppo di mercenari per organizzare la ribellione. Dal 22 dicembre.

Galline In Fuga – L’alba dei nugget

Più di vent’anni dopo il primo film, tornano, stavolta su Netflix, le avventure di Gaia e di Rocky, la gallina ed il gallo che orchestrarono la straordinaria fuga dall’allevamento dei perfidi Tweedy, riacquistando la loro libertà e allontanadosi da un futuro monotono in cui venire sfruttati solo per le loro uova. Ma i due saranno chiamati ad una nuova audace operazione quando i Tweedy faranno la loro comparsa nel tranquillo paradiso naturale in cui hanno trovato rifugio. Ora l’obiettivo è distruggere l’intero stabilimento di lavorazione delle carni di pollo. Dal 15 dicembre.

 

Il mondo dietro di te

Sam Esmail torna al cinema dopo la lunga parentesi seriale ma il risultato canbia poco. Il suo è ancora un immaginario che fa del thriller psicologico e del sentimento di unheimleiche la sua sintassi prediletta. Qui al centro del racconto, tratto dal romanzo omonimo, c’è la vacanza di una tranquilla famiglia borghese che viene interrotta da due estranei che irrompono nella loro casa affermando che un improvviso blackout sta portando conseguenze catastrofiche sul mondo. I quattro dovranno capire come procedere svelando, tuttavia, lati oscuri di sé. Dall’8 dicembre

Prime Video

Bottoms

Dopo Shiva Baby Emma Selingman torna alla regia e alla scrittura con questa rom com di ambiente scolastico che ha il piacevole retrogusto delle commedie di inizio anni ’00. Rachel Sennot (già protagonista di Shiva Baby) e Ayo Edebiri sono due studentesse lesbiche e impopolari che decidono di perdere la verginità in ogni modo possibile. Provano dapprima a inventarsi la balla di essere state in riformatorio e poi, subito dopo, fondano un club di autodifesa giusto per allargare il loro giro di amicizie femminili. Quello che era nato, però, come un hobby puramente egoistico finirà per cambiare le loro vite per sempre. Già disponibile.

 

Sisu – L’Immortale

Piccolo instant cult dell’action 2023, questo indie finlandese vuole fare evidentemente tesoro della preziosa lezione action che da Mad Max Fury Road va fino al John Wick di Leitch e Stahelski. Al centro del racconto c’è infatti una nuova caccia all’uomo, quella che contrappone l’ex soldato Aatami ed un gruppo di nazisti pronti a recuperare un carico d’oro che il protagonista sta riportando a casa sullo sfondo della Guerra di Lapponia. Già disponibile.

Reacher – Stagione 2 (Serie)

Dopo Jack Ryan, Prime Video sviluppa un nuovo adattamento tratto da un fortunato ciclo di thriller scritto da Lee Child. Jack Reacher è un ex ufficiale della polizia militare che dopo aver rassegnato le dimissioni inizia un viaggio in solitaria attraverso tutta l’America, senza documenti, in autostop e affidandosi solo all’aiuto delle persone che incontra.

Di tappa in tappa, verrà coinvolto, suo malgrado, in indagini che sveleranno il lato oscuro dell’America di provincia. Nella seconda stagione la lotta di Reacher si sposterà sul personale quando il soldato riceve un messaggio cifrato che lo informa che i membri della sua vecchia unità stanno venendo uccisi senza pietà. Riunitosi con gli operativi rimasti, Reacher si prepara dunque a iniziare le indagini. Dal 15 dicembre.

 

Disney+

Percy Jackson e gli Dei dell’Olimpo (Serie Tv)

Quasi quattordici anni fa Chris Columbus tentò di bissare lo straordinario successo dei primi due capitoli di Harry Potter da lui diretti e lo fece provando ad adattare il primo romanzo di un’altra saga Young Adult di buon successo in quegli anni, quella dedicata al Percy Jackson di Rick Riordan, un ragazzino che un giorno scopre di essere un semidio figlio di Poseidone finito suo malgrado al centro dei giochi di potere dell’Olimpo. Il progetto non brillò sulla lunga distanza ed il franchise in progettazione venne accantonato. Ora, 14 anni dopo, Disney ritenta l’impresa e prova ad adattare in forma seriale Il Ladro Di Fulmini, quello stesso romanzo. La trama, rispetto al film, è sostanzialmente invariata. Percy, insieme agli amici Grover ed Annabeth, dovrà viaggiare per gli Stati Uniti alla caccia del ladro che ha rubato le folgori di Zeus e così scagionare suo padre. Dal 20 dicembre.

Raffa

Documentario monstre diretto da Daniele Lucchetti e dedicato a Raffaella Carrà, arrivato in sala solo per pochi giorni quest’estate. Se la forma è sostanzialmente tradizionale l’intento è nobilissimo ed il passo appassionato: restituire a chi guarda un ritratto il più possibile omnicomprensivo della diva, dalla rivoluzione televisiva ai primi anni di varietà, passando per i fondamentali momenti di lotta e di emancipazione della donna che ne hanno caratterizzato la vita. Dal 27 dicembre. Qui la nostra recensione.

Indiana Jones ed il quadrante del destino

James Mangold firma forse l’unico Indiana Jones possibile oggi, quello che, tra deepfake e giochi con le coordinate temporali parla meglio il linguaggio del cinema digitale Quello che estremizza maggiormente la radice postmoderna della saga; quello che ragiona di più sullo status di Indy come immagine/icona costantemente delocalizzabile e riposizionabile nella storia del cinema e dei generi, a tal punto che Dial Of Destiny contiene in sé almeno sette o otto film diversi costantemente intercambiabili. E, sul fondo, fortissimo, rimane uno straordinario gusto melò. Qui la nostra recensione.  Dal 15 dicembre.

Die Hard – La Trilogia

Disney+ asseconda il meme che vuole il primo Die Hard, quello dell’assedio al Nakatomi Plaza di Hans Gruber proprio durante le feste natalizie venire considerato alla stregua di un film adatto alle feste e per dicembre propone tutti e tre gli action classici con Bruce Willis. Anche al di fuori del meme, si tratta comunque di tre film ormai fuori dal tempo, classici del genere ma anche della regia (a partire da quella di John McTiernan), che fa sempre bene rispolverare. Già disponibile.

 

Apple Tv+

The Family Plan

Action comedy straordinariamente classica che però può contare su un sempre divertito Mark Whalberg. Dan è uno stimato padre di famiglia e imprenditore nel settore della compravendita di auto. Anni fa, però, era anche e soprattutto un assassino del governo straordinariamente efficente. Ora alcuni nemici che hanno più di un conto in sospeso con lui lo hanno rintracciato e iniziano a dargli la caccia. L’unica possibilità per Dan è iniziare una rocambolesca fuga che lo condurrà fino a Las Vegas. Tutto però dovrà essere fatto tentando costantemente di mantenere la copertura, perché la sua famiglia è totalmente all’oscuro del suo passato. Dal 15 dicembre.

The Supermodels

Quattro episodi per quattro atti in cui raccontare quattro tra le supermodelle “che fecero l’impresa”, quelle che, fin dagli anni ’80 hanno fondato uno standard non soltanto di bellezza ma legato soprattutto al racconto mediatico del mondo dell’alta moda. Ne viene fuori un profilo sfaccettato e dalla forma elegante di Naomi Campbell, Cindy Crawford, Linda Evangelista e Christy Turlington, dagli anni ’80 in cui furono regine delle passerelle al presente in cui si sono reinventate imprenditrici e filantrope. Già disponibile.

John Lennon – Murder Without A Trial

Un nuovo exploit nel True Crime a firma AppleTv, stavolta forse anche più “di lusso” delle altre volte. John Lennon Murder Without A Trial ricostruisce infatti, forse per la prima volta in modo così articolato e diretto ad un pubblico generalista, quel pomeriggio dell’8 dicembre 1980 in cui Mark David Chapman uccise John Lennon. E lo fa con un passo usuale ma appassionato, coinvolgendo nuovi testimoni e nuovi reperti, come se fosse convinta che solo attraverso il linguaggio del cinema delle piattaforme si possa arrivare alla verità. Dal 6 dicembre.

Flora & Sons

Nuovo film del bravo John Carney, stavolta, forse, un po’ più malfermo rispetto a “zampate” precedenti come Sing Street e Begin Again ma sempre affettuoso nei confronti dei suoi personaggi e, soprattutto, della musica. Flora è una giovane madre di neanche trent’anni ancora immatura e costretta a dividersi tra i doveri dell’adulto responsabile e un’adolescenza da cui non sembra volersi allontanare. Per tenere suo figlio, appassionato di trap e grime lontano dalle cattive compagnie delle zone popolari di Londra in cui vive prova a regalargli una chitarra ma alla fine si appassiona lei allo strumento, grazie anche alle lezioni a distanza di un ex musicista americano. Lo strumento, prevedibile, sarà il collante che li aiuterà a conoscersi. Con Eve Ewson e Joseph Gordon Lewitt. Qui la nostra recensione. Già disponibile.

 

 

 

Paramount+

The Curse

Ci sarà tempo per riflettere sulla carriera in ascesa di Nathan Fielder, tra le firme sempre più in primo piano della comedy americana “dal vivo” e seriale. C’è lui dietro il bellissimo progetto The Rehersal, lucidissima riflessione dolceamara sul concetto di “liveness” oggi purtroppo ancora inedito da noi ma suo (a quattro mani con Benny Safdie) è anche questo The Curse, serie che parodizza gli horror “casalinghi” contemporanei ma sopratutto gioca con certi format e con certe ossessioni sempre più contemporanee, come quelle dell’interior design, delle restaurazioni di appartamenti e case borghesi e dei canali televisivi “Fine Living” come Discovery Real Time e Home & Garden. Conduttori di un programma di restauri sono infatti Whitney e Asher una coppia  che vede il loro rapporto messo alla prova a causa di un poltergeist che infesta l’ultimo loro acquisto. Già disponibile.

The Cain Mutiny Court-Martial

L’ultimo film di William Friedkin, morto poco prima di presentarlo al Festival di Venezia 2023 è un rigoroso thriller giudiziario da camera volutamente senza fronzoli che pare un’inconsapevole summa del suo cinema, non solo estetica (teso com’è tra il “suo” 12 Angry Men e Regole D’Onore) ma anche tematica, puntellato di quelle riflessioni sul bene e sul male che hanno da sempre caratterizzato la sua carriera. Il tenente Greenwal un giorno si ritrova a difendere in Corte Marziale il tenente Maryk. Maryk è infatti accusato di ammutinamento nei confronti del capitano Queeg, che Maryk ha sollevato dall’incarico rilevando in lui evidenti segni di squilibrio durante una traversata nello stretto di Hormuz in tempesta in piena guerra del golfo. Qui la nostra recensione. Dal 29 dicembre.

Transformers – Il Risveglio

Lontano da Bay ma comunque nella sua orbita, il franchise Mattel dà un sequel al Bumblebee del 2017 e prova a ricostruire, a partire da una storia d’avventura classica per ragazzi, lo spirito del Bayhem da cui prese le mosse ormai sedici anni fa. Transformers Il Risveglio è allora una terapia dello sguardo, un modo per riavvicinarsi allo spirito originale, che forse svela, al contrario, quanto quel passo fosse unico ma che non manca di interrogare comunque alcune delle questioni tematiche centrali del presente. Dall’8 dicembre. Qui la nostra recensione.

Margini

Tra fiction e autofiction, tra Virzì e la commedia italiana anni ’80, l’esordio spiazzante di Niccolò Falsetti e Francesco Turbanti, piccolo caso dell’annata 2022. Già disponibile. Qui la nostra recensione.

 

Raiplay

Falcon Lake

Piccolo film che attirò l’attenzione al festival di Torino 2022, Falcon Lake è una storia di formazione spettrale, inquietante non tanto per il desiderio di far paura ma perché è chiaro che per Charlotte LeBon l’inquietudine è in sentimento connaturato a quell’adolescenza in cui sono a loro modo intrappolati i due protagonisti. Bastien (come l’autore della graphic novel da cui è tratto il film, Bastien Viven) passa l’estate nel Quebec. Qui incontra Chloe, più matura, ribelle. I due si innamoreranno di un’amore inquieto sullo sfondo di una natura che pare caricarsi di tutte le loro tensioni. Un film fisico, tangibile, “analogico”, che per certi versi sarebbe piaciuto a Mark Fisher. Già disponibile. Qui la nostra recensione.

House Of Gucci

Mentre è in sala con il suo Napoleone, Raiplay propone i due film di Ridley Scott che in prospettiva compongono questa trilogia sulla decadenza borghese e famigliare, che inizia con Tutti I Soldi Del Mondo e prosegue con il bel House Of Gucci del 2021. Noi vi consigliamo proprio quest’ultimo, che è poi la conferma di quanto quello di Scott sia un cinema di replicanti che forse sanno di esserlo (o forse no?). Quello di House Of Gucci è un cinema postmoderno che ormai supera il postmoderno a destra e gioca a guardare dall’esterno quegli anni, quella forma mentale, quell’edonismo (la cordata araba che rimprovera ad un Maurizio Gucci ignaro i suoi acquisti a casaccio, la Lamborghini, le case, è una delle scene, credo, fondamentali del film, insieme a quella stracitata di Aldo Gucci e delle borse tarocche).

Cinema di copie e frammenti in fame d’aria, che costantemente sembrano cercare nuovo spazio vitale, magari grazie ad una rete che li remixa e li sostituisce agli originali. Già disponibile. Qui la nostra recensione.
https://www.youtube.com/watch?v=rd2w82j7XS8&pp=ygUaaG91c2Ugb2YgZ3VjY2kgcGFvbG8gZ3VjY2k%3D

Raging Fire

L’ultimo film di Benny Chan è un action Hongkonghese senza esclusione di colpi che tra sparatorie, scazzottate, inseguimenti e narcotraffico pare davvero voler trarre il meglio dallo sguardo del regista cinese prima che sia troppo tardi. L’ispettore Bong, uno degli agenti più rispettati del dipartimento di Hong Kong è costretto a dare la caccia a al suo vecchio protetto, tornato in gioco per vendicarsi di tutti coloro che gli hanno fatto un torto. Già disponibile. Qui la nostra recensione.

 

Noi Siamo Leggenda

Una scelta quasi “tematizzata”, legata a quella generazione Z a cui abbiamo dedicato l’ultimo numero del nostro magazine (acquistabile qui). Dopo aver adattato ad uno sguardo Young Adult il prison drama con Mare Fuori, parte del team autoriale della serie trasmigra negli spazi del cinecomic per questo “Noi Siamo Leggenda”, racconto corale, forse più luminoso del classico Misfits ma dalle atmosfere molto affini, su un gruppo di giovani che, improvvisamente, scopre di essere dotato di straordinari poteri. Già disponibile.

 

Sky

Non ci resta che il crimine – La Serie

Sequel in forma di adattamento seriale anche per la saga sci fi ideata e diretta da Massimiliano Bruno in cui un malassortito gruppo di eroi è costretto a viaggiare nel tempo per rimediare a eventi che potrebbero avere conseguenze catastrofiche sul nostro presente. Dopo aver sconfitto la colonna romana dei nazisti grazie all’aiuto di parte della banda della Magliana (!!!???), Moreno e gli altri tornano al presente ma Giuseppe, in particolare, sente ancora il richiamo dell’avventura. L’uomo vuole infatti indagare sulla madre che non ha mai conosciuto e per farlo “salta” fino ai disordini di Roma del 1978. Giuseppe conosce la madre ma il suo gesto ha attivato una serie di conseguenze per cui ora, nell’Italia del presente si è instaurato un regime fascista. Spetterà ai protagonisti organizzare un colpo di stato per far tornare la pace.  Dal 1 dicembre.

Una notte violenta e silenziosa

Al David Harbour di Stranger Things il compito di traghettare nello spazio contemporaneo le commedie action di Natale adatte a tutta la famiglia. Ed il passo è affettuoso, la mano fermissima, anche se il passo forse un po’ troppo programmatico, come se ogni inquadratura collaborasse a costruire un film che vuole fin dal primo minuto essere un classico delle feste. Babbo Natale è pronto ad affrontare la sua notte più lunga quando il 25 dicembre il suo percorso di consegne viene interrotto da un commando che prende in ostaggio un comprensorio borghese alla periferia di Greenwich in Connectictut. Richiamato dalla figlia di uno degli ostaggi, come un novello John McClane Babbo Natale dovrà farsi strada nell’assedio fino a scontrarsi con il perfido Scrooge. Qui la nostra recensione. Dal 14 dicembre.

Love To Love You

Sky mette a disposizione anche questo bel documentario su Donna Summer che forse è un po’ passatista dal lato della forma (praticamente è tutto costruito sulle voci off di parenti e amici della Summer che ne ricostruiscono la vita e la carriera) ma che è al contempo una vera e propria miniera d’oro per l’uso che fa del repertorio e, sopratutto, dell’archivio sonoro della cantante, tra esibizioni inedite e approfondimenti sullo sviluppo dei suoi brani più famosi. Già disponibile.

Progetto Lazarus – Stagione 2 (serie)

Un’altra delle serie inglesi recenti da tenere d’occhio. La Lazarus è un’agenzia governativa interforze che si occupa di tutelare la sicurezza mondiale attraverso il viaggio nel tempo e l’utilizzo di particolari loop. La realtà viene difesa agendo contro le minacce e resettando il flusso temporale ogni volta al 1 luglio in caso le cose non andassero bene. Nessuno si accorge davvero del salto salvo George, un comune londinese che viene reclutato dall’agenzia proprio per le sue particolari capacità percettive. George però, durante la prima stagione si scontra contro la sua stessa organizzazione provando a scatenare una guerra tra Russia e USA che possa aiutarlo a salvare l’unica persona che ama. L’ordine viene tuttavia ristabilito salvo il prendere atto, da parte di Lazarus, che un’altra macchina per i loop è stata creata dai cinesi, che ora hanno intrappolato il mondo in una realtà in cui ogni tre settimane avviene l’Apocalisse.  Dal 18 dicembre.

 

 

Chili

Gran Turismo

Film “alimentare” per Neil Blompkamp, tratto dall’omonimo videogioco Sony, che forse sarebbe piaciuto al duo Bruckheimer/Scott che già portarono al cinema la Nascar in “Giorni Di Tuono” e che nelle mani del filmmaker sudafricano pare un altro tassello del suo cinema macchinico, che racconta un’umanità sempre più affascinato dal potenziamento tecnico. Peccato che, a volte, il suo sguardo si stanchi di stare dietro alle traiettorie in pista. Già disponibile. Qui la nostra recensione.

 

Living

Remake dell’omonimo film di Akira Kurosawa su un uomo che cerca di trarre il meglio dal tempo che gli resta, il lavoro di Oliver Hermanus è soprattutto un actor piece attraverso cui Bill Nighy può squadernare tutte le sfumature della sua attorialità, ma stupisce, comunque, lo straordinario rispetto con cui viene maneggiato il materiale originale. Già disponibile. Qui la nostra recensione.

 

Emily

Un altro actor piece, stavolta della giovane Emma Mackey (già vista in Sex Education) che qui interpreta la scrittrice Emily Bronte in un biopic forse convenzionale ma elegante e attento ai sottotesti tutti contemporanei del lavoro dell’autrice. Qui la nostra recensione. Già disponibile.

 

Mubi

Retrospettiva Aki Kaurismaki

Lo segnalavamo già sul sito qualche giorno fa. Per tutto il mese di novembre (e dunque anche per Dicembre), Mubi dà la possibilità di vedere tutti i film di Aki Kaurismaki, da Miracolo a Le Havre a l’Uomo Senza Passato, in occasione dell’uscita in sala del suo ultimo film, Foglie Al Vento.

 

Passages

Ira Sachs è sempre più uno degli autori centrali del contemporaneo e lo conferma con questo Passages, suo film più recente, un teso e attento gioco a tre voci sullo sfondo di una relazione che lentamente svela tutta la sua tossicità. Tomas e Martin sono sposati da anni ma un giorno l’uomo conosce Agathe. È l’inizio di un’infedeltà che si trasforma in gioco al massacro, con il protagonista costretto a fare il punto sui suoi desideri più profondi. Già disponibile. Qui la nostra recensione.

 

Ombre di dubbio – un dittico su Cary Grant

Cary Grant è un altro dei volti a cui Mubi dedica una retrospettiva. In piattaforma arrivano infatti il classico “il Sospetto”, di Hitchcock ma soprattutto Sciarada, di Stanley Donen, gioco Hitchockiano di un regista di musical che prova a infondere il linguaggio leggero di quel mondo nello spazio della spy story. Già disponibile.

 

----------------------------
CORSO DI SCENEGGIATURA CON FRANCO FERRINI, DAL 12 MARZO!

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative