Sottodiciotto Filmfestival

sottodiciottoSottodiciotto Filmfestival – Torino Schermi Giovani, la più importante kermesse nazionale dedicata alla produzione cinematografica dei giovani, dei bambini e dei ragazzi, bandisce il nuovo Concorso nazionale relativo alla XIII edizione, che si svolgerà a Torinodal 6 al 15 dicembre 2012.
Alla sezione competitiva, che si articola nel Concorso nazionale prodotti audiovisivi delle Scuole (di ogni ordine e grado, da quelle dell’Infanzia alle Secondarie) e nel Concorso nazionale prodotti audiovisivi under 18 extrascuola, potranno partecipare film a tema libero, terminati dopo il 1° settembre 2011 e di durata non  superiore a 30 minuti.  
 
Iscrizione: la richiesta d’iscrizione è gratuita e deve essere inoltrata tramite la scheda ufficiale entro il 30 giugno 2012, accompagnata da una copia delfilm in DVD. La scheda d’iscrizione è scaricabile dal sito www.sottodiciottofilmfestival.it o compilabile on-line.

Sottodiciotto Filmfestival

 

Apertura del nuovo bando della XII edizione (Torino 8-17 dicembre 2011)
Un’occasione unica per i giovanissimi talenti e per scoprire i registi di domani
?Concorso nazionale aperto alle produzioni realizzate dalle scuole
? Concorso nazionale aperto alle produzioni extrascolastiche realizzate dagli under 18
Scadenza 30 giugno 2011
 
Sottodiciotto Filmfestival – Torino Schermi Giovani, la più importante kermesse nazionale dedicata alla produzione cinematografica dei giovani, dei bambini e dei ragazzi, bandisce il nuovo concorso nazionale relativo alla XII edizione, che si svolgerà a Torino dall’8 al 17 dicembre 2011.
 
Elemento caratterizzante della sezione competitiva sarà anche per il 2011 il Concorso nazionale prodotti audiovisivi realizzati dalle scuole (di ogni ordine e grado, da quelle dell’infanzia alle secondarie), che, unico in Italia, ha registrato nel tempo una costante crescita di partecipazione diffusa. Sono stati, infatti, oltre 400 i film pervenuti alla scorsa edizione dall’intero territorio nazionale, segno di quanto il Festival interpreti e incentivi un positivo primato dell’Italia, il paese europeo dove è maggiormente diffuso nelle scuole l’uso didattico dell’audiovisivo.
Dedicato al “cinema giovane” di ieri, di oggi, ma soprattutto di domani, Sottodiciotto è da sempre un luogo d’incontro e di confronto che si propone di dare visibilità e di promuovere i prodotti audiovisivi realizzati dai ragazzi in quanto espressione della loro libera iniziativa e creatività. Nella sezione competitiva, accanto al Concorso riservato alle scuole, il Festival, quindi, bandisce anche quest’anno il Concorso nazionale under 18 extrascuola: un’occasione unica per tutti i giovanissimi appassionati di audiovisivi di mettere alla prova il proprio talento, mostrare il proprio lavoro e misurarsi con un vero pubblico in sala.Sono ammessi film di ragazzi che non abbiano ancora compiuto 19 anni al 30 giugno 2011, realizzati in autonomia – singolarmente o in gruppo – oppure sotto la supervisione di un educatore o di un operatore specializzato.
 
Ai due concorsi potranno partecipare film a tema libero, terminati dopo il 1° settembre 2010 e di durata non superiore a 30 minuti.
Iscrizione: la richiesta d’iscrizione è gratuita e deve essere inoltrata tramite la scheda ufficiale entro il 30 giugno 2011, accompagnata da una copia delfilm in DVD.
La scheda d’iscrizione è scaricabile dal link: http://www.sotto18.it/bando_2011.php
 
Info: Sottodiciotto Filmfestival – Torino Schermi Giovani, c/o Aiace Torino, Galleria Subalpina 30, 10123 Torino; tel. 011538962/0115067525 – fax 011542691; e-mail: info@sottodiciottofilmfestival.it,
www.sotto18.it/bando_2011.php
 
Sezioni e premi del concorso:
 
? Concorso nazionale aperto alle produzioni audiovisive realizzate dalle Scuole d’Infanzia, Primarie, Secondarie di I e di II grado:
I e II premio in attrezzature tecniche per le scuole; Targa Città di Torino – Sottodiciotto Filmfestival, Premio UNICEF, Premio Salone Internazionale del Libro, Premio Smemoranda, Premio Coordinamento Comuni per la Pace della provincia di Torino, Targa CIAS,Premio del pubblico GT Ragazzi TG3 RaiTre, Premio Consiglio regionale del Piemonte
 
? Concorso nazionale aperto alle produzioni audiovisive realizzate autonomamente dai giovani under 18:
I e II premio in attrezzature tecniche; Targa Città di Torino – Sottodiciotto Filmfestival, Premio UNICEF, Premio Salone Internazionale del Libro, Premio Smemoranda, Premio Coordinamento Comuni per la Pace della provincia di Torino, Targa Consulta Provinciale degli Studenti di Torino, Targa Città di Torino – Giovani per Torino, Targa Dams – Facoltà di Scienze della Formazione, Università degli Studi di Torino.
 
Sottodiciotto Filmfestival, che negli anni ha riscosso un crescente successo di pubblico (35.630 presenze nel 2010), dedicherà la XII edizione al tema della legalità, intesa come imprescindibile elemento fondante del patto sociale ed espressione di una cultura portatrice di valori e diritti fondamentali, quali la reciprocità, la pari dignità, la libertà, la solidarietà e la sicurezza, che ogni nuova generazione deve imparare a riconoscere e tutelare, aderendo a regole condivise nell'ottica di un’educazione alla civile convivenza democratica. L’argomento sarà declinato nelle sue molteplici sfaccettature, naturalmente a partire da un osservatorio ben preciso, quello dei giovani e dei ragazzi.
 
Il Festival. Sottodiciotto ha saputo affermarsi nel corso degli anni come evento unico e originale nell’ambito del panorama cinematografico. Grazie alla sua formula inedita e all'apertura a nuove fasce di pubblico normalmente trascurate, è l’unico Festival italiano ed europeo che guarda all'universo giovanile attraverso due programmi distinti ma complementari che si integrano vicendevolmente: da un lato la manifestazione è diventata un’importante e riconoscibile vetrina del cinema di qualità che propone anteprime nazionali, personali, retrospettive, omaggi, programmi speciali, pellicole restaurate, incontri con ospiti di prestigio che consentono sfaccettati approcci al mondo giovanile e al “cinema giovane” di ieri e di oggi; dall’altro si è scelto di stimolare la creatività degli under 18 offrendo loro uno spazio di visibilità e confronto grazie alla proiezione dei prodotti da loro realizzati.
Gli spettatori del Festival, nel corso di undici edizioni, hanno potuto vedere in anteprima pellicole esclusive in grado di mettere d’accordo critica e pubblico: Billy Elliot, Sognando Beckham, Sinbad – La leggenda dei sette mari, L’Enfant, Happy Feet, Bee Movie, Paranoid Park, Persepolis, The Millionaire, Madagascar 2, Megamind 3D solo per citarne alcuni. Numerosi sono stati inoltre gli ospiti d’eccezione che hanno potuto dialogare con il pubblico nel corso degli appuntamenti della manifestazione: Marco Bellocchio, Gianni Amelio, il compianto Emanuele Luzzati, Bruno Bozzetto, la famiglia Comencini, Jean-Pierre e Luc Dardenne, Nicolas Philibert, Francesca Archibugi, Olivier Assayas, Michel Khleifi, Pupi Avati, Garri Bardin, Jean-François Laguionie, Antonio Tabucchi, André Téchiné, Barry Purves, Edgar Reitz, Michael Winterbottom, i fratelli Taviani, Mike Leigh, Citto Maselli, Fernando Solanas, Jean-Pierre Jeunet, Bahman Ghobadi… Senza dimenticare i programmi speciali, i seminari nazionali rivolti ai docenti, i laboratori didattici, gli incontri con gli autori dei film e, fulcro dell’iniziativa, il Concorso nazionale con oltre 200 lavori in gara. Durante il Festival studenti e insegnanti (circa 22.000 nell’edizione del 2010, al cui concorso hanno partecipato 173 scuole provenienti da tutto il territorio nazionale) giungono a Torino da ogni parte d’Italia per assistere alle proiezioni e per confrontarsi sui propri lavori, trasformando in tal modo Sottodiciotto in una preziosa occasione d’incontro.
 
Organizzato da Aiace Torino e da Città di Torino – Divisione Servizi Educativi e ITER, il Festival è sostenuto da Regione Piemonte, Consiglio Regionale del Piemonte, Provincia di Torino, Città di Torino.

Sottodiciotto FilmFestival

Apertura del nuovo bando della XII edizione (Torino 8-17 dicembre 2011)

Concorso nazionale aperto alle produzioni realizzate dagli under 18
Scadenza 30 giugno 2011
 
Sottodiciotto Filmfestival – Torino Schermi Giovani, la più importante kermesse nazionale dedicata al “cinema giovane” di ieri, di oggi, ma soprattutto di domani, è da sempre un luogo d’incontro e di confronto che si propone di dare visibilità e di promuovere i prodotti audiovisivi realizzati dai ragazzi in quanto espressione della loro libera iniziativa e creatività. Nella sezione competitiva, accanto al Concorso riservato alle scuole, il Festival, quindi, bandisce anche quest’anno il Concorso nazionale under 18 extrascuola: un’occasione unica per tutti i giovanissimi appassionati di audiovisivi di mettere alla prova il proprio talento, mostrare il proprio lavoro e misurarsi con un vero pubblico in sala.Al concorso possono partecipare film a tema libero, terminati dopo il 1° settembre 2010 e di durata non superiore a 30 minuti. Sono ammessi film di ragazzi che non abbiano ancora compiuto 19 anni al 30 giugno 2011, realizzati in autonomia – singolarmente o in gruppo – oppure sotto la supervisione di un educatore o di un operatore specializzato.
 
La richiesta d’iscrizione è gratuita e deve essere inoltrata tramite la scheda ufficiale entro il 30 giugno 2011, accompagnata da una copia delfilm in DVD.
La scheda d’iscrizione è scaricabile dal link: http://www.sotto18.it/bando_2011.php
 
Il Festival comunicherà entro il 20 settembre 2011 gli esiti della selezione inviando una e-mail al soggetto proponente. La programmazione dei film selezionati verrà pubblicato sul sito www.sottodiciottofilmfestival.it
 
Una specifica giuria di esperti, composta da non meno di tre persone, assegnerà i premi previsti, senza possibilità di ex-aequo, agli autori vincitori. I film selezionati verranno proiettati nel corso della XII edizione di Sottodiciotto, che si svolgerà a Torino dall’8 al 17 dicembre 2011

 
Info: Sottodiciotto Filmfestival – Torino Schermi Giovani, c/o Aiace Torino, Galleria Subalpina 30, 10123 Torino; tel. 011538962/0115067525 – fax 011542691; e-mail: info@sottodiciottofilmfestival.it,
 
Premi del concorso:
 
I e II premio in attrezzature tecniche; Targa Città di Torino – Sottodiciotto Filmfestival, Premio UNICEF, Premio Salone Internazionale del Libro, Premio Smemoranda, Premio Coordinamento Comuni per la Pace della provincia di Torino, Targa Consulta Provinciale degli Studenti di Torino, Targa Città di Torino – Giovani per Torino, Targa Dams – Facoltà di Scienze della Formazione, Università degli Studi di Torino.
 
Sottodiciotto Filmfestival, che negli anni ha riscosso un crescente successo di pubblico (35.630 presenze nel 2010), dedicherà la XII edizione al tema della legalità, intesa come imprescindibile elemento fondante del patto sociale ed espressione di una cultura portatrice di valori e diritti fondamentali, quali la reciprocità, la pari dignità, la libertà, la solidarietà e la sicurezza, che ogni nuova generazione deve imparare a riconoscere e tutelare, aderendo a regole condivise nell'ottica di un’educazione alla civile convivenza democratica. L’argomento sarà declinato nelle sue molteplici sfaccettature, naturalmente a partire da un osservatorio ben preciso, quello dei giovani e dei ragazzi.
 
Il Festival. Sottodiciotto ha saputo affermarsi nel corso degli anni come evento unico e originale nell’ambito del panorama cinematografico. Grazie alla sua formula inedita e all'apertura a nuove fasce di pubblico normalmente trascurate, è l’unico Festival italiano ed europeo che guarda all'universo giovanile attraverso due programmi distinti ma complementari che si integrano vicendevolmente: da un lato la manifestazione è diventata un’importante e riconoscibile vetrina del cinema di qualità che propone anteprime nazionali, personali, retrospettive, omaggi, programmi speciali, pellicole restaurate, incontri con ospiti di prestigio che consentono sfaccettati approcci al mondo giovanile e al “cinema giovane” di ieri e di oggi; dall’altro si è scelto di stimolare la creatività degli under 18 offrendo loro uno spazio di visibilità e confronto grazie alla proiezione dei prodotti da loro realizzati.
Gli spettatori del Festival, nel corso di undici edizioni, hanno potuto vedere in anteprima pellicole esclusive in grado di mettere d’accordo critica e pubblico: Billy Elliot, Sognando Beckham, Sinbad – La leggenda dei sette mari, L’Enfant, Happy Feet, Bee Movie, Paranoid Park, Persepolis, The Millionaire, Madagascar 2, Megamind 3D solo per citarne alcuni. Numerosi sono stati inoltre gli ospiti d’eccezione che hanno potuto dialogare con il pubblico nel corso degli appuntamenti della manifestazione: Marco Bellocchio, Gianni Amelio, il compianto Emanuele Luzzati, Bruno Bozzetto, la famiglia Comencini, Jean-Pierre e Luc Dardenne, Nicolas Philibert, Francesca Archibugi, Olivier Assayas, Michel Khleifi, Pupi Avati, Garri Bardin, Jean-François Laguionie, Antonio Tabucchi, André Téchiné, Barry Purves, Edgar Reitz, Michael Winterbottom, i fratelli Taviani, Mike Leigh, Citto Maselli, Fernando Solanas, Jean-Pierre Jeunet, Bahman Ghobadi… Senza dimenticare i programmi speciali, i seminari nazionali rivolti ai docenti, i laboratori didattici, gli incontri con gli autori dei film e, fulcro dell’iniziativa, il Concorso nazionale con oltre 200 lavori in gara. Durante il Festival studenti e insegnanti (circa 22.000 nell’edizione del 2010, al cui concorso hanno partecipato 173 scuole provenienti da tutto il territorio nazionale) giungono a Torino da ogni parte d’Italia per assistere alle proiezioni e per confrontarsi sui propri lavori, trasformando in tal modo Sottodiciotto in una preziosa occasione d’incontro.
 
Organizzato da Aiace Torino e da Città di Torino – Divisione Servizi Educativi e ITER, il Festival è sostenuto da Regione Piemonte, Consiglio Regionale del Piemonte, Provincia di Torino, Città di Torino.

Sottodiciotto FilmFestival

 

Dopo il successo dell’edizione del decennale (con 35mila spettatori di tutte le età) sottodiciottofilmfestival – Torino Schermi Giovani propone quest’anno, dal 9 al 18 dicembre, un programma più che mai ricco.
 
Oltre 400 i titoli selezionati, tra cui alcune attese anteprime italiane: scelto come film d’apertura per il pubblico dei più piccoli Megamind è il nuovo gioiello a cartoni animati targato DreamWorks Animation (storia di un supercattivo dall’aspetto alieno che diventerà superbuono nell’impresa di salvare il mondo); Micmacs à tire-larigot L’esplosivo piano di Bazil, film d’inaugurazione del Festival, segna il ritorno al cinema di Jean-Pierre Jeunet, il visionario autore di Delicatessen e Il favoloso mondo di Amélie (8 milioni di spettatori, 4 César, 5 nomination agli Oscar), cui il festival dedica la prima retrospettiva italiana completa, alla presenza dell’autore, organizzata con il Museo Nazionale del Cinema e la Délégation Culturelle de Turin – Ambassade de France en Italie, accompagnata dalla prima monografia europea, a cura di Stefano Boni e Massimo Quaglia; Kooky è l’ultimo lavoro – di nuovo a misura di bambino – del regista ceco Jan Sv?rák (premio Oscar per Kolja), a Torino in occasione di un omaggio alla sua opera; La Rafle di Roselyne Bosch, grande successo di pubblico in Francia con oltre 2 milioni di spettatori, racconta la storia vera di una retata antiebraica a Montmartre nel 1942 (protagonisti Jean Reno e Mélanie Laurent).
Sempre tra le prime visioni, da segnalare anche The Good Heartdel cineasta islandese Dagur Kári, autore del cult Nói Albínói; Il bacio alla francese, ovvero le emozioni dei primi flirt adolescenziali raccontate da Riad Sattouf; Madly in Love di Anna Luif, che si interroga sugli incroci e gli scontri tra culture (il tema dell’identità è come sempre centrale e ineludibile a Sottodiciotto), e Meek’s Cutoff, western al femminile diretto dalla indie americana Kelly Reichardt.
 
Accanto al cinema “che vedremo”, anche tante proposte dal passato nella sezione “C’erano una volta…”: la sognante Alice nel Paese delle Meraviglie nella sua prima trasposizione cinematografica del 1903 (ma anche la parodia che ne fa Betty Boop trent’anni dopo); la versione restaurata de Il ladro di Baghdad; i cento anni al cinema di Frankenstein, festeggiati con il primo corto dedicato al mostro (datato 1910) e altre chicche cinefile firmate da Mel Brooks, Tim Burton, Jim Sharman; il triplo compleanno di Bugs Bunny, Tom & Jerry e Pluto.
 
In tema di animazione, da segnalare la serie cult Shaun, vita da pecora, creata dagli Aardman Animation Studios di Wallace & Gromit e Galline in fuga, amata dai più piccoli (non a caso è inserita nel programma “Baby Special”) ma anche dai palati raffinati, insospettabili e senza limiti di età (la pagina Facebook conta quasi mezzo milione di fan); il cartoon neorealista L’ultimo sciuscià di Gibba, autentico pioniere dell’animazione italiana; i capolavori del russo Jurij Norštejn, tra i massimi maestri “artigiani” del cinema d’animazione, autore di film riconosciuti come meraviglie del patrimonio artistico universale.
Insieme ai già citati Jeunet, Sv?rák e Norštejn, tanti gli ospiti di questa edizione: a cominciare dal grande Bahman Ghobadi: il regista iraniano di etnia curda, impegnato sul set in Iraq, sarà a Torino in occasione della Personale che il Festival gli dedica, mostrando titoli come il capolavoro Il tempo dei cavalli ubriachi, Camera d’Or a Cannes nel 2000, e il recente I gatti persiani, rivolta clandestina anti-regime, in musica: film che raccontando le esistenze “estreme” dei giovani protagonisti fanno esplodere falsi confini e smascherano le guerre “necessarie”. La filmmaker svizzera Béatrice Bakti presenta Romans d’ados, ambizioso progetto in 4 parti applaudito ai festival di Locarno e Nyon, che segue nell’arco di 7 anni la vita di altrettanti adolescenti, dai 12 ai 18 anni; Davide Ferrario riceverà la Targa Città di Torino – Sottodiciotto Filmfestival, a riconoscimento di un percorso umano e artistico all’insegna dell’indipendenza, della libertà espressiva e della ricerca formale.
 
Tra le iniziative speciali del festival, quest’anno, anche la sezione “I ciucci in tasca” (in collaborazione con il Centro Nazionale di documentazione e analisi per l’infanzia e l’adolescenza): uno sguardo affrancato dall’immagine edulcorata e banale che i media generalmente offrono della prima infanzia, con lavori – tra gli altri – di Daniele Gaglianone ed Edoardo Winspeare.
 
Le cinematografie straniere sono ben rappresentate da “Creatività in animazione”, un focus sulla migliore produzione europea, e “Finestra Cuba”, vetrina di corti girati dagli studenti dell’Istituto Superiore di Arte dell’Avana, una delle realtà formative più prestigiose di tutta l’America Latina.
 
Cuore pulsante del festival, come sempre, l’immaginario degli under 18 nei lavori da loro realizzati e proposti nei tre Concorsi nazionali per le scuole (tre ordini: dell’infanzia e primaria, di I grado e di II grado) e nel Concorso extrascuola, vere e proprie palestre di creatività indipendente e autoprodotta che fanno di sottodiciottofilmfestival il più importante appuntamento cinematografico europeo dedicato al cinema fatto da giovani e giovanissimi. Oltre 200 i lavori selezionati quest’anno, provenienti da tutto il territorio nazionale, che portano al numero significativo di circa 4mila video lo specialissimo archivio per immagini del Festival, sguardo sul mondo e su di sé della prima generazione del terzo millennio.
 
sottodiciottofilmfestival TORINO SCHERMI GIOVANI
è organizzato da Aiace Torino e Città di Torino (Divisione Servizi Educativi e ITER)
diretto da Sara Cortellazzo (Aiace Torino) e Aldo Garbarini (Città di Torino – Divisione Servizi Educativi)
nell’ambito di 2010 Torino Capitale Europea dei Giovani – Your Time – Torino 2010 European Youth Capital
realizzato con il contributo di Regione Piemonte, Consiglio Regionale del Piemonte, Città di Torino, Provincia di Torino, Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT, Camera di Commercio di Torino
 
Ufficio stampa
Marzia Milanesi – Comunicazione per il Cinema
marziamil@intelligenza.it; ufficiostampa@intelligenza.it
mobile 348 3144360; 349 1999743
 
 
 
FOTO IN ALTA RISOLUZIONE DISPONIBILI SUL SITO:
 
 
Torino, 16 novembre 2010
 
Sottodiciotto Filmfestival Torino Schermi Giovani
c/o Aiace Torino
Galleria Subalpina 30, 10123 Torino – aiacetorino@aiacetorino.itwww.sottodiciottofilmfestival.it
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
ANTEPRIME
?Anteprime nazionali, anteprime nazionali dall’Europa, prime visioni, Sottodiciotto in corto
 
RETROSPETTIVE E OMAGGI
?Il favoloso mondo di Jean-Pierre Jeunet
?Dove volano le tartarughe? Il cinema di Bahman Ghobadi
?Come d’incanto, il cinema di Jurij Norštejn
?Il mondo visto con gli occhi di un bambino. Omaggio a Jan Sv?rák
?Omaggio a Béatrice Bakhti. Romans d’ados, un film lungo sette anni
 
PREMI
?Targa Città di Torino Sottodiciotto Filmfestival a Davide Ferrario
?Targa Sottodiciotto – La Stampa TorinoSette al miglior film italiano con protagonisti giovani e ragazzi
 
PROGRAMMI SPECIALI
?I ciucci in tasca. Primi passi alla scoperta del mondo
?Finestra Cuba. I corti dell’Istituto Superiore di Arte dell’Avana
?C’erano una volta…
Frankenstein, 100 anni da mostro
La meravigliosa Alice
Tom & Jerry, Bugs Bunny e Pluto: buon compleanno!
Due volte Gibba: Sciuscià e Pulcinella
Il ladro di Bagdad
?Baby Special
Sopra 18 mesi: Il grillo musicista
Shaun, vita da pecora
?Christmas Special
The Gruffalo, Yes, Virginia e Nightmare Before Christmas
?Creatività in animazione
?Corti da Clermont-Ferrand
 
CONCERTI
I CONCORSI
?Concorso nazionale prodotti audiovisivi delle scuole
?Concorso nazionale prodotti under18 extrascuola
 
LE PROPOSTE PER LA SCUOLA
?Convegni, tavole rotonde, incontri-dibattito
?Laboratori, Festa dei prodotti di ITER, visite al Museo Nazionale del Cinema
?Programmi e proiezioni speciali, incontri ed eventi
 
 
 
 
 
 
 
Le proiezioni avranno luogo presso i cinema: Massimo (sale 1, 2 e 3), Ideal, Empire.
Ingresso gratuito.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Sottodiciotto Filmfestival Torino Schermi Giovani
c/o Aiace Torino
Galleria Subalpina 30, 10123 Torino
telefono 011 538962, 011 5067525 fax 011542691

Sottodiciotto Filmfestival

 

C’è la sognante Alice nel Paese delle Meraviglie nella sua prima trasposizione cinematografica del 1903 (ma anche nella parodia, di trent’anni dopo, che ne fa Betty Boop), e ci sono le esistenze estreme dei giovani protagonisti dei film di Bahman Ghobadi, il regista iraniano di etnia curda – attualmente sul set, ma a Torino per un paio di giorni in occasione della Personale che il Festival gli dedica – i cui film (lo strepitoso Il tempo dei cavalli ubriachi, Camera d’Or a Cannes nel 2000, il recente I gatti persiani, rivolta clandestina anti-regime, in musica)fanno esplodere falsi confini e smascherano le guerre “necessarie”; ci sono le improbabili avventure animate di Shaun, vita da pecora, tutte vissute dentro il cortile di una fattoria, cult – non a caso degli Aardman Animation Studiosper palati raffinati e insospettabili, senza limiti di età (il profilo Facebook conta quasi mezzo milione di fan). C’è la sezione I ciucci in tasca (in collaborazione con il Centro Nazionale di documentazione e analisi per l’infanzia e l’adolescenza), sguardo affrancato dall’immagine edulcorata e banale che i media generalmente offrono della prima infanzia e che ospita lavori di Gaglianone e Winspeare, tra gli altri; e cari, irrinunciabili amici di casa Disney di cui sottodiciottofilmfestival festeggia i compleanni: 70 candeline per Tom & Jerry e altrettante per Bugs Bunny, 80 quelle per Pluto: e la festa sarà quella degli spettatori, tra rarità e cartoon vincitori di Oscar.
Per Frankenstein si tratta addirittura di 100 anni da mostro: e dunque si vedrà il primo corto del 1910, accanto a cult e chicche cinefile tra Mel Brooks, Tim Burton, Jim Sharman.
 
E ci sarà – soprattutto – l’immaginario degli under 18 nei lavori da loro realizzati e proposti nei tre Concorsi nazionali per le scuole (tre ordini: dell’infanzia e primaria, di I grado e di II grado) e nel Concorso extrascuola, vere e proprie palestre di creatività indipendente e autoprodotta; cuore pulsante di sottodiciottofilmfestival, i suoi Concorsi lo caratterizzano fortemente e ne fanno il più importante festival cinematografico europeo dedicato al cinema fatto da giovani e giovanissimi. Saranno oltre 200 i lavori selezionati quest’anno, provenienti da tutto il territorio nazionale; che portano al numero significativo di circa 4?000 video che compongono, ad oggi, lo specialissimo archivio per immagini del Festival, sguardo sul mondo e su di sé della prima generazione del terzo millennio.
 
Che ha i suoi eroi e supereroi, come Megamind, supercattivo azzurrino dall’aspetto alieno che diventerà superbuono nell’impresa di salvare il mondo; è il protagonista di Megamind 3D, produzione della Dreamworks Animation e distribuito dalla Universal Pictures, in anteprima nazionale in apertura di Festival, giovedì 9 (e mega-raduno il giorno precedente).
Bazil invece, protagonista di Mic Macs,ha una pallottola nel cervello che lo rende un po’ strambo e da piccolo ha perso i genitori, saltati su una mina anti-uomo: altra anteprima nazionale distribuito da EaglePictures – venerdì 10 – il film, suo sesto lungometraggio, è diretto da Jean-Pierre Jeunet, l’immaginifico regista di Delicatessen (1991, trionfo mondiale e quattro César) e dieci anni dopo del successo francese senza precedenti (otto milioni di spettatori, quattro César, cinque Nomination agli Oscar), grazie anche all’interpretazione di Audrey Tautou, Il favoloso mondo di Amèlie. A Jeunet, ospite del Festival, è dedicata la prima retrospettiva italiana completa – sei lungometraggi e cinque cortometraggi –, organizzata con il Museo Nazionale del Cinema e con la Délégation Culturelle de Turin – Ambassade de France en Italie, accompagnata dalla prima monografia europea a lui dedicata, a cura di Stefano Boni e Massimo Quaglia.
 
Ma il programma di sottodiciottofilmfestival2010, che s’interroga quest’anno intorno al tema centralissimo e ineludibile dell’identità, è ricco di altre anteprime nazionali come La Rafle (distr. Videa CDE)di Roselyne Bosch con Jean Reno e Mélanie Laurent, storia – vera – di una retata antiebraica a Montmartre nel 1942, e prime visioni: per citarne solo alcune, Meek’s Cutoff, western al femminile diretto dalla indie americana Kelly Reichardt; e ancora una regista, Anna Luif, svizzera, per Madly in Love, dove ad agitarsi sono i complessi interrogativi legati agli incroci/scontri tra culture.
 
E inoltre, la prima retrospettiva italiana dedicata a Jurij Norštejn, tra i massimi maestri “artigiani” del cinema d’animazione, autore di capolavori di tutti i tempi e di tutti i luoghi, riconosciuti come meraviglie del patrimonio artistico universale; omaggi a Jan Sv?rák, che da sempre pone al centro del suo cinema lo sguardo dei bambini (Kolja, del ’96, ha vinto l’Oscar quale miglior film straniero); a Béatrice Bakhti, di cui il Festival presenta Roman d’ados, un film lungo sette anni con sette protagonisti, seguiti dalla fine dell’infanzia alle soglie dell’età adulta.
 
E ancora, altra animazione, programmi per piccolissimi, Premi (a Davide Ferrario la Targa Città di Torino – Sottodiciotto Filmfestival), rarità cinetecarie, concerti, convegni, incontri, laboratori, programmi natalizi, scuole di cinema… Per 10 giorni di festival, oltre 400 film in cartellone, e in attesa delle migliaia (35?000 lo scorso anno) di spettatori di ogni età che ne affolleranno festosi le sale.
 
sottodiciottofilmfestival TORINO SCHERMI GIOVANI
è organizzato da Aiace Torino e Città di Torino (Divisione Servizi Educativi e ITER)
diretto da Sara Cortellazzo (Aiace Torino) e Aldo Garbarini (Città di Torino – Divisione Servizi Educativi)
nell’ambito di 2010 Torino Capitale Europea dei Giovani – Your Time – Torino 2010 European Youth Capital
realizzato con il contributo di Regione Piemonte,Consiglio Regionale del Piemonte, Città di Torino, Provincia di Torino, Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT, Camera di Commercio di Torino
 
Ufficio stampa
Marzia Milanesi – Comunicazione per il Cinema
marziamil@intelligenza.it; ufficiostampa@intelligenza.it
mobile 348 3144360; 349 1999743
 
Torino, 2 novembre 2010
 
Sottodiciotto Filmfestival Torino Schermi Giovani
c/o Aiace Torino
Galleria Subalpina 30, 10123 Torino – aiacetorino@aiacetorino.itwww.sottodiciottofilmfestival.it
 
 
 
ANTEPRIME
?Anteprime nazionali, anteprime nazionali dall’Europa, prime visioni, Sottodiciotto in corto
 
RETROSPETTIVE E OMAGGI
?Il favoloso mondo di Jean-Pierre Jeunet
?Dove volano le tartarughe? Il cinema di Bahman Ghobadi
?Come d’incanto, il cinema di Jurij Norštejn
?Il mondo visto con gli occhi di un bambino. Omaggio a Jan Sv?rák
?Omaggio a Béatrice Bakhti. Romans d’ados, un film lungo sette anni
 
PREMI
?Targa Città di Torino Sottodiciotto Filmfestival a Davide Ferrario
?Targa Sottodiciotto – La Stampa TorinoSette al miglior film italiano con protagonisti giovani e ragazzi
 
PROGRAMMI SPECIALI
?I ciucci in tasca. Primi passi alla scoperta del mondo
?Finestra Cuba. I corti dell’Istituto Superiore di Arte dell’Avana
?C’erano una volta…
Frankenstein, 100 anni da mostro
La meravigliosa Alice
Tom & Jerry, Bugs Bunny e Pluto: buon compleanno!
Due volte Gibba: Sciuscià e Pulcinella
Il ladro di Bagdad
?Baby Special
Sopra 18 mesi: Il grillo musicista
Shaun, vita da pecora
?Christmas Special
The Gruffalo, Yes, Virginia e Nightmare Before Christmas
?Creatività in animazione
?Corti da Clermont-Ferrand
 
CONCERTI
 
I CONCORSI
?Concorso nazionale prodotti audiovisivi delle scuole
?Concorso nazionale prodotti under18 extrascuola
 
LE PROPOSTE PER LA SCUOLA
?Convegni, tavole rotonde, incontri-dibattito
?Laboratori, Festa dei prodotti di ITER, visite al Museo Nazionale del Cinema
?Programmi e proiezioni speciali, incontri ed eventi
 
 
 
 
Le proiezioni avranno luogo presso i cinema: Massimo (sale 1, 2 e 3), Ideal, Empire.
Ingresso gratuito.
 
Sottodiciotto Filmfestival Torino Schermi Giovani
c/o Aiace Torino
Galleria Subalpina 30, 10123 Torino
telefono 011 538962, 011 5067525 fax 011542691

Sottodiciotto Filmfestival

 

Sottodiciotto Filmfestival – Torino Schermi Giovani, la più importante kermesse nazionale dedicata alla produzione cinematografica dei bambini, dei ragazzi e dei giovani, sia per quanto riguarda le opere realizzate in ambito scolastico, sia per quanto concerne le opere create in modo indipendente dai giovani under 18, bandisce i due nuovi concorsi relativi all’XI edizione, che si svolgerà a Torino dal 9 al 18 dicembre e che sarà inserita tra le manifestazioni d’eccellenza di Torino Capitale europea dei Giovani 2010:
 
Concorso nazionale aperto alle produzioni audiovisive realizzate dalle Scuole (Infanzia e Primarie, Secondarie di I e II grado), che competono nelle tre sezioni del Concorsonazionale prodotti audiovisivi delle Scuole;
Concorso nazionale aperto alle produzioni audiovisive realizzate in ambito extrascolastico dai giovani under 18, i cineasti di domani (che competono nel Concorso nazionale prodotti Under18 extrascuola).
 
Anche quest’anno i concorsi sono a tema libero. Oltre ai premi ufficiali istituiti dalla Città di Torino e Sottodiciotto Filmfestival, verranno assegnati numerosi riconoscimenti: il Premio UNICEF, il Premio Fiera Internazionale del Libro, il Premio Smemoranda e il Premio Coordinamento Comuni per la Pace della Provincia di Torino conferiti a tutte le sezioni dei Concorsi; la Targa CIAS, il Premio della rivista PM – Il Piccolo Missionario, il Premio del pubblico GT Ragazzi TG3 RaiTre assegnati a tutte le sezioni del Concorso nazionale delle scuole; il Premio Comitato Italia 150 conferito alla sezione Concorso Scuole Secondarie di I grado;il Premio Biennale Democrazia conferito alla sezione Concorso Scuole Secondarie di II grado, con esclusione delle produzioni torinesi; il Premio Consiglio regionale del Piemonte conferito al miglior prodotto delle Scuole Secondarie di II grado piemontesi; la Targa Consulta Provinciale degli Studenti di Torino, la Targa Città di Torino – Giovani per Torino, la Targa Dams – Università degli Studi di Torino riservate al miglior prodotto del Concorso Under18 extrascuola.
 
La partecipazione al Concorso è riservata a film e video terminati dopo il 1° settembre 2009. La data di scadenza entro la quale è possibile inviare il materiale è fissata al 30 giugno 2010.
 
INFO: Il bando, il regolamento, la scheda d’iscrizione sono reperibili sul sitowww.sottodiciottofilmfestival.it.; per ulteriori informazioni: tel. 011.538962, e-mail aiacetorino@aiacetorino.it.
 
Sottodiciotto Filmfestival, che negli anni ha riscosso un crescente successo di pubblico (34.965 presenze nel 2009), dedicherà l’XI edizione al tema dell’identità, declinato nelle sue molteplici sfaccettature (come ricerca, definizione ed espressione di sé sotto il profilo personale, sociale, etnico, generazionale, culturale, di genere ecc.) e rapportato allo specifico del mondo giovanile.
 
Il Festival ha saputo affermarsi nel corso degli anni come evento unico e originale nell’ambito del panorama cinematografico. Grazie alla sua formula inedita e all'apertura a nuove fasce di pubblico normalmente trascurate, Sottodiciotto è l’unico Festival italiano ed europeo che guarda all'universo giovanile attraverso due programmi distinti ma complementari che si integrano vicendevolmente: da un lato la manifestazione è diventata un’importante e riconoscibile vetrina del cinema di qualità che propone anteprime nazionali, personali, retrospettive, omaggi, programmi speciali, pellicole restaurate, incontri con ospiti di prestigio che consentono sfaccettati approcci al mondo giovanile e al “cinema giovane” di ieri e di oggi; dall’altro si è scelto di stimolare la creatività degli under 18 offrendo loro uno spazio di visibilità e confronto grazie alla proiezione dei prodotti da loro realizzati.
Gli spettatori del Festival, nel corso di dieci edizioni, hanno potuto vedere in anteprima pellicole esclusive in grado di mettere d’accordo critica e pubblico: Billy Elliot, Sognando Beckham, Sinbad – La leggenda dei sette mari, L’Enfant, Happy Feet, Bee Movie, Paranoid Park, Persepolis, The Millionaire, Madagascar 2, 500 giorni insieme solo per citarne alcuni. Numerosi sono stati inoltre gli ospiti d’eccezione che hanno potuto dialogare con il pubblico nel corso degli appuntamenti della manifestazione: Marco Bellocchio, Gianni Amelio, il compianto Emanuele Luzzati, Bruno Bozzetto, la famiglia Comencini, Jean-Pierre e Luc Dardenne, Nicolas Philibert, Francesca Archibugi, Olivier Assayas, Michel Khleifi, Pupi Avati, Garri Bardin, Jean-François Laguionie, Antonio Tabucchi, André Téchiné, Barry Purves, Edgar Reitz, Michael Winterbottom, i fratelli Taviani, Mike Leigh, Citto Maselli, Fernando Solanas… Senza dimenticare i programmi speciali, i seminari nazionali rivolti ai docenti, i laboratori didattici, gli incontri con gli autori dei film e, fulcro dell’iniziativa, il Concorso nazionale con oltre 200 lavori in gara. Durante il Festival studenti e insegnanti (circa 22.000 nel 2009) s’incontrano a Torino per assistere alle proiezioni e per confrontarsi sui propri lavori, raggiungendo il capoluogo piemontese da ogni parte d’Italia e trasformando in tal modo Sottodiciotto in una preziosa occasione d’incontro.
 
Sostenuto da Regione Piemonte, Consiglio Regionale del Piemonte, Provincia di Torino, Città di Torino, Sottodiciotto Filmfestival è organizzato da Aiace Torino e da Città di Torino – Divisione Servizi Educativi e ITER.
 
Sul sito del Festival, nella sezione Archivio (http://www.sottodiciottofilmfestival.it/archivio_edizioni.php), è possibile trovare l'elenco di tutti i film vincitori delle passate edizioni con le relative trame e le motivazioni delle giurie.
 
Sottodiciotto Filmfestival – torino schermi giovani
c/o Aiace Torino, Galleria Subalpina 30, 10123 Torino
tel. 011.538962, e-mail aiacetorino@aiacetorino.it; sito internet www.sottodiciottofilmfestival.it

Sottodiciotto Filmfestival

 

Sottodiciotto Filmfestival
 
Apertura dei nuovi bandi dell’XI edizione (Torino 9-18 dicembre 2010)
Concorso nazionale aperto alle produzioni realizzate dalle scuole
Concorso nazionale aperto alle produzioni extrascolastiche realizzate dagli under 18
Scadenza 30 giugno 2010
 
 
Sottodiciotto Filmfestival – Torino Schermi Giovani, la più importante kermesse nazionale dedicata alla produzione cinematografica dei bambini, dei ragazzi e dei giovani, sia per quanto riguarda le opere realizzate in ambito scolastico, sia per quanto concerne le opere create in modo indipendente dai giovani under 18, bandisce i due nuovi concorsi relativi all’XI edizione, che si svolgerà a Torino dal 9 al 18 dicembre e che sarà inserita tra le manifestazioni d’eccellenza di Torino Capitale europea dei Giovani 2010:
 
Concorso nazionale aperto alle produzioni audiovisive realizzate dalle Scuole (Infanzia e Primarie, Secondarie di I e II grado), che competono nelle tre sezioni del Concorsonazionale prodotti audiovisivi delle Scuole;
Concorso nazionale aperto alle produzioni audiovisive realizzate in ambito extrascolastico dai giovani under 18, i cineasti di domani (che competono nel Concorso nazionale prodotti Under18 extrascuola).
 
Anche quest’anno i concorsi sono a tema libero. Oltre ai premi ufficiali istituiti dalla Città di Torino e Sottodiciotto Filmfestival, verranno assegnati numerosi riconoscimenti: il Premio UNICEF, il Premio Fiera Internazionale del Libro, il Premio Smemoranda e il Premio Coordinamento Comuni per la Pace della Provincia di Torino conferiti a tutte le sezioni dei Concorsi; la Targa CIAS, il Premio della rivista PM – Il Piccolo Missionario, il Premio del pubblico GT Ragazzi TG3 RaiTre assegnati a tutte le sezioni del Concorso nazionale delle scuole; il Premio Comitato Italia 150 conferito alla sezione Concorso Scuole Secondarie di I grado;il Premio Biennale Democrazia conferito alla sezione Concorso Scuole Secondarie di II grado, con esclusione delle produzioni torinesi; il Premio Consiglio regionale del Piemonte conferito al miglior prodotto delle Scuole Secondarie di II grado piemontesi; la Targa Consulta Provinciale degli Studenti di Torino, la Targa Città di Torino – Giovani per Torino, la Targa Dams – Università degli Studi di Torino riservate al miglior prodotto del Concorso Under18 extrascuola.
 
La partecipazione al Concorso è riservata a film e video terminati dopo il 1° settembre 2009. La data di scadenza entro la quale è possibile inviare il materiale è fissata al 30 giugno 2010.
 
INFO: Il bando, il regolamento, la scheda d’iscrizione sono reperibili sul sitowww.sottodiciottofilmfestival.it.; per ulteriori informazioni: tel. 011.538962, e-mail aiacetorino@aiacetorino.it.
 
Sottodiciotto Filmfestival, che negli anni ha riscosso un crescente successo di pubblico (34.965 presenze nel 2009), dedicherà l’XI edizione al tema dell’identità, declinato nelle sue molteplici sfaccettature (come ricerca, definizione ed espressione di sé sotto il profilo personale, sociale, etnico, generazionale, culturale, di genere ecc.) e rapportato allo specifico del mondo giovanile.
 
Il Festival ha saputo affermarsi nel corso degli anni come evento unico e originale nell’ambito del panorama cinematografico. Grazie alla sua formula inedita e all'apertura a nuove fasce di pubblico normalmente trascurate, Sottodiciotto è l’unico Festival italiano ed europeo che guarda all'universo giovanile attraverso due programmi distinti ma complementari che si integrano vicendevolmente: da un lato la manifestazione è diventata un’importante e riconoscibile vetrina del cinema di qualità che propone anteprime nazionali, personali, retrospettive, omaggi, programmi speciali, pellicole restaurate, incontri con ospiti di prestigio che consentono sfaccettati approcci al mondo giovanile e al “cinema giovane” di ieri e di oggi; dall’altro si è scelto di stimolare la creatività degli under 18 offrendo loro uno spazio di visibilità e confronto grazie alla proiezione dei prodotti da loro realizzati.
Gli spettatori del Festival, nel corso di dieci edizioni, hanno potuto vedere in anteprima pellicole esclusive in grado di mettere d’accordo critica e pubblico: Billy Elliot, Sognando Beckham, Sinbad – La leggenda dei sette mari, L’Enfant, Happy Feet, Bee Movie, Paranoid Park, Persepolis, The Millionaire, Madagascar 2, 500 giorni insieme solo per citarne alcuni. Numerosi sono stati inoltre gli ospiti d’eccezione che hanno potuto dialogare con il pubblico nel corso degli appuntamenti della manifestazione: Marco Bellocchio, Gianni Amelio, il compianto Emanuele Luzzati, Bruno Bozzetto, la famiglia Comencini, Jean-Pierre e Luc Dardenne, Nicolas Philibert, Francesca Archibugi, Olivier Assayas, Michel Khleifi, Pupi Avati, Garri Bardin, Jean-François Laguionie, Antonio Tabucchi, André Téchiné, Barry Purves, Edgar Reitz, Michael Winterbottom, i fratelli Taviani, Mike Leigh, Citto Maselli, Fernando Solanas… Senza dimenticare i programmi speciali, i seminari nazionali rivolti ai docenti, i laboratori didattici, gli incontri con gli autori dei film e, fulcro dell’iniziativa, il Concorso nazionale con oltre 200 lavori in gara. Durante il Festival studenti e insegnanti (circa 22.000 nel 2009) s’incontrano a Torino per assistere alle proiezioni e per confrontarsi sui propri lavori, raggiungendo il capoluogo piemontese da ogni parte d’Italia e trasformando in tal modo Sottodiciotto in una preziosa occasione d’incontro.
 
Sostenuto da Regione Piemonte, Consiglio Regionale del Piemonte, Provincia di Torino, Città di Torino, Sottodiciotto Filmfestival è organizzato da Aiace Torino e da Città di Torino – Divisione Servizi Educativi e ITER.
 
Sul sito del Festival, nella sezione Archivio (http://www.sottodiciottofilmfestival.it/archivio_edizioni.php), è possibile trovare l'elenco di tutti i film vincitori delle passate edizioni con le relative trame e le motivazioni delle giurie.
 
Sottodiciotto Filmfestival – torino schermi giovani
c/o Aiace Torino, Galleria Subalpina 30, 10123 Torino
tel. 011.538962, e-mail aiacetorino@aiacetorino.it; sito internet www.sottodiciottofilmfestival.it
 
 
 

Sottodiciotto Filmfestival

Sottodiciotto Filmfestival Torino Schermi Giovani, organizzato da Aiace Torino e Città di Torino – Divisione Servizi Educativi e ITER, diretto da Sara Cortellazzo e Aldo Garbarini, festeggia quest’anno la X edizione  (dal 26 novembre, con un programma speciale di pre-apertura il 25 in concomitanza con la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, fino al 5 dicembre 2009): un traguardo significativo per una manifestazione che ha saputo affermarsi come evento unico e originale nell’ambito del panorama cinematografico nazionale ed europeo ed è cresciuta nel tempo insieme con il suo pubblico, superando nel 2008 le 32mila presenze.
 
In attesa di un altro importante appuntamento – la partecipazione con un ruolo di primo piano a Torino Capitale Europea dei Giovani nel 2010 – Sottodiciotto si ispira per l’edizione del decennale al corrente Anno Europeo della Creatività e dell’Innovazione. Elementi qualificanti che fin dalle origini hanno contraddistinto il Festival – nato con l’intento da un lato di valorizzare l’inventiva degli under 18, dall’altro di creare stimolanti rimandi e connessioni tra il “cinema giovane” di ieri, di oggi, ma soprattutto di domani “creatività e innovazione” costituiscono quindi il filo conduttore di Sottodiciotto 2009.
 
Con oltre 400 titoli, tra anteprime, retrospettive, personali e omaggi dedicati alla rivisitazione del cinema d’autore, molteplici programmi speciali, un’ampia panoramica internazionale di film inediti, una sezione sempre più ricca dedicata all’animazione, l’edizione di quest’anno presenta un cartellone estremamente ricco, in sintonia con il variegato pubblico intergenerazionale del Festival.
 
anteprime ■ Commedie e film drammatici si alternano nella serie di anteprime, che presenta titoli molto attesi della nuova stagione: il nuovo cartoon-evento della DreamWorks Animation, Dragon Trainer, di cui viene proiettata (il 4 dicembre) un’anticipazione esclusiva di 35 minuti, 500 giorni insieme di Marc Webb (il 26 novembre) e Adam di Max Mayer (il 29 novembre), due commedie romantiche molto particolari che hanno riscosso grande successo al Sundance Film Festival, lo spiazzante Katalin Varga del britannico Peter Strickland (il 25 novembre), l’originale Ben X del belga Nic Balthazar (il 4 dicembre), il nuovo lungometraggio d’animazione della Lanterna magica Nat e il segreto di Eleonora (che inaugura ufficialmente il Festival venerdì 27 novembre) e il toccante Non è ancora domani – La Pivellina diTizza Covi e Rainer Frimmel (il 3 dicembre).
 
retrospettiva, personali e omaggi ■ Con il Museo Nazionale del Cinema e con la collaborazione della Cineteca di Bologna, Sottodiciotto dedica la retrospettiva dell’edizione 2009 al regista inglese Mike Leigh, presente al Festival. Un altro ospite di fama internazionale sarà il regista-animatore russo e Premio Oscar Aleksandr Petrov, cui Sottodiciotto e laFondazione Centro Sperimentale di Cinematografia – Dipartimento Animazione dedicano la prima personale italiana. Il Festival tributa inoltre diversi omaggi ad altri importanti autori invitati a Torino per l’occasione. Il regista argentino Fernando Solanas, emblema del grande cinema di impegno civile, presenterà al Festival (in un’iniziativa promossa con la Cineteca di Bologna) diversi suoi film, tra cui il recente La próxima estación, inedito in Italia. Il cineasta e documentarista francese Laurent Chevallier accompagnerà una quadrilogia di film in cui si raccontano i giovani e le radici musicali dell’Africa. Al cinema italiano, infine, sarà dedicato un doppio appuntamento: un omaggio a Mario Monicelli che sarà al Festival per presentare la versione restaurata di Padri e figli e un concomitante ricordo di Sergio Tofano,entrambi organizzati con il fondamentale apporto del Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale.
 
premio ■ La targa Città di Torino – Sottodiciotto Filmfestival viene assegnata quest’anno a Citto Maselli in omaggio a un regista che, iniziata una carriera da enfant prodige a soli 14 anni, è assurtoa ruolo di grande autore, mantenendo intatta per oltre sei decenni un’esemplare passione per il cinema, declinato nella sua più profonda dimensione umana e civile, e una forte attenzione al mondo giovanile.
programmi speciali ■ Molti i programmi a tema della X edizione. Per il secondo anno consecutivo si rinnova la collaborazione con il Centro Nazionale di Documentazione e Analisi per l’Infanzia e l’Adolescenza (CNDA) – Istituto degli Innocenti, che promuove al Festival l’iniziativa “Rom città aperta”: due giorni di proiezioni, performance musicali, incontri, tavole rotonde e iniziative per avvicinarsi senza pregiudizi alla cultura gitana e a un popolo per tanti versi ancora sconosciuto sulla scia del documentario Io, la mia famiglia Rom e Woody Allen, realizzato dalla diciannovenne Laura Halilovic, vincitrice due anni fa al Concorso Under 18 Exstrascuola di Sottodiciotto.
In pre-apertura di Festival, per il 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, Sottodiciotto, in collaborazione con l’Assessorato alle Pari Opportunità e MeltingLAb della Regione Piemonte, presenta una maratona di film, riuniti sotto il titolo Schermi violati, che, secondo diverse prospettive, danno conto del fenomeno e della sua tragica diffusione a livello globale. Il programma, che focalizza l’attenzione soprattutto sul tema della violenza domestica, presenta tre inediti, Katalin Varga (in anteprima nazionale), Everlasting Moments e un episodio della serie “Women On The Frontline” presentata dalla cantante Annie Lennox, oltre al lungometraggio Auswege di Nina Kusturica e a diversi spot e cortometraggi.
Il programma C’era una volta il Muro – Giovani sguardi inquieti prima dell'89, realizzatoin collaborazione con il Goethe-Institut Turin,presenta,per il ventennale della riunificazione delle due Germanie, una serie di film (il cult Berlin – Ecke Schönhauser; Sieben Sommersprossen; Sabine Kleist, 7 Jahre; Wie Feuer und Flamme) che mettono in scena amori, inquietudini, ribellioni del mondo giovanile all’ombra della guerra fredda e della sua barriera-simbolo.
Tradizionale appuntamento del Festival con il cinema del passato, il programma Cult Movie presenta tre film restaurati: The Little Fugitive (Il piccolo fuggitivo) diretto da Ray Ashley, Morris Engel, Ruth Orkin, Piccoli gangsters (Bugsy Malone), il primo film di Alan Parker, che verrà proiettato in digitale HD e in lingua originale con sottotitoli italiani e la recitazione in oversound a cura degli studenti della Scuola della Fondazione del Teatro Stabile di Torino diretti da Mauro Avogadro, e il “western muto” Lo strano viaggio di Pim Popò, proposto nella versione restaurata dalla Fondazione Cineteca Italiana di Milano, con accompagnamento musicale dal vivo.Il Festival ricorda, inoltre, François Truffaut a 25 anni dalla morte aderendo all’iniziativa “Tam tam Truffaut” con la proiezione di Gli anni in tasca, e il trentennale del film Quadrophenia, con la musica degli Who, proposto in una splendida copia dal British Film Institute.
 
vetrina internazionale e proiezioni speciali ■ La sezione, organizzata in collaborazione con la Consulta Regionale dei Giovani del Piemonte, presenta una serie di titoli – in gran parte inediti in Italia – selezionati nell’ambito della più recente e significativa produzione europea ed extraeuropea legata all’universo giovanile: La Fille du RER, l’ultima opera di André Tèchiné,interpretata da Catherine Deneuve e Emilie Dequenne; due pellicole che hanno suscitato vivaci reazioni in Francia, La Journée de la jupe di Jean-Paul Lilienfeld, che segna il ritorno sulle scene di Isabelle Adjani nelle vesti di un’insegnante in rivolta, e Neuilly sa mère!diGabriel Julien-Laferrièr, ironica commedia sociale all’ombra di Sarkozy; The Exploding Girl, di Bradley Rust Gray, storia d’amore e di amicizia con la giovane Zoe Kazan (nipote del regista Elia); The Go-Getter, avvincente road moviedello statunitense Martin Hynes; Amour, sexe et mobylette di Silvia Bazzoli e Christian Lelong, che racconta l’amore nell’Africa d’oggi; I Am Because We Are, il documentario scritto e prodotto daMadonna per denunciare la tragica condizione dei bambini nel Malawi; Parinawa la ghobar (A travers la poussière) di Shawkat Amin Korki, ambientato nell’Iraq del 2003 sconvolto dalla guerra; Marcello Marcello, favola romantica dello svizzero-italiano Denis Rabaglia. Tre le proiezioni speciali: il nuovo film di Costanza Quatriglio, Il mio cuore umano, tratto dall’autobiografia della cantante Nada, Non aver paura! Donne che non si sono arrese di Cristina Monti, che porta in scena alcune protagoniste della guerra di Liberazione in Piemonte e delle successive battaglie per l'affermazione dei diritti sociali e civili, e il progetto torinese Barriera Mobile, con cui fanno ingresso al Festivali nuovi mediae le riprese effettuate dai giovanissimi con i telefonini.
 
sottodiciotto animation festival ■ Anche quest’annol’amplissima sezione d’animazione è un evento nell’evento. In collaborazione con ASIFA Italia verranno presentati, in anteprima italiana, i Cartoon d'Or, i cinque cortometraggi d'autore più premiati nel 2009 nei festival europei di settore. A seguire Bruno Bozzetto, insieme con giornalisti, dirigenti televisivi, direttori di festival, produttori, docenti, giovani animatori e autori affermati, offrirà una panoramica sullo stato dell'arte dell'animazione nel nostro Paese e mostrerà film inediti (tra cui le anteprime di Mary and Max, in corsa per l’Oscar 2010, e di Brendan and the Secret of Kells), animazioni sperimentali e prodotti di qualità.
Come di consueto, anche quest’edizione del Festival ricorda importanti ricorrenze dell’universo di cartoon con i programmi “Buon compleanno Paperino e Braccio di Ferro” (per i 75 anni del Papero più famoso del mondo e gli 80 anni di Popeye). Due focus sono rispettivamente dedicati alla Creatività animata made in France” (ispirata all’amore) e ai lavori, provenienti dalla Germania, degli studentidella Filmakademie Baden-Württemberg. Due anche i programmi espressamente indirizzati ai bambini: “Sopra 18 mesi (fino a 4 anni) – La piccola talpa natalizia”, prosieguo della serie di proiezioni riservate ai piccolissimi inaugurate nel 2008 con grande successo, e “Piccoli film da un grande Festival: selezione da Clermont-Ferrand”, che propone alcuni titoli proiettati all’ultima edizione della celebre manifestazione francese dedicata al cortometraggio.
L’originale appuntamento con l’animazione d’antan, SottoSopra18, a cura di Mario Serenellini, propone quest’anno tre film restaurati: il classico La Création du monde di Edouard Hofman e due cortometraggi di Georges Méliès. Un altro programma, “Imparare a volare”, presenta due cortometraggi frutto della collaborazione tra il Laboratorio Rabadan del Comune di Torino – Circoscrizione VIII e il regista Vincenzo Gioanola. Completa il Festival nel Festival la tradizionale miscellanea di Sottodiciotto in corto, quest’anno tutta di produzione europea.
 
premio del pubblico ■ Iniziativa ormai tradizionale del Festival, torna anche quest’annoil Premio del pubblico Sottodiciotto Filmfestival – La Stampa-TorinoSette, attribuito dai lettori del settimanale torinese a Il papà di Giovannadi Pupi Avati.
 
concorso under 18 extrascuola■ Espressione diretta della creatività che costituisce il filo rosso di quest’edizione, la sezione presenta 19 film selezionati per il concorso riservato ai prodotti realizzati individualmente dai giovanissimi in ambito extrascolastico.
 
convegno e incontro-dibattitoDue gli approfondimenti proposti quest’anno, organizzati dall’Istituzione Torinese per un’Educazione Responsabile e la Divisione Servizi Educativi della Città di Torino: il convegnoFrammenti di creatività- Educare alla creatività pensando al futuro(con la partecipazione dello psichiatra e psicoanalista Gustavo Pietropolli Charmet e dello psicoanalista Miguel Benasayag) e la tavola rotondaCinema e creatività: 10 anni di Sottodiciotto Filmfestival.
 
concerto■ Come ogni anno, il Festival dedica un appuntamento alla musica con il concerto “Pagella non solo rock” che vede alla ribalta i finalisti dell’omonima manifestazione organizzata dal Settore Politiche Giovanili della Città di Torino. Sul palco si esibiranno quindi i gruppi Katapank, Arlequin’s Carillaum e Jackstrike e, nella seconda parte della serata, la band milanese Ministri.
 
programma per le scuole■ Lo specifico programma per le scuole  (20 novembre – 9 dicembre) presenta, accanto ai circa 200 titoli in gara nel Concorso nazionale riservato ai prodotti audiovisivi realizzati in ambito scolastico, una grande varietà di appuntamenti. Gli incontri con i registi ospiti del Festival – da Mike Leigh, ad Aleksandr Petrov, a Fernando Solanas – si affiancano agli interventi dei testimoni internazionali che commentano i film proposti nella sezione dedicata al cinema d’impegno civile (Il colore della libertà, Il viaggio, Pa-ra-da, Lamerica) o che affrontano temi specifici attraverso titoli ad hoc: la diversità etnica e culturale (Io, la mia famiglia Rom e Woody Allen della giovanissima Laura Halilovic), la violenza contro le donne e in famiglia (Girlfight), l’affermazione della propria identità sessuale (C.R.A.Z.Y.), le divisioni socio-politiche ricordate nell’anno del ventennale della caduta del Muro di Berlino (Wie Feuer und Flamme).
Numerosi i percorsi che si innestano sul fil rouge del Festival, esplorando tanto le nuove frontiere della spettacolarità, quanto la fantasia e l’inventiva del passato: dalla proiezione in 3D del recente Coraline ai suggestivi spettacoli di Lanterna magica ricreati dai ragazzi delle Scuole secondarie di I grado per un progetto a cura del Museo Nazionale del Cinema, ai grandi classici come I fratelli Dinamite, Piccoli gangsters e Giorno di festa di Jacques Tati presentati in versione restaurata. Il programma è completato da momenti di formazione rivolti a insegnanti, educatori e studenti, tra cui il percorso Il valore della creatività. La scuola come opportunità espressiva della fantasia giovanile, numerosi laboratori didattici, itinerari e visite guidate.
INFO E UTILITIES
 
Le proiezioni e gli appuntamenti del Festival sono a ingresso gratuito.
 
I luoghi del Festival:
 



Cinema Massimo
via Verdi 18, tel. 011 8125606
(Concorso nazionale, proiezioni, incontri con gli autori, dibattiti, Festa dei prodotti delle scuole con i Centri di Cultura ITER, Vetrina di cortometraggi e incontro-dibattito Il valore della creatività. La scuola come opportunità espressiva della fantasia giovanile)
 
Cinema Ambrosio
corso V. Emanuele II 52, tel. 011540068
(Proiezioni e dibattiti)
 
Cinema Centrale
via Carlo Alberto 27, tel. 011 540110
(Proiezioni e dibattiti)
 
Cinema Empire
piazza Vittorio Emanuele 5, tel. 01119504083
(Concorso Under18 extrascuola)
 
Cinema Greenwich Village
via Po 30, tel. 011 8390123
(Incontri con gli autori, proiezioni e dibattiti)
 
Cinema Ideal
corso Beccaria 4, tel. 011 5214316
(Proiezioni e dibattiti)
 
Cinema Nazionale
via Pomba 7, tel. 011 8124173
(Proiezioni e dibattiti)
 
 
Fabbrica delle E
corso Trapani 95, tel. 011 3841083
(Convegno Frammenti di creatività)
 
Centri di Cultura ITER
via Millelire 40, via Modena 35,
via Menabrea 8 bis
(Laboratori didattici e itinerari guidati)
 
Centro Multimediale
di Documentazione Pedagogica
corso Francia 285
(Laboratori didattici)
 
Ce.Se.Di.
via Gaudenzio Ferrari 1
(Laboratori didattici)
 
Museo Nazionale del Cinema
Mole Antonelliana, via Montebello 20,
tel. 011 8138560/561
(Visite)
 
Hiroshima Mon Amour
via Bossoli 83, tel. 0113176636
(Concerto)



In occasione della retrospettiva Segreti e verità della vita. Il cinema di Mike Leigh viene pubblicata dalle Edizioni Cineforum una monografia dedicata al regista, curata da Stefano Boni e Massimo Quaglia.
 
Sottodiciotto Filmfestival Torino Schermi Giovani
c/o Aiace Torino
Galleria Subalpina 30, 10123 Torino
telefono 011 538962, 011 5067525
fax 011542691; aiacetorino@aiacetorino.it 
 

Sottodiciotto Filmfestival

Sottodiciotto Filmfestival, X edizione | 26 novembre – 5 dicembre
 
Anticipazioni sul Festival e programma per le scuole:
Mike Leigh, Aleksandr Petrov e Fernando Solanas ospiti di Sottodiciotto  
 
Sottodiciotto Filmfestival – Torino Schermi Giovani, organizzato da Aiace Torino e Città di Torino (Divisione Servizi Educativi e ITER), festeggia quest’anno la X edizione, che si svolgerà dal 26 novembre al 5 dicembre 2009 e sarà ispirata al  corrente Anno Europeo della Creatività edell’Innovazione. Alle proiezioni per il pubblicosi affiancherà, come sempre, l'ampio programma per le scuole(dal 20 novembre al 9 dicembre), per il quale sono aperte le prenotazione dal 15 settembre.
.
Accanto a importanti anteprime, in via di definizione, a numerosi film inediti, a molteplici programmi e proiezioni speciali e a una sempre più ricca sezione dedicata all’animazione, Sottodiciotto riserva anche quest’anno ampio spazio alla rivisitazione del cinema d’autore contemporaneo, dedicando  la retrospettiva dell’edizione 2009 al regista inglese Mike Leigh,  presente a Torino per l'occasione. Un altro ospite di fama internazionale sarà il regista-animatore russo e Premio Oscar Aleksandr Petrov, cui Sottodiciotto dedica la prima personale italiana. Il Festival tributa inoltre diversi omaggi ad altri importanti autori invitati  alla manifestazione, tra cui il regista argentino Fernando Solanas,  che commenterà con il pubblico di Sottodiciotto alcuni suoi film.  
 
Tra gli altri eventi confermati: il programma speciale Rom città aperta, che presenta  due  giorni di proiezioni performance musicali, tavole rotonde e iniziative dedicate alla cultura gitana  e alla suanon frequente autorappresentazione  prendendo spunto dal  documentario Io, la mia famiglia Rom e Woody Allen,  della diciannovenne Laura Halilovic, vincitrice della sezione Under18 Extrascuola nel 2007, e  C’era una volta il Muro – Giovani sguardi inquieti prima dell'89, una serie di proiezioni che, nel ventennale della riunificazionedelle due Germanie,  raccontano turbamenti, amori, inquietudini, ribellioni del mondo giovanile  nella precedente epoca della guerra fredda e della sua barriera-simbolo.
 
I registi ospiti del Festival incontreranno anche gli studenti nell'ambito dello specifico programma per le scuole, che presenta oltre 200 titoli in cartellone, arricchiti danumerosi interventi di testimoni internazionali impegnati sul fronte della difesa dei diritti sociali e civili, scrittori, illustratori, produttori e personalità della cultura.
 
 
 
ufficio stampasottodiciottofilmfestival
Roberta Canevari, tel. (+39) 335 6585866; canevari@libero.it
IlariaGai, tel. (+39) 338 9230234; ilaria.gai@gmail.com
Giuliana Martinat, tel. (+39) 011 5067525; ufficiostampa@aiacetorino.it
 
sottodiciotto filmfestival 
c/o Aiace Torino, Galleria Subalpina 30, 10123 Torino, Italy  
Telefono (+39) 011 538962
Fax (+39) 011 542691 
 
e-mail: aiacetorino@aiacetorino.it http://www.sottodiciottofilmfestival.it http://www.aiacetorino.it

Sottodiciotto Filmfestival

Sottodiciotto Filmfestival
X edizione (Torino, 26 novembre – 5 dicembre 2009)
 
Concorso nazionale aperto alle produzioni
realizzate dalle scuole (infanzia e primarie, secondarie di I e II grado)
 
Concorso nazionale aperto alle produzioni
realizzate dagli under 18 in ambito extrascolastico
 
Scadenza 30 giugno 2009
 
Sottodiciotto Filmfestival, la più importante kermesse nazionale dedicata alla produzione cinematografica dei bambini, dei ragazzi e dei giovani, sia per quanto riguarda le opere realizzate in ambito scolastico, sia per quanto concerne le opere create in modo indipendente dai giovani under 18, bandisce i due nuovi concorsi relativi alla prossima edizione, che si svolgerà a Torino dal 26 novembre al 5 dicembre 2009:
 
Concorso nazionale aperto alle produzioni audiovisive realizzate dalle scuole (infanzia e primarie, secondarie di I e II grado), che competono nelle tre sezioni del Concorso nazionale prodotti audiovisivi
Concorso nazionale aperto alle produzioni audiovisive realizzate in ambito extrascolastico dai giovani under 18, i cineasti di domani (che competono nel Concorso nazionale prodotti Under18 extrascuola).
 
Anche quest’anno il concorso è a tema libero. Oltre ai premi ufficiali del Festival, verranno assegnati numerosi riconoscimenti: la Targa Città di Torino – Sottodiciotto Filmfestival, il Premio UNICEF, il Premio Fiera Internazionale del Libro e il Premio Coordinamento Comuni per la Pace della Provincia di Torino conferiti a tutte le sezioni del Concorso; la Targa CIAS, il Premio della rivista PM – Il Piccolo Missionario, il Premio del pubblico Screensaver RaiTre, assegnati a tutte le sezioni del Concorso nazionale delle scuole, la Targa Consulta Provinciale degli Studenti di Torino, la Targa Dams – Università degli Studi di Torino ela Targa Città di Torino – Giovani per Torino che segnaleranno il miglior prodotto del Concorso under18 extrascuola.
 
La partecipazione al Concorso è riservata a film e video terminati dopo il 1° settembre 2008. La data di scadenza entro la quale è possibile inviare il materiale è fissata al 30 giugno 2009. Il bando, il regolamento, la scheda d’iscrizione sono reperibili sul sito www.sottodiciottofilmfestival.it.
 
Sottodiciotto Filmfestival, che nel 2008 ha riscosso un grande successo di pubblico (32.701 presenze) e nel 2009 approderà alla X edizione, che, in occasione dell’Anno europeo della creatività e innovazione, avrà come filo conduttore delle proiezioni e degli appuntamenti rivolti alle scuole e alla cittadinanza il tema della creatività, declinato nelle sue molteplici sfaccettature a partire da un punto di vista e da un osservatorio ben preciso, il mondo giovanile.
Il Festival ha saputo affermarsi nel corso degli anni come evento unico e originale nell’ambito del panorama cinematografico. Grazie alla sua formula inedita e all'apertura a nuove fasce di pubblico normalmente trascurate, Sottodiciotto è l’unico Festival italiano ed europeo che guarda all'universo giovanile attraverso due programmi distinti ma complementari che si integrano vicendevolmente: da un lato la manifestazione è diventata un’importante e riconoscibile vetrina del cinema di qualità che propone anteprime nazionali, personali, retrospettive, omaggi, programmi speciali, pellicole restaurate, incontri con ospiti di prestigio che consentono sfaccettati approcci al mondo giovanile e al “cinema giovane” di ieri e di oggi; dall’altro si è scelto di stimolare la creatività degli under 18 offrendo loro uno spazio di visibilità e confronto grazie alla proiezione dei prodotti da loro realizzati.
 
Gli spettatori del Festival, nel corso di nove edizioni, hanno potuto vedere in anteprima pellicole esclusive in grado di mettere d’accordo critica e pubblico: Billy Elliot, Sognando Beckham, Sinbad – La leggenda dei sette mari, L’Enfant, Happy Feet, Bee Movie, Paranoid Park, Persepolis, The Millionaire, Madagascar 2, solo per citarne alcuni. Numerosi sono stati inoltre gli ospiti d’eccezione che hanno potuto dialogare con il pubblico nel corso degli appuntamenti della manifestazione: Marco Bellocchio, Gianni Amelio, il compianto Emanuele Luzzati, Bruno Bozzetto, la famiglia Comencini, Jean-Pierre e Luc Dardenne, Nicolas Philibert, Francesca Archibugi, Olivier Assayas, Michel Khleifi, Pupi Avati, Garri Bardin, Jean-François Laguionie, Antonio Tabucchi, André Téchiné, Barry Purves, Edgar Reitz, Michael Winterbottom, i fratelli Taviani… Senza dimenticare i programmi speciali, i seminari nazionali rivolti ai docenti, i laboratori didattici, gli incontri con gli autori dei film e, fulcro dell’iniziativa, il Concorso nazionale con oltre 200 lavori in gara. Durante il Festival studenti e insegnanti (circa 15.000 nel 2008) s’incontrano a Torino per assistere alle proiezioni e per confrontarsi sui propri lavori, raggiungendo il capoluogo piemontese da ogni parte d’Italia e trasformando in tal modo Sottodiciotto in una preziosa occasione d’incontro.
 
Sostenuto da Regione Piemonte, Consiglio Regionale del Piemonte, Provincia di Torino, Città di Torino, Sottodiciotto Filmfestival nasce dall’intesa e dalla collaborazione tra Aiace Torino e Città di Torino – Divisione Servizi Educativi e ITER, con la collaborazione di Biblioteche Civiche Torinesi, Centro Sperimentale di Cinematografia – Dipartimento Animazione, CIAS – Coordinamento Italiano Audiovisivi a Scuola, Coordinamento Comuni per la Pace della Provincia di Torino, Consulta Provinciale degli Studenti di Torino, Consulta Regionale Giovani Piemonte, Dams – Università di Torino, Festival du Court Métrage Clermont-Ferrand, Fiera Internazionale del Libro, Giovani per Torino, La Stampa – TorinoSette, Museo Nazionale del Cinema, PM – Il Piccolo Missionario, UNICEF.
 
Sul sito del Festival, nella sezione Archivio (http://www.sottodiciottofilmfestival.it/archivio_edizioni.php), è possibile trovare l'elenco di tutti i film vincitori delle passate edizioni con le relative trame e le motivazioni delle giurie.
 
 
Sottodiciotto Filmfestival – torino schermi giovani  
c/o Aiace Torino, Galleria Subalpina 30, 10123 Torino
tel. 011.538962, e-mail aiacetorino@aiacetorino.it sito internet www.sottodiciottofilmfestival.it

Sottodiciotto Filmfestival

Manifestazione rinomata a livello nazionale e internazionale, Sottodiciotto Filmfestival organizzato da Aiace Torino e Città di Torino (Divisione Servizi Educativi e ITER) e diretto da Sara Cortellazzo e Aldo Garbarini, giunge alla IX edizione, che si svolge dal 4 al 13 dicembre 2008. L’appassionante vetrina del cinema giovane di ieri, di oggi e, soprattutto, di domani presenta quest’anno oltre 400 titoli in un programma notevolmente potenziato e quanto mai ricco di appuntamenti e contenuti. Il filo conduttore del Festival, l'unico in Italia a ragionare a tutto campo sulla rappresentazione cinematografica dell'universo giovanile, trae quest'anno spunto di riflessione dal 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo. Il tema dei diritti attraversa quindi il Festival torinese, pensato per i giovani e fatto dai giovani, ma sempre più seguito da spettatori di ogni età (oltre 26.000 presenze nel 2007), articolandosi in dieci giorni di intensa programmazione. Anteprime, proiezioni e programmi speciali, inediti e classici senza tempo, personali e omaggi, oltre alla consueta retrospettiva, si affiancano quindi agli interventi di numerosi ospiti, protagonisti del mondo dello spettacolo e della cultura e testimoni internazionali in un cartellone tanto variegato quanto coerente con l’intento proprio della manifestazione di valorizzare il cinema di (e per) tutte le età.
 
anteprime ■ Quest’edizione propone un numero record di dodici anteprime, tra grandi film spettacolari e pellicole d’autore. Due anteprime nazionali esclusive, assai diverse tra loro, fanno capo a grandi produzioni: Madagascar 2, il più atteso cartoon di Natale (domenica 7 dicembre,  nelle sale il 19 dicembre con il marchio Universal Pictures), la nuova avventura della strepitosa ciurma dello zoo di Central Park, e Il bambino con il pigiama a righe, la favola tragica e commovente in arrivo da Walt Disney Studios (venerdì 5 dicembre, sugli schermi dal 19 dicembre), che racconta l’amicizia tra due ragazzini all’ombra dell’Olocausto. Interpretato da Colin Firth e Catherine Keener, Genova, il nuovo film di Michael Winterbottom, viene proiettato alla presenza del regista, cui quest’anno Sottodiciotto dedica la retrospettiva, e inaugura ufficialmente il Festivalsabato 6 dicembre, al Massimo 1, alle ore 20.30. Tre titoli arrivano a Torino carichi di successi in importanti manifestazioni internazionali: oltre a Racconto di Natale, l’osannata saga familiare di Arnaud Desplechin con Catherine Deneuve, Mathieu Amalric e Chiara Mastroianni (giovedì 4 dicembre, nelle sale con il marchio Bim dal 5 dicembre) che ha incantato Cannes e la critica francese, The Millionaire (distribuito da Lucky Red), trionfatore dell’ultimo Festival di Toronto, diretto da Danny Boyle, già autore di Trainspotting, e Stella, di Sylvie Verheyde, in uscita con il marchio Sacher Distribuzione di Nanni Moretti e salutato da grandi applausi all’ultimo Festival di Venezia. I due film, entrambi nelle sale il 5 dicembre, sono presentati nel corso di una speciale serata pre-Festival il 3 dicembre. Al tema dei diritti negati o difficili da conquistare si riallacciano tre altri titoli: Baby Love (venerdì 12 dicembre, nelle sale dal 19 dicembre distribuito da Archibald Enterprise Film), del francese Vincent Garenq, che racconta le peripezie di un omosessuale intenzionato a diventare papà; La vita segreta delle api (domenica 7 dicembre, in uscita nel 2009 da Fox Searchlight) di Gina Prince-Bythewood, dal bestseller di Sue Monk Kidd ambientato negli Stati Uniti degli anni Sessanta, all’epoca della lotta contro la discriminazione razziale; All Human Rights for All (martedì 9 dicembre), il film presentato dall’Associazione Rinascimento e composto da 30 cortometraggi girati da noti professionisti del cinema italiano per il sessantennale della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo. Interessanti debutti di nuovi registi accomunano le altre tre anteprime: Cowboy Angels (giovedì 11 dicembre, nelle sale con il marchio R.ven dal 12 dicembre), road movie d’esordio della statunitense Kim Massee; Half Nelson, di Ryan Fleck, film “cult” finora incredibilmente trascurato dai distributori (domenica 7 dicembre, prossimamente in uscita in dvd grazie a Enjoy Movies), con Ryan Gosling candidato all'Oscar 2007 come miglior attore protagonista; Diari, film corale diretto da Attilio Azzola (lunedì 8 dicembre, di prossima uscita da Lab80), premio Écran Junior a Cannes.
 
retrospettiva ■ Organizzata da Sottodiciotto Filmfestival e dal Museo Nazionale del Cinema, la retrospettiva “Cose del nostro mondo. Il cinema di Michael Winterbottom” è la prima personale italiana dedicata al poliedrico regista inglese (ospite a Torino), capace di attraversare tutti i generi del cinema, dai film di coraggiosa denuncia politica e civile al western e alla commedia.
 
premio ■ Al cinema italiano viene reso omaggio con ilpremio a Paolo e Vittorio Taviani, gli autori – anch’essi presenti alla manifestazione – a cui quest’anno viene consegnata laTarga Città di Torino – Sottodiciotto Filmfestival a riconoscimento di una carriera segnata da un forte impegno civile che non ha mai abbassato lo sguardo davanti al difficile tema dei diritti negati.
 
proiezioni ed eventi speciali ■ Con sette proiezioni ed eventi speciali, il Festival presenta altri film inediti, o allarga il tema dei diritti a diverse realtà nazionali. Ospite di Sottodiciotto per uno speciale incontro con il pubblico, Gabriele Salvatores, presenta – con gli attori Filippo Timi, Elio Germano eil giovanissimo esordiente sul grande schermo Alvaro Caleca – il video sul backstage del suo prossimo film, Come Dio comanda, che, ancora una volta, si rifà a un libro di Niccolò Ammaniti e al suo dolente e umanissimo universo di emarginati. Un altro titolo italiano presentato al Festival dall’autore è Movimento,di Armando Ceste, folgorante “spot” di quattro minuti sullo strazioinfinito e quotidiano dei clandestini che muoiono annegati nel Canale di Sicilia. Dall’Italia al Medioriente con In Fair Palestine: A Story of Romeo and Juliet, trasposizione del dramma scespiriano nel difficile contesto della Ramallah di oggi realizzata da dieci ragazzi palestinesi e presentata da alcuni degli stessi giovanissimi autori. Un appuntamento particolare è rappresentato dalla proiezione di Bordertown commentata da Marisela Ortiz Rivera – che, in concomitanza al Festival, riceverà la cittadinanza onoraria conferita dalla Città di Torino – animatrice della campagna contro i perduranti femminicidi a Ciudad Juarez, in Messico, raccontati dal film-denuncia di Gregory Nava. Completano la sezione tre inediti sul grande schermo: Whatever Lola Wants, appassionante commedia sulla solidarietà al femminile tra Medioriente e Occidente ambientata nel mondo della danza del ventre e diretta da Nabil Ayouch, nuovo astro della cinematografia marocchina; Penelope, deliziosa favola moderna interpretata da Christina Ricci e opera prima del giovane Mark Palansky; il mediometraggio Calibro70, di Alessandro Rota (presente al Festival), scanzonato omaggio ai poliziotteschi degli anni Settanta.
 
programmi speciali ■ Il grande cinema di ieri e, ancora, il cinema giovane (e inedito) di oggi si ritrovano anche in diversi programmi speciali. “Ora d’aria” è un’importante serie di appuntamenti dedicata al tema della detenzione minorile, realizzata dal Centro Nazionale di documentazione e analisi per l’infanzia e l’adolescenza. L’iniziativa contempla proiezione di film einterventi di registi che hanno lavorato negli istituti di pena (Davide Ferrario, Piergiorgio Gay, Enrico Pau, Lara Rastelli), di giovani detenuti, di esperti e operatori del settore.
Più o meno 16: adolescenti di oggi visti dal cinema” è dedicato all’età più bella e difficile ritratta, oltre che nel film Diari, presentato in anteprima, nei documentari Dimmi qual è il colore del cielo di Marco Pozzie Tutto è possibile di Ernaldo Dataenel cortometraggio A Vision of My Own a cura di Gianluca De Serio per il Dipartimento Educativo della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.
 “Cantare i diritti” è, invece, l’occasione sia per ascoltare la testimonianza diretta di chi milita in musica, come i Modena City Ramblers, ospiti del Festival, sia per vedere Retour à Goréeil documentario su Youssou N’dour di Pierre-Yves Borgeaud, presentato dallo stesso regista – sia per rivisitare i grandi concerti allestiti a sostegno di importanti campagne sociali, come lo storico No Nukes di Daniel Goldberg.
 “Lo schermo giovane”, l’ormai tradizionale vetrina riservata ai registi emergenti, presenta 7 lungometraggi mai distribuiti in Italia (NimmerMeerdi Toke Constantin Hebbeln, Max Minsky und Ich di Anna Justice, Warchild – Stille sehnsucht di Christian Wagner, Mon frère se mariedi Jean-Stéphane Bron, Little White Liesdi Caradog W. James, Il va pleuvoir sur Conakry di Cheick Fantamady Camara), sfaccettata panoramica sul modo in cui le cinematografie straniere affrontano il tema dei diritti.
 “Sottodiciotto in corto”, un’altra sezione ormai consolidata, affronta il tema del Festival con l’antologia “I diritti in breve: Clermont-Ferrand & Co., che ritorna anche sull’universo adolescente con due piccoli film, La rebelión de los pingüinos di Simón Bergman e Cherries di Tom Harper. Nella sezione si ripresenta, per il terzo anno, con tre nuovi titoli (nati da altrettante idee di Don Ciotti, Carlo Lucarelli e Jovanotti), “Grandi & Corti”, la serie presentata dalla trasmissione tv Screensaver.
 “L’eroe della Foresta di Sherwood: Robin Hood” è un omaggio al paladino per eccellenza dei diritti dei più deboli, che compie cinematograficamente cent’anni. La saga è riproposta nelle sue molteplici versioni, dai primi cartoon al film diretto da Allan Dwan nel 1923, restaurato dal MoMA di New York e proiettato con l’accompagnamento dal vivo dell’ensemble diretto da Stefano Maccagno.
“Evergreen, il cinema senza età”, infine, è un percorso dedicato a cinefili piccoli e grandi che ha in cartellone, accanto a un omaggio a Albert Lamorisse (Il palloncino rosso e Le crin blanc), capolavori intramontabili come L'idolo infranto di Carol Reed, e Tutti insieme appassionatamente nella versione integrale in lingua originale, restaurata in digitale HDe recitata in oversound dai giovani attori della Scuola del Teatro Stabile di Torino.
 
sottodiciotto animation festival ■ Edizione dopo edizione, il cinema d'animazione ha conquistato uno spazio sempre più importante nell'ambito del Festival, che quest’anno raddoppia e si sdoppia. Prende quindi vita il nuovoSottodiciotto Animation Festival, che, per ben cominciare, ospita, in collaborazione con Animation Campus e Centro Sperimentale di Cinematografia – Dipartimento Animazione di Chieri, le proiezioni dei prodotti realizzati dagli studenti delle Scuole di cinema d’animazione, in occasione del meeting annuale del 2008.
Molto ricco, il cartellone del Festival nel Festival presenta circa 80 titoli, suddivisi in vari programmi, tra cui spiccano le due personali Da qui ai confini del mondo. L’universo ironico di Konstantin Bronzit” e “Tra cinema e pittura: l’arte in movimento di Florence Miailhe”, dedicate rispettivamente al nuovo maestro dell’animazione russa e (in collaborazione con il Centre Culturel Français) alla raffinata regista-disegnatrice parigina, entrambi presenti a Sottodiciotto.
Anche quest’anno il Festival non dimentica divertenti e importanti ricorrenze. “80 candeline per Topolino” festeggia il topo più longevo della storia in tre programmi a cura di Mario Serenellini e in collaborazione con la Cineteca del Friuli; “1908: Sto, l'avventura del Corrierino” rende omaggio ai cento anni del famoso settimanale dei piccoli celebrandone uno degli autori più amati, Sergio Tofano, il “papà” del Signor Bonaventura, con una videointervista inedita a Paolo Poli, sempre a cura di Mario Serenellini.
Due i programmi espressamente indirizzati ai bambini: “Sopra 18 mesi (fino a 4 anni) – La piccola talpa”, una nuova sezione riservata ai piccolissimi, inaugurata dalla serie di cortometraggi di cui è protagonista la tenera creatura del disegnatore Zdeněk Miler;Piccoli film da un grande Festival: selezione da Clermont-Ferrand”, che propone alcuni titoli proiettati all’ultima edizione della celebre manifestazione francese dedicata al cortometraggio.
 
dibattiti, convegni, tavole rotonde ■ Diverse iniziative coniugano il tema del Festival con l’universo giovanile. Tra queste, il convegno Preadolescenza: il diritto ad abitare la terra di mezzo Il diritto a diventare persone organizzato dalla Città di Torino – Divisione Servizi Educativi e ITER, che vede l’importante partecipazione del filosofo e psicoanalista Miguel Benasayag, e la tavola rotonda I minori raccontati dalla stampa: difficoltà, prospettive e limiti dell’informazione sul mondo giovanile, organizzata da Sottodiciotto e dall’Ordine dei giornalisti del Piemonte, prima tappa di un percorso volto ad analizzare l’immagine dei ragazzi d’oggi divulgata dai media, che proseguirà nelle prossime edizioni del Festival. Vengono inoltre presentati Media Pedia, un progetto, promosso dalla Compagnia di San Paolo per la Scuola e coordinato da Peppino Ortoleva, e il nuovo sito dedicato a Cinema e sessantotto (www.cinemaesessantotto.it), uno strumento di confronto tra i giovani di ieri e quelli di oggi. Con i diritti non si gioca!– progetto, a cura di Francesco D’Amore, Linda Fava e Alice Spano – propone,infine,una lettura animata e interattiva della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani rivolta a famiglie, bambini e ragazzi.
premio del pubblico ■ Iniziativa accolta molto positivamente durante le precedenti edizioni, torna anche quest’annoil Premio del pubblico Sottodiciotto Filmfestival – La Stampa-TorinoSette, attribuito dai lettori del settimanale torinese a Gomorra quale miglior film italiano della passata stagione cinematografica legato a temi e realtà del mondo giovanile.
 
concerto d’apertura ■ Come di consueto, Sottodiciotto “apre le danze” con un doppio concerto a Hiroshima Mon Amour: sul palco, tre formazioni di giovanissimi, 3 Hours a Day, Foxhound e Sistema Libero, finalisti di Pagella non solo Rock 2008, la “vetrina musicale per musicisti e musiciste emergenti” promossa dal Settore Politiche Giovanili della Città di Torino, che saranno seguiti dagli SteelA, la band salentina giovanissima ma già nota tra gli amanti del reggae e non solo.
 
programma per le scuole ■ Una grande varietà di appuntamenti si affianca al tradizionale Concorso nazionale riservato ai prodotti audiovisivi delle scuole, che quest’anno presenta circa 200 titoli in gara, e sono molti i percorsi per gli studenti che si innestano sul filo conduttore del Festival. Gli studenti delle Scuole Secondarie di II grado potranno assistere a varie proiezioni di film in tema (Bordertown, Blood Diamond – Diamanti di sangue, Machuca,Garage Olimpo) commentati da testimoni internazionali impegnati sul fronte della difesa dei diritti umani e civili (la messicana Marisela Ortiz Rivera, il congolese Berthin Nzonza, la cilena Gina Gatti, e l’ex prigioniera politica in Argentina Norma Berti), che parteciperanno a un concomitante convegno organizzato dal Museo Diffuso della Resistenza e da Amnesty International. Sempre alle Secondarie di II grado il cartellone propone un incontro con Paolo e Vittorio Taviani, in occasione del premio a loro conferito, e gli inediti In Fair Palestine: A Story of Romeo and Juliete Kroko (in collaborazione con il Goethe Institute), che affronta temi di attualità come la criminalità giovanile e il bullismo.Molte le proposte per le Scuole Secondarie di I grado collegate al tema-guida della manifestazione e a ricorrenze in difesa di diritti specifici (Il cacciatore di aquiloni per la Giornata Universale del bambino, La generazione rubata per la Giornata Mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne, Basta guardare il cielo per la Giornata Internazionale dei disabili) e valorizzate da incontri, organizzati assieme alla Fiera Internazionale del Libro, con scrittori e personalità del mondo culturale: Farian Sabahi, Hamid Ziarati, Eros Miari.
La sezione “Grandi classici su grande schermo” (sempre con la Fiera del Libro e assieme alle Biblioteche Civiche Torinesi) propone, poi, film dal veroe d’animazione, riduzioni di noti testi letterari o evergreen del cinema di tutti i tempi: Chi ha incastrato Roger Rabbit, La gabbianella e il gatto, di cui ricorre il decimo anniversario, La collina dei conigli, Il palloncino rosso e Crin blanc, per le Scuole d’Infanzia e le Primarie; Tutti insieme appassionatamente,nella speciale edizione del Festival in digitale HDe recitata in oversound dagli studenti della Scuola del Teatro Stabile di Torino, e Ladri di biciclette, nella versione recentemente restaurata dalla Cineteca Nazionale, per le Secondarie di I grado. Le proiezioni sono coronate da incontri con autori, illustratori, produttori e operatori del settore: Pino Pace, Maria Fares, Giovanni Del Ponte, Guido Quarzo, Anna Cola, Susanna Teodoro, Sofia Gallo, Marco Pautasso. I bambini delle Primarie avranno modo di vedere su grande schermo anche i cortometraggi di Konstantin Bronzit, all’interno della personale a lui dedicata.
Non mancheranno i momenti di formazione rivolti a insegnanti, educatori e studenti, tra cui l’incontro-dibattito La scuola della convivenza. I giovani si confrontano sui loro diritti e doveri  ed Eticommunity, proposta rivolta alle Scuole Secondarie di II grado da Zenit Arti Audiovisive e CSP-Dschola.

Per gli studenti delle Scuole di ogni ordine e grado verranno inoltre predisposti numerosi laboratori didattici organizzati dalla Città di Torino – ITER e dall’Aiacepresso i Centri di Cultura ITER e il Ce.Se.Di. Gli stessi Centri di Cultura ITER coronano a Sottodiciotto il proprio annuale impegno nel campo della didattica audiovisiva con una festa in cui verranno presentati e premiati i lavori realizzati con gli allievi. Il Museo Nazionale del Cinema mette a disposizione 20 visiteriservate a classi partecipanti al Festival. Vista la calorosa accoglienza nelle passate edizioni, Sottodiciotto ospita nuovamente il laboratorio Guardare la musica. Un'orchestra composta da ragazzi tra i 14 e i 17 anni, diretta da Marco Papeschi, presenta in esclusiva a Torino Ciadina, spettacolo tra musica e immagini che trae spunto da una leggenda popolare della Val di Fiemme.

sottodiciotto filmfestival
c/o Aiace Torino, Galleria Subalpina 30, 10123 Torino, Italy –
Telefono (+39) 011 538962 –  Fax (+39) 011 542691
e-mail:
aiacetorino@aiacetorino.it
http://www.sottodiciottofilmfestival.ithttp://www.aiacetorino.it 

SOTTODICIOTTO FILMFESTIVAL

Aiace Torino
Città di Torino – Divisione Servizi Educativi e ITER
 
 
SOTTODICIOTTO FILMFESTIVAL
IX edizione
Torino, 4-13 dicembre 2008
Cinema Massimo, Cinema Ambrosio, Cinema Centrale, Cinema Greenwich Village, King Kong Microplex
 
Concorso nazionale aperto alle produzioni realizzate dalle scuole
Concorso nazionale aperto alle produzioni realizzate dagli under 18 in ambito extrascolastico
 
Scadenza di presentazione dei film: 30 giugno 2008
 
Sottodiciotto Filmfestival, che nel 2007 ha riscosso un grande successo di pubblico (26.010 presenze), è la più importante kermesse nazionale dedicata alla produzione cinematografica dei bambini, dei ragazzi e dei giovani, sia per quanto riguarda le opere realizzate in ambito scolastico (che competono nelle tre sezioni del Concorsonazionale prodotti audiovisivi delle scuole), sia per quanto concerne le opere create in modo indipendente dai giovani under 18, i cineasti di domani (che competono nel Concorso nazionale prodotti Under18 extrascuola).
 
Anche quest’anno il concorso, a tema libero, è aperto a produzioni audiovisive realizzate in ambito scolastico e a film girati autonomamente da ragazzi fino a 18 anni. Oltre ai premi ufficiali del Festival, verranno assegnati numerosi riconoscimenti: la Targa Città di Torino – Sottodiciotto Filmfestival, il Premio UNICEF, il Premio Fiera Internazionale del Libro e il Premio Coordinamento Comuni per la Pace della Provincia di Torino conferiti a tutte le sezioni del Concorso; la Targa CIAS, il Premio della rivista PM – Il Piccolo Missionario, il Premio del pubblico Screensaver RaiTre, assegnati a tutte le sezioni del Concorso nazionale delle scuole, la Targa Consulta Provinciale degli Studenti di Torino, la Targa Dams – Università degli Studi di Torino ela Targa Città di Torino – Giovani per Torino che segnaleranno il miglior prodotto del Concorso under18 extrascuola.
 
Sottodiciotto Filmfestival, che nel 2008 approderà alla IX edizione, ha saputo affermarsi nel corso degli anni come evento unico e originale nell’ambito del panorama cinematografico. Grazie alla sua formula inedita e all'apertura a nuove fasce di pubblico normalmente trascurate, Sottodiciotto è l’unico Festival italiano ed europeo che guarda all'universo giovanile attraverso due programmi distinti ma complementari che si integrano vicendevolmente: da un lato la manifestazione è diventata un’importante e riconoscibile vetrina del cinema di qualità che propone anteprime nazionali, personali, retrospettive, omaggi, programmi speciali, pellicole restaurate, incontri con ospiti di prestigio che consentono sfaccettati approcci al mondo giovanile e al “cinema giovane” di ieri e di oggi; dall’altro si è scelto di stimolare la creatività degli under 18 offrendo loro uno spazio di visibilità e confronto grazie alla proiezione dei prodotti da loro realizzati.
 
In occasione del 60° anniversario della Costituzione Italiana e del 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo il filo conduttore delle proiezioni e degli appuntamenti rivolti alle scuole e alla cittadinanza sarà il tema dei diritti, declinato nelle sue molteplici sfaccettature, con l’intento di ragionare a 360° su valori di stringente attualità, naturalmente a partire da un punto di vista e da un osservatorio ben preciso, il mondo giovanile.
 
Gli spettatori del Festival, nel corso di otto edizioni, hanno potuto vedere in anteprima pellicole esclusive in grado di mettere d’accordo critica e pubblico: Billy Elliot, Essere e avere, Sognando Beckham, In America, Sinbad – La leggenda dei sette mari, L’Enfant, Happy Feet, Bee Movie, Paranoid Park, Persepolis, solo per citarne alcuni. Numerosi sono stati inoltre gli ospiti d’eccezione che hanno potuto dialogare con il pubblico nel corso degli appuntamenti della manifestazione: Marco Bellocchio, Gianni Amelio, il compianto Emanuele Luzzati, Bruno Bozzetto, la famiglia Comencini, Jean-Pierre e Luc Dardenne, Nicolas Philibert, Francesca Archibugi, Olivier Assayas, Michel Khleifi, Inger Nilsson (l’irresistibile Pippi Calzelunghe), Pupi Avati, Garri Bardin, Jean-François Laguionie, Antonio Tabucchi, André Téchiné, Barry Purves, Edgar Reitz… Senza dimenticare i programmi speciali, i seminari nazionali rivolti ai docenti, i laboratori didattici, gli incontri con gli autori dei film e, fulcro dell’iniziativa, il Concorso nazionale con oltre 200 lavori in gara. Durante il Festival studenti e insegnanti (complessivamente più di 14.000 nel 2007) s’incontrano a Torino per assistere alle proiezioni e per confrontarsi sui propri lavori, raggiungendo il capoluogo piemontese da ogni parte d’Italia e trasformando in tal modo Sottodiciotto in una preziosa occasione d’incontro.
 
La partecipazione al Concorso è riservata a film e video terminati dopo il 1 settembre 2007. La data di scadenza entro la quale è possibile inviare il materiale è fissata al 30 giugno 2008. Il bando, il regolamento, la scheda d’iscrizione sono reperibili sul sito www.sottodiciottofilmfestival.it. La IX edizione di Sottodiciotto Filmfestival si svolgerà da giovedì 4 a sabato 13 dicembre 2008.
 
Sostenuto da Regione Piemonte, Consiglio Regionale del Piemonte, Provincia di Torino, Città di Torino, con il patrocinio del Ministero della Pubblica Istruzione e del Comitato Italiano per l’UNICEF, Sottodiciotto Filmfestival nasce dall’intesa e dalla collaborazione tra Aiace Torino e Città di Torino – Divisione Servizi Educativi e ITER, con la collaborazione di Biblioteche Civiche Torinesi, Centre Culturel Français de Turin, Centro Sperimentale di Cinematografia – Dipartimento Animazione, CIAS – Coordinamento Italiano Audiovisivi a Scuola, Coordinamento Comuni per la Pace della Provincia di Torino, Consulta Provinciale degli Studenti di Torino, Consulta Regionale Giovani Piemonte, Dams – Università di Torino, Festival du Court Métrage Clermont-Ferrand, Fiera Internazionale del Libro, Film Commission Torino Piemonte, Giovani per Torino, Goethe-Institut Turin, La Stampa – TorinoSette, Museo Nazionale del Cinema, PM – Il Piccolo Missionario.
 
Sottodiciotto Filmfestival c/o Aiace Torino, Galleria Subalpina 30, 10123 Torino
tel. 011.538962, e-mail aiacetorino@aiacetorino.it sito internet www.sottodiciottofilmfestival.it

SOTTODICIOTTO FILMFESTIVAL

SOTTODICIOTTO FILMFESTIVAL – VIIIª EDIZIONE
Cinema Massimo, Cinema Centrale, Cinema Greenwich Village, Cinema Ambrosio
Biblioteca Nazionale, Centre Culturel Français, Goethe-Institut, Palazzo Nuovo, Piccolo Regio
 
Sono aperte le prenotazioni per il programma rivolto alle scuole da Sottodiciotto
appuntamento seguito nel 2006 da 11.000 studenti e insegnanti di tutta Italia
175 prodotti delle scuole in concorso, proiezioni, incontri con ospiti e giovani registi, 
convegni e seminari, spettacoli e laboratori didattici, visite guidate
PROPOSTE PER LE SCUOLE
Torino, 23 novembre – 15 dicembre 2007
 
Sottodiciotto Filmfestival è giunto al proprio ottavo compleanno e non ha ormai bisogno di presentazioni;manifestazione rinomata a livello nazionale, concentra la propria attenzione sulla produzione cinematografica dei bambini, dei ragazzi e dei giovani, che siano opere in gara nelle tre sezioni del Concorsonazionale prodotti audiovisivi delle scuole oppure opere create in autonomia da chi ha meno di 18 anni ma già si “butta nella mischia” per realizzare i primi film (che competono nel Concorso nazionale prodotti Under18 extrascuola).
Gli appuntamenti che Sottodiciotto propone al mondo scolastico si svolgeranno a Torino dal 23 novembre al 15 dicembre 2007, con un palinsesto quanto mai ricco, sfizioso, articolato, in grado di declinare il tema scelto, “le differenze”, con originalità e di accontentare bambini e ragazzi di ogni età ma anche i loro insegnanti e quanti operano nel settore didattico. A coronare il costante impegno portato avanti dal Festival per offrire una kermesse di alta qualità, giunge quest’anno il patrocinio di una istituzione autorevole e prestigiosa come la Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO.
 
                Concorso nazionale PRODOTTI audiovisivI delle scuole
Concorso nazionale prodOTTI under 18 extrascuola
incontri con i giovani registi
Anche quest’anno il Concorso è aperto a produzioni audiovisive realizzate in ambito scolastico e a film girati autonomamente da ragazzi non ancora maggiorenni. Oltre ai premi ufficiali del Festival, verranno assegnati numerosi riconoscimenti: il Premio UNICEF e il Premio Fiera Internazionale del Libro, conferiti a tutte le sezioni del Concorso; la Targa CIAS, il Premio del pubblico Screensaver RaiTre e il Premio della rivista PM – Il Piccolo Missionario, assegnati a tutte le sezioni del Concorso nazionale delle scuole e la Targa Dams – Università degli Studi di Torino che segnalerà il miglior prodotto del Concorso under18 extrascuola.
Gli incontri con gli autori dei film in concorso sono un momento di confronto in cui i registi in erba possono incontrarsi e interagire all’interno di uno spazio esclusivo appositamente allestito per loro. I 17 incontri si terranno al termine delle proiezioni al Cinema Massimo e al Cinema Greenwich Village, coordinati da critici cinematografici Aiace per le Scuole Secondarie di II grado e da insegnanti dei Centri di Cultura ITER per le Scuole dell’Infanzia, Primarie e Secondarie di I grado. Oltre alle diverse fasi del Concorso, le date da non perdere sono venerdì 14 dicembre (premiazione dei film vincitori) e sabato 15 dicembre (proiezione dei film vincitori).
 
PROIEZIONI PER LE SCUOLE SECONDARIE DI I E II GRADO
PER LE SCUOLE DELL’INFANZIA E PRIMARIE
CON UN OSPITE D’ECCEZIONE: ARTHUR PENN
Fin dalla nascita del Festival, uno dei momenti imprescindibili del programma dedicato al mondo scolastico sono le proiezioni mattutine e pomeridiane, affiancate da incontri e dibattiti, appositamente studiati per interessare gli studenti di ogni fascia d’età. Grazie a programmi ad hoc, i bambini e i ragazzi vedono il film adatto a loro in sala, su grande schermo, venendo poi stimolati a discutere e confrontarsi sui temi proposti, che si ricollegano al fil rouge dell’edizione, “le differenze”, in compagnia di ospiti di rilievo.
Durante la Giornata internazionale dei disabili, lunedì 3 dicembre, al Cinema Massimo 3 viene presentato agli studenti delle Scuole Secondarie di II grado il documentario Crisalidi (Italia 2005), commentato dal regista Mirko Locatelli, che indaga il mondo dei «normalissimi portatori di handicap», gli adolescenti: a volte affetti da disabilità fisiche, a volte semplicemente insicuri nel modo di rapportarsi a un corpo in continuo cambiamento. La proiezione, che prevede un servizio di audio-descrizione per non-vedenti e sottotitoli per non-udenti a cura del Museo Nazionale del Cinema, è organizzata in collaborazione con la Consulta Regionale Giovani Piemonte e la Consulta Provinciale degli Studenti di Torino. Sottodiciotto, in collaborazione con Museo Nazionale del Cinema, Biblioteche Civiche Torinesi, Fiera Internazionale del Libro di Torino, Consulta Regionale Giovani Piemonte e Consulta Provinciale degli Studenti di Torino promuove per le Scuole Secondarie di II grado un altro evento imperdibile, Un grande classico commentato da un grande maestro: Arthur Penn, mercoledì 12 dicembre al Cinema Ambrosio; il film in cartellone è il celeberrimo Piccolo grande uomo di Arthur Penn (USA 1970), tratto dal romanzo di Thomas Berger e interpretato da uno strepitoso Dustin Hoffman. Il regista, ospite del Festival in occasione della retrospettiva a lui dedicata, parteciperà a un incontro esclusivo con i giovani spettatori, condotto dalla giornalista Maria Nadotti.
Venerdì 23 novembre al Cinema Centrale gli allievi delle Scuole Secondarie di I grado potranno scoprire Water di Deepa Mehta (Canada/India 2005), proposto in collaborazione con l’Assessorato alle Pari Opportunità della Città di Torino in occasione della Giornata Mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Eroina della pellicola è la piccola Chuya, vedova-bambina che nell’India degli anni Trenta si ribella, a soli otto anni, alle tradizioni che vorrebbero costringerla a una vita di espiazione e solitudine. A introdurre la proiezione Marta Levi (Assessore alle Politiche Giovanili e Pari Opportunità della Città di Torino). Giovedì 13 dicembre, sempre al Cinema Centrale, Classici senza tempo propone invece alle Scuole Secondarie di I grado uno dei capolavori di Charlie Chaplin, Il grande dittatore (USA 1940); osteggiato durante la lavorazione e il lancio del film da parte dell’opinione pubblica, Chaplin portò ugualmente avanti il progetto, realizzando un’opera in grado di far ridere, piangere e riflettere sulla barbarie che stava distruggendo l’Europa e, in senso più ampio, sull’odio razziale che ancora oggi fa tristemente parlare di sé. Al termine della proiezione, un incontro con il giornalista Lorenzo Barello.
 
Agli allievi delle Scuole dell’Infanzia e Primarie è rivolta la proiezione di Grandi classici per l’infanzia, con la scelta di titoli sempre attuali e affascinanti nonostante il passare degli anni, in grado di destare interesse sull’importanza della tolleranza e dell’accettazione dell’altro anche negli spettatori più piccoli. Lunedì 10 dicembre al Cinema Centrale ai bambini dai 4 ai 7 anni verrà presentato su grande schermo Putiferio va alla guerra (Italia 1968) di Roberto Gavioli, tratto dal racconto La guerriera nera di Mario Piereghin, che immagina lo scoppio di una guerra tra le formiche Rosse e le formiche Gialle. Il film è proposto nell’edizione restaurata dalla Fondazione Cineteca Italiana di Milano e verrà introdotto e commentato dall’illustratrice Irene Bedino. Venerdì 7 dicembre al Cinema Massimo 1 i ragazzini dagli 8 ai 10 anni sogneranno ancora una volta con E.T. L’extraterrestre (USA 1982), riproposto in occasione del venticinquennale della pellicola. Dopo la proiezione del film, tra i titoli che hanno consacrato definitivamente il “genio spettacolare” di Steven Spielberg lanciando una vera e propria icona culturale famosissima ancora oggi, il buffo extraterrestre che cerca di tornare a casa, si terrà un incontro con lo scrittore Giovanni Del Ponte.
 
CINELETTURE OSPITA PASQUALE SCIMECA
GRANDI CLASSICI PER RAGAZZI: IL MAGO DI OZ
Dopo i grandi consensi ottenuti nelle tre precedenti edizioni, Cineletture, consistente in una serie di laboratori di lettura curati dalle Biblioteche Civiche Torinesi e rivolti agli studenti delle Scuole Secondarie di II grado, seguiti da proiezioni e incontri con registi e scrittori allestiti insieme alla Fiera Internazionale del Libro, ospita quest’anno Pasquale Scimeca (Placido Rizzotto, Gli indesiderabili). Giovedì 13 dicembre il cineasta presenterà al Cinema Greenwich Village il suo nuovo film Rosso Malpelo (Italia 2007), tratto dalla famosa novella di Giovanni Verga, che esplora un tema di scottante attualità come quello del lavoro minorile e si propone di dare un contributo concreto devolvendo una parte degli incassi a iniziative che impediscano lo sfruttamento dei bambini minatori boliviani.
Le Biblioteche Civiche Torinesi dedicano laboratori di lettura ad altri due testi. Il primo è Il piccolo grande uomo di Thomas Berger, da cui Arthur Penn ha tratto uno dei propri capolavori, proiettato nell’ambito di Un grande classico commentato da un grande maestro: Arthur Penn. Il secondo è costituito dal corpus di testi per ragazzi firmati tra il 1900 e il 1919 dallo scrittorestatunitense L. Frank Baum (e in seguito ripresi da altri narratori) in una serie popolarissima, all’origine di un indiscusso cult movie che si staglia come una pietra miliare nella storia del cinema classico e non solo classico, Il mago di Oz di Victor Fleming (USA 1939). Giovedì 6 dicembre al Cinema Massimo 1 Sottodiciotto, Biblioteche Civiche Torinesi, Fiera Internazionale del Libro di Torino e Museo Nazionale del Cinema offrono agli allievi delle Scuole Secondarie di I grado la possibilità di assaporare il capolavoro interpretato da Judy Garland in modo diverso dal solito: in versione originale con sottotitoli italiani e con la recitazione in oversound degli studenti della Scuola della Fondazione del Teatro Stabile di Torino, per la direzione di Mauro Avogadro. Seguirà un incontro con Eros Miari (consulente del settore scuola e ragazzi Fiera Internazionale del Libro Torino).
 
IN RICORDO DI LELE LUZZATI, MAESTRO DEL CINEMA D'ANIMAZIONE
Per i bambini delle Scuole Primarie dai 7 ai 10 anni venerdì 14 dicembre al Cinema Massimo 3 viene programmata una selezione di cortometraggi del maestro genovese Emanuele Luzzati. Scenografo e costumista, illustratore e scrittore, ceramista e decoratore, autore di cinema d'animazione e teatro, è scomparso nel gennaio di quest’anno dopo una vita dedicata all’arte, nel senso più ampio del termine. Per ricordarlo, Sottodiciotto proietta La gazza ladra (1964), L’Italiana in Algeri(1968), Pulcinella (1973), I tre fratelli (1979), La donna serpente (1979), La ragazza cigno (1980), La palla d’oro(1980), L’uccello di fuoco (1981), Pulcinella e il pesce magico (1981), in un programma introdotto e commentato da Anna Parola (Libreria dei Ragazzi).
 
PROIEZIONI IN LINGUA ORIGINALE
PRESSO IL CENTRE CULTUREL FRANÇAIS DE TURIN E IL GOETHE-INSTITUT TURIN
Prendendo le mosse da una rassegna per le scuole organizzata dal Centre Culturel Français de Turin e dal Goethe-Institut Turin, Sottodiciotto differenzia ulteriormente il proprio palinsesto con l’inserimento di due proiezioni in lingua originale dedicate al pubblico scolastico. Nell’ambito di Grandi classici del cinema d’animazione per l’infanzia, il Centre Culturel Français de Turin ospita nella mattinata di mercoledì 12 dicembre la proiezione in lingua francese de Le Roi et l’oiseau (Il re e l’uccello, Francia 1980) di Paul Grimault, rivolta agli allievi delle Scuole Primarie; il film d’animazione, ispirato a un racconto di Hans Christian Andersen, è ambientato in un regno immaginario chiamato Tachicardia. È invece dedicato agli studenti delle Scuole Secondarie di I e II grado l’Omaggio a Curt Linda, maestro del cinema d’animazione tedesco recentemente scomparso, che programma venerdì 14 dicembre presso il Goethe-Institut Turin Die kleine Zauberflöte (Il piccolo flauto magico, Germania 1997), frutto di quattro anni di lavoro, che reinventa il famosissimo libretto d’opera scritto da Emanuel Schikaneder per Mozart.
 
SPETTACOLO“O.” D'AMOR, DI MUSICA E GIUSTEZZA AL PICCOLO REGIO
Martedì 4 dicembre al Piccolo Regio, appuntamento per gli studenti delle Scuole Secondarie di I e II grado con lo “spettacolo tra musica e immagini” “O.” d’amor, di musica e giustezza. Frutto del terzo anno di stage di Guardare la Musica, progetto che porta a Verona ragazzi provenienti da tutta Italia e che durante la scorsa edizione di Sottodiciotto ha proposto lo spettacolo D’Energia, è un’opera inedita che trae ispirazione dall’Orfeo di Monteverdi. Il viaggio nell’Ade di Orfeo, alla ricerca dell’amata Euridice, viene attualizzato grazie alla commistione della partitura appositamente creata con sequenze di immagini proiettate sullo schermo e con l’energia sprigionata da un’orchestra composta da 60 ragazzi di età compresa tra i 14 e i 17 anni. Al termine, un incontro-dibattito condotto dal Maestro Marco Papeschi.
 
SOTTODICIOTTO A PALAZZO NUOVO
Due gli appuntamenti ospitati dalla sede delle Materie Umanistiche dell’Università degli Studi di Torino. Giovedì 13 dicembre si svolge nell’Aula 39 di Palazzo Nuovo (I piano) l’incontro mattutino Hip hop: la differenza che viene dal basso, nel corso del quale il giornalista e critico musicale Paolo Ferrari, Rula MC (A.T.P.C.) e Alessandro Amaducci, videomaker e docente al Dams di Torino, dialogheranno con gli studenti delle Scuole Secondarie di II grado e ripercorreranno la forte attrazione che da sempre lega il mondo hip hop ai linguaggi audiovisivi.
Dal vedere al fare. La didattica del cinema alle scuole primarie, la presentazione pomeridiana del volume Spiegare il cinema ai bambini di Laura Galasco, Marina Oddenino e Francesca Paraboschi (Dino Audino Editore), ha invece luogo venerdì 14 dicembre presso il Laboratorio Multimediale Quazza. Oltre alle autrici, insegnanti della Direzione didattica di Vinovo, saranno presenti Angela Donna e Michele Marangi.
 
CONVEGNI E TAVOLE ROTONDE, LABORATORI DIDATTICI E INCONTRI, VISITE GUIDATE
Sottodiciotto non è solo cinema: anno dopo anno ha saputo offrire a dirigenti scolastici, insegnanti, operatori, studenti e genitori un ventaglio di momenti seminariali, laboratori didattici, visite propedeutiche e occasioni di approfondimento quanto mai articolato, ricco e stimolante. L’edizione 2007 si presenta, da questo punto di vista, assolutamente all’altezza della “tradizione” del Festival.
Giovedì 13 dicembre la Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino ospita il convegno Quale cultura per una nuova educazione?, organizzato dalla Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile – ITER della Città di Torino, al quale prendono parte il CIAS (Coordinamento Italiano Audiovisivi a Scuola) e la BIMED (Biennale delle arti e delle scienze del Mediterraneo). I giovani immaginano il loro futuro nel mondo del lavoro comprende invece una vetrina di cortometraggi e un incontro-dibattito, organizzati da Ce.Se.Di. – Assessorato Formazione Professionale e Istruzione della Provincia di Torino e da AIACE Torino, che si svolgeranno venerdì 14 dicembre al Cinema Massimo 1, coinvolgendo allievi delle Scuole Secondarie di II grado, insegnanti, formatori.
Studenti e insegnanti delle Scuole Secondarie di II grado di tutta Italia potranno inoltre frequentare il laboratorio pomeridiano Teenvision. I giovani si confrontano con le immagini dei coetanei – Le differenze, allestito da AIACE Torino e replicato lunedì 11, martedì 12, mercoledì 13 e giovedì 14 dicembre.
I Centri di Cultura per l’Infanzia e l’Adolescenza dell’Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile – ITERoffrono ai bambini delle Scuole dell’Infanzia e agli allievi delle Scuole Primarie e Secondarie di I e II grado provenienti da fuori Torino tre laboratori didattici che vengono replicati per quattro giornate, dal 10 al 12 dicembre e venerdì 14 dicembre. Laboratorio Immagine 2 offre una visita guidata ai bambini delle Scuole Primarie; Giornalista per un giorno impegnerà bambini e ragazzi delle classi quarte e quinte delle Scuole Primarie e delle Scuole Secondarie di I e II grado; gli Itinerari guidati per la conoscenza di Torino sono aperti alle Scuole Primarie e alle Scuole Secondarie di I e II grado.
Martedì 11, mercoledì 12 e giovedì 13 dicembre il Museo Nazionale del Cinema offrirà infine alle classi che partecipano alle proiezioni di Sottodiciotto 20 visite guidate per avvicinarsi ai segreti del cinema e delle sue origini.
 
CONCERTO A HIROSHIMA MON AMOUR
Hiroshima Mon Amour è a quota sette: ininterrottamente dal 2001 a oggi, Sottodiciotto in collaborazione con il Settore Politiche Giovanili della Città di Torino offre, il venerdì sera precedente all’inaugurazione del Festival, un concerto gratuito nel locale di Via Bossoli, dove si esibiscono artisti di rilievo del panorama musicale giovanile, conosciuti e apprezzati a livello nazionale. L’apertura della VIII edizione del Festival, venerdì 7 dicembre,sarà all’insegna dell’hip hop con il gruppo romano Colle Der Fomento, preceduto da tre gruppi finalisti dell’ultima edizione di Pagella (non solo) Rock, vetrina annuale aperta a band formate da ragazzi che non hanno ancora compiuto 22 anni: DDT, Blue Tangerine e Band, Hangin’ Tree.
 
 
Tutte le proposte del Festival sono a ingresso gratuito
e necessitano di prenotazione da parte delle scuole.
Per informazioni e prenotazioni:
Sottodiciotto Filmfestival c/o Aiace Torino, Galleria Subalpina 30, 10123 Torino
tel. 011538962 / 0115067525   aiacetorino@aiacetorino.it   
Il programma è consultabile sul sito http://www.aiacetorino.it
 

SOTTODICIOTTO FILMFESTIVAL

Aiace Torino


Città di Torino – Divisione Servizi Educativi e ITER

 


 


SOTTODICIOTTO FILMFESTIVAL


VIII  edizione


Torino, 7-15 dicembre 2007


Cinema Massimo, Cinema Centrale, Cinema Greenwich Village, Cinema Fratelli Marx


 


Concorso nazionale aperto alle produzioni realizzate dalle scuole


Concorso nazionale aperto alle produzioni realizzate dagli under 18 in ambito extrascolastico


 


Scadenza di presentazione dei film: 30 giugno 2007

 


Sottodiciotto Filmfestival, che nel 2006 ha riscosso un grande successo di pubblico (20.773 presenze), è la più importante kermesse nazionale dedicata alla produzione cinematografica dei bambini, dei ragazzi e dei giovani, sia per quanto riguarda le opere realizzate in ambito scolastico (che competono nelle tre sezioni del Concorso nazionale prodotti audiovisivi delle scuole), sia per quanto concerne le opere create in modo indipendente dai giovani under 18, i cineasti di domani (che competono nel Concorso nazionale prodotti Under18 extrascuola).


 


Anche quest'anno il concorso è aperto a produzioni audiovisive realizzate in ambito scolastico e a film girati autonomamente da ragazzi non ancora maggiorenni. Oltre ai premi ufficiali del Festival, verranno assegnati numerosi riconoscimenti: il Premio UNICEF e il Premio Fiera Internazionale del Libro, conferiti a tutte le sezioni del Concorso; la Targa CIAS, il Premio del pubblico Screensaver RaiTre, il Premio della rivista PM – Il Piccolo Missionario, assegnati a tutte le sezioni del Concorso nazionale delle scuole, la Targa Dams – Università degli Studi di Torino,  la Targa Città di Torino – Giovani per Torino e la Targa Consulta Provinciale degli Studenti di Torino che segnaleranno il miglior prodotto del Concorso under18 extrascuola.


 


Sottodiciotto Filmfestival, che si è qualificato nel giro di pochi anni  – a detta degli operatori del settore e non solo – come il più rappresentativo, ricco e articolato osservatorio sulla produzione cinematografica degli under 18, sta ricevendo apprezzamenti e attenzione anche a livello internazionale: l'International Film Festival for Children and Youth di Zlin (27 maggio – 2 giugno 2007), nella Repubblica Ceca – che, giunto alla 47° edizione, è la più importante manifestazione europea che propone "film per ragazzi" e una delle più prestigiose a livello mondiale  – ha invitato Sottodiciotto a gestire una giornata della kermesse, per illustrare le linee di programmazione e proporre una selezione dei prodotti in concorso; il Festival francese Recreacourt (Montreuil, 17 marzo – 14 aprile 2007), rivolto ai bambini dai 3 ai 12 anni, proietterà nella primavera 2007 alcuni film delle passate edizioni di Sottodiciotto, inseriti nell'ambito del loro Concorso; l'Istituto Italiano di Cultura di Caracas in Venezuela ha chiesto a Sottodiciotto di organizzare per l'estate 2007 alcune proiezioni in Venezuela, Messico e Argentina dei film vincitori dell'edizione 2006.


 


Il tema-guida dell'VIII edizione di Sottodiciotto sarà "differenze" e verrà declinato nelle sue molteplici sfaccettature – differenze sociali, culturali, religiose, di genere, di abilità, generazionali ecc. – con l'intento di ragionare a 360° su valori di stringente attualità, naturalmente a partire da un punto di vista e da un osservatorio ben preciso, il mondo giovanile.


 


Pronto ad accogliere e valorizzare le opere realizzate da cineasti in erba che non hanno nulla da invidiare per intelligenza, determinazione e senso dell'umorismo ai loro colleghi più sperimentati, il Festival offrirà, oltre al Concorso, anteprime, pellicole restaurate, programmi e proiezioni speciali, laboratori, seminari e accoglierà ospiti prestigiosi, col fine di ragionare a 360° su cosa vedono, vogliono, sognano e immaginano gli adulti di domani. Sottodiciotto, con l'originalità della propria formula e l'apertura a nuove fasce di pubblico normalmente trascurate, dà quindi voce a un cinema "giovane", fresco e aperto all'innovazione.  


 


Gli spettatori del Festival, nel corso delle sette edizioni, hanno potuto vedere in anteprima pellicole esclusive in grado di mettere d'accordo critica e pubblico: Billy Elliot, Essere e avere, Sognando Beckham, In America, Sinbad – La leggenda dei sette mari, L'Enfant, Happy Feet solo per citarne alcuni. Numerosi sono stati inoltre gli ospiti d'eccezione che hanno potuto dialogare con il pubblico nel corso degli appuntamenti della manifestazione: Marco Bellocchio, Gianni Amelio, il compianto Emanuele Luzzati, Bruno Bozzetto, la famiglia Comencini, Jean-Pierre e Luc Dardenne,  Nicolas Philibert, Francesca Archibugi, Olivier Assayas, Michel Khleifi, Inger Nilsson (l'irresistibile Pippi Calzelunghe), Pupi Avati, Garri Bardin, Jean-François Laguionie, Antonio Tabucchi… Senza dimenticare i programmi speciali, i seminari nazionali rivolti ai docenti, i laboratori didattici, gli incontri con gli autori dei film e, fulcro dell'iniziativa, il Concorso nazionale con oltre 200 lavori in gara. Durante il Festival numerosi studenti e insegnanti (complessivamente più di 10.000 nel 2006) s'incontrano a Torino per assistere alle proiezioni e per confrontarsi sui propri lavori, raggiungendo il capoluogo piemontese da ogni parte d'Italia (oltre un migliaio nella passata edizione) e trasformando in tal modo Sottodiciotto in una preziosa occasione d'incontro.


 


La partecipazione al Concorso è riservata a film e video terminati dopo il 15 settembre 2006. La data di scadenza entro la quale è possibile inviare il materiale è fissata al 30 giugno 2007. Il bando, il regolamento, la scheda d'iscrizione sono reperibili sul sito www.aiacetorino.it. La VIII edizione di Sottodiciotto Filmfestival si svolgerà da venerdì 7 a sabato 15 dicembre 2007.


 


Sostenuto da Regione Piemonte, Provincia di Torino, Città di Torino, con il patrocinio del Ministero della Pubblica Istruzione, Sottodiciotto Filmfestival nasce dall'intesa e dalla collaborazione tra Aiace Torino e Città di Torino – Divisione Servizi Educativi e ITER, con la collaborazione di ASIFA Italia, Biblioteche Civiche Torinesi, Centre Culturel Français de Turin, CIAS, Comitato Italiano per l'UNICEF, Dams – Università di Torino, Festival du Court Métrage Clermont-Ferrand, Fiera Internazionale del Libro, La Stampa – TorinoSette, PM – Il Piccolo Missionario, Museo Nazionale del Cinema.


 


Sottodiciotto Filmfestival c/o Aiace Torino, Galleria Subalpina 30, 10123 Torino


tel. 011.538962, e-mail aiacetorino@aiacetorino.it sito internet www.aiacetorino.it


 


Ufficio Stampa: Roberta Canevari (335.6585866), Ilaria Gai (338.9230234)

SOTTODICIOTTO FILMFESTIVAL

SOTTODICIOTTO FILMFESTIVAL – VIª EDIZIONE


Torino, 25 novembre – 3 dicembre 2005


 


Cinema Massimo, Cinema Centrale,


Cinema Fratelli Marx, Cinema Greenwich Village


 


Sottodiciotto Filmfestival cresce insieme al proprio pubblico, confermando la carica di energia, originalità e vitalità che gli ha reso possibile diventare in pochi anni un appuntamento apprezzato, atteso, tenuto in considerazione dagli appassionati di cinema di tutte le età, giovani e adulti. Organizzato da Aiace Torino e dalla Città di Torino – Divisione Servizi Educativi e diretto da Sara Cortellazzo e Adriana Bevione, il Festival è composto da due programmi distinti: il primo, rivolto all'intera cittadinanza, presenta anteprime esclusive, programmi speciali, retrospettive e personali, incontri con ospiti di rilievo, il Concorso nazionale prodotti Under18 extrascuola, selezioni di cortometraggi e film inediti, grandi classici che mettono d'accordo più generazioni di spettatori; il secondo, espressamente pensato per il mondo della scuola, ospita le tre sezioni del Concorso nazionale prodotti audiovisivi delle scuole, il Premio speciale prodotti dei Laboratori della Città di Torino, proiezioni a tema, laboratori didattici, seminari e convegni.


Entrambi i programmi sono potenziati rispetto alle precedenti edizioni: cresce il numero dei programmi speciali e dei film proiettati e per la prima volta il Festival ospita una retrospettiva, dedicata a un cineasta prestigioso come Stephen Frears. La kermesse sarà un appuntamento imperdibile per spettatori di ogni età (lo scorso anno si sono registrate 12.400 presenze complessive, 6.300 delle quali formate da studenti provenienti da tutta Italia), che convergeranno a Torino per confrontarsi, conoscersi, assistere alle proiezioni e visitare la città. La VIª edizione di Sottodiciotto Filmfestival avrà come filo conduttore il tema delle amicizie: esperienza fondamentale per la crescita e la formazione personale, legame tra i più profondi e duraturi, occasione di scambio e divertimento, momento di condivisione e solidarietà, stimolo a migliorarsi. Grazie a un palinsesto ricco e variegato, la manifestazione offrirà al proprio pubblico una panoramica sicuramente stimolante su uno dei grandi valori che accompagnano la storia di ogni individuo, in ogni fase della vita.


 


SOTTODICIOTTO FILMFESTIVAL PROMUOVE IN ITALIA IL PROGETTO


"UNA CINETECA PER BESLAN"


            Lo scorso anno, in occasione della Biennale di Venezia, la Fondazione Principe di Venezia Emanuele Filiberto assegnò un premio in denaro al Museo del Cinema di Mosca per sostenere l'istituzione in gravi difficoltà economiche. Il direttore del museo, Naum Klejman, decise di utilizzare quel premio per dar vita al progetto Una cineteca per Beslan, inaugurato nel marzo 2005, con la convinzione che il cinema possa essere uno straordinario strumento educativo e terapeutico e possa rompere l'isolamento culturale di una zona profondamente segnata dalla strage del settembre 2004 e dalla guerra: «Un'utopia? Forse. In molti dicono: cosa può fare un film a chi ha provato tanto dolore? Ma non è questo il punto. La domanda è che cosa può fare ognuno di noi. Io mi occupo di cinema e nella storia del cinema ci sono opere meravigliose che offrono messaggi di tolleranza e convivenza tra mondi diversi». Grazie all'impegno di Klejman la Cineteca di Beslan ha iniziato il proprio lavoro di raccolta di pellicole, per ora in lingua russa.


                Sottodiciotto ha deciso di raccogliere l'invito di Klejman a far scoprire un mondo diverso agli abitanti di Beslan attraverso film provenienti da altri Paesi e, in collaborazione con l'Unicef e grazie alla disponibilità delle maggiori cineteche italiane organizza una serata in occasione della quale verranno donati alla Cineteca di Beslan i seguenti film: Ladri di biciclette di Vittorio De Sica (Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale di Roma), Cercasi Gesù di Luigi Comencini (Cineteca di Bologna), Opopomoz di Enzo d'Alò (Cineteca Italiana di Milano), Una gita scolastica di Pupi Avati (Museo Nazionale del Cinema di Torino), La voce della luna di Federico Fellini (Cineteca Griffith di Genova) e Cenere di Febo Mari (Cineteca del Friuli), adatti a un pubblico intergenerazionale, che entreranno a far parte del suo patrimonio. Naum Klejman sarà ospite del Festival per raccontare la genesi del progetto e i suoi attuali sviluppi. All'incontro con Klejman, condotto da Gianni Volpi (storico e critico del cinema) e da Roberto Di Caro (inviato de L'Espresso), parteciperanno il Sindaco di Torino Sergio Chiamparino, Santina Vinciguerra (Assessore al Sistema Educativo e alle Politiche di Pari Opportunità, Città di Torino), Laura Pietra (Presidente Comitato Provinciale Unicef) e i direttori e conservatori delle Cineteche italiane che hanno aderito al progetto: Alberto Barbera, Sergio Toffetti, Luisa Comencini, Alba Gandolfo, Livio Jacob, Andrea Meneghelli.


L'evento si concluderà con la visione di alcuni film russi scelti dal direttore del Museo del Cinema di Mosca per la Cineteca di Beslan. Il programma di corti e mediometraggi presentato a Torino da Naum Klejman, costituito da assolute rarità ed estremamente variegato, offre l'opportunità di incontrare opere e registi di epoche e generi diversi: da Dvoe (In due, 1965) di Michail Bogin che, attraverso la freschezza del cosiddetto cinema del "disgelo" degli anni Sessanta, narra la storia d'amore tra un giovane studente di Conservatorio e una ragazza sordomuta, alle avventure di una piccola volpe nel lirico Skazka Skazok (Il racconto dei racconti, 1978) di Jurij Norštejn, uno dei più grandi registi d'animazione viventi. Vengono inoltre proposti Pa sifik231 (1931) di Michail Cechanovskij, poema sinfonico realizzato con tecniche d'animazione sperimentali, e due brevissimi documentari: il celebre Starše na desjat' minut (Più grande di dieci minuti, 1978) di Herz Frank, che registra per dieci minuti ininterrotti le emozioni più profonde di un bimbo che assiste a uno spettacolo di marionette, e il più recente Malen'kaja Katerina (La piccola Katerina, 2004) dell'esordiente Ivan Golovnev.


 


ANTEPRIME


JEAN-PIERRE DARDENNE E LUC DARDENNE PRESENTANO A SOTTODICIOTTO L'ENFANT,


PALMA D'ORO A CANNES 2005


Da sempre il Festival offre ampio spazio alle anteprime di film in uscita nel nostro Paese. Nelle scorse edizioni il pubblico di Sottodiciotto ha potuto vedere in esclusiva film che hanno messo d'accordo critica e pubblico: Billy Elliot, Sognando Beckham, Essere e avere, In America, Da quando Otar è partito…– solo per citarne alcuni.


Durante la presente edizione Sottodiciotto avrà l'onore di ospitare Jean-Pierre Dardenne e Luc Dardenne in occasione dell'anteprima di L'enfant (distribuito in Italia da BIM), l'ultima fatica cinematografica della coppia di registi e sceneggiatori, trionfatrice all'ultimo Festival di Cannes; grazie all'affresco dedicato a due giovani emarginati che si trovano loro malgrado ad avere un figlio, i fratelli belgi hanno ottenuto la seconda Palma d'Oro di una carriera sfolgorante. L'evento è organizzato in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema.


È prevista l'anteprima nazionale del nuovo film di Carlos Sorín – autore di Piccole storie e C'era una volta un re (La película del rey) – Bombón – El Perro (distribuito da Mikado Film), incentrato sull'amicizia che lega un cane a un uomo disoccupato e disilluso dalla vita. La pellicola è stata accolta con molto favore al Festival di San Sebastián nel 2004, dove si è aggiudicata il premio del pubblico.


Sarà infine possibile assistere in anteprima all'emozionante Le grand voyage di Ismaël Ferroukhi, distribuito da Istituto Luce, che racconta il pellegrinaggio fino alla Mecca che il giovane Reda, marocchino cresciuto in Francia, compie insieme al padre. La pellicola è stata premiata col premio Luigi De Laurentiis al Festival di Venezia nel 2004 e col premio per il miglior film e il miglior attore al Festival Internacional de Mar del Plata nel 2005.


 


TARGA CITTÀ DI TORINO – SOTTODICIOTTO FILMFESTIVAL A PUPI AVATI


Dal 2001 Sottodiciotto assegna ogni anno la Targa Città di Torino – Sottodiciotto Filmfestival a un cineasta che si sia particolarmente distinto per coerenza e sensibilità nel mettere in scena il mondo giovanile o per la capacità di creare mondi fantastici amati dagli adulti e dai giovanissimi.


Il Festival proietta in tale occasione una selezione di opere dell'autore, offrendo al pubblico la possibilità di dialogare con l'ospite e di conoscerne più approfonditamente il lavoro. Nelle passate edizioni, la Targa è stata assegnata a Giulio Gianini ed Emanuele Luzzati, Luigi Comencini, Francesca Archibugi, Bruno Bozzetto.


La Targa Città di Torino – Sottodiciotto Filmfestival viene assegnata nel 2005 a Pupi Avati. Oltre ad essere caratterizzato da un'indiscutibile attenzione rivolta al mondo giovanile e ai percorsi di crescita e formazione, il corpus delle opere del cineasta è fortemente attraversato dal leit motiv dell'amicizia, che torna con particolare rilevanza in numerosi film. Una selezione di pellicole firmate dal regista bolognese – incentrate sul tema delle amicizie o interpretate da giovani protagonisti – verrà proiettata nel corso del Festival, fra cui si segnalano Una gita scolastica (1983) – una copia del quale verrà donato dal Museo Nazionale del Cinema di Torino alla Cineteca di Beslan -, Noi tre (1984), Storia di ragazzi e di ragazze (1989), Bix (1991), Ma quando arrivano le ragazze? (2005). Pupi Avati sarà graditissimo ospite di Sottodiciotto e dialogherà con il pubblico in un incontro esclusivo.


 


RETROSPETTIVA STEPHEN FREARS


            Versatile, originale, difficilmente incasellabile, Stephen Frears è un regista cinematografico e televisivo di razza, in grado di conferire una specificità chiaramente riconoscibile a tutti i progetti di cui si occupa. Sottodiciotto e Museo Nazionale del Cinema di Torino organizzano una retrospettiva dedicata al cineasta inglese. Durante il Festival si proietteranno alcune sue opere dedicate all'universo giovanile come My Beautiful Laundrette, The Snapper, The Hi-Lo Country, Alta fedeltà,  Liam ecc.. La retrospettiva proseguirà al Cinema Massimo in appendice al Festival con le altre opere dirette dall'autore. In occasione della retrospettiva verrà pubblicata la prima monografia italiana dedicata al regista inglese, curata da Stefano Boni e Massimo Quaglia, con contributi, tra gli altri, di Emanuela Martini, Bruno Fornara, Gianni Volpi, Gianni Rondolino.


 


PERSONALE DI GARRI BARDIN, MAESTRO DEL CINEMA D'ANIMAZIONE RUSSO


            Di origini russe, il talentuoso Garri Bardin viene considerato a livello internazionale un maestro del cinema d'animazione e un geniale sperimentatore di tecniche e soluzioni visive. Amato e stimato in Francia come uno dei migliori nel proprio campo, in Italia è pressoché sconosciuto ed è stato finora possibile ammirare solo un paio di suoi cortometraggi in alcuni festival del nostro Paese. Sottodiciotto rende omaggio a Garri Bardin proiettando una esilarante trilogia dedicata alla scatenata tata immaginaria Čuča e un'ampia selezione di altri cortometraggi. Il sabato conclusivo del Festival ospiterà infatti un doppio appuntamento: il pomeriggio sarà dedicato al pubblico formato da bambini, ragazzi e dalle loro famiglie, mentre la sera presenterà opere realizzate con tecniche miste, in grado di affascinare anche gli spettatori adulti. Il regista sarà ospite del Festival in occasione della più ampia personale  dedicatagli finora da una kermesse italiana.


 


 


 

SOSTIENE TABUCCHI: INCONTRO CON LO SCRITTORE


            In occasione dello spettacolo teatrale Sostiene Pereira, tratto dall'omonimo romanzo di Antonio Tabucchi e presentato dal Teatro Stabile di Torino martedì 29 novembre alle 20.45 al Teatro Carignano, Sottodiciotto ospita il pomeriggio alle 18 la proiezione del film Sostiene Pereira (Italia/Francia/Portogallo 1995), diretto da Roberto Faenza e interpretato da Marcello Mastroianni – in una delle sue ultime interpretazioni, che gli valse quell'anno il David di Donatello -, Stefano Dionisi e Daniel Auteuil. Introdurrà la proiezione lo scrittore Antonio Tabucchi, gradito ospite del Festival in un incontro esclusivo.


 


I GRANDI CLASSICI.  MARATONA CHARLES DICKENS 


La giornata di domenica 27 novembre Sottodiciotto rende omaggio all'autore di decine di racconti e romanzi dedicati all'infanzia e all'adolescenza, Charles Dickens. Prolifico, fantasioso, vero e proprio monumento vivente prima e classico intramontabile della letteratura dell'Ottocento in seguito, Dickens ha creato capolavori senza tempo trasposti più e più volte sullo schermo fino al recente Oliver Twist di Roman Polanski. Nel festeggiare il quarantesimo anniversario della messa in onda sulla Rai del famoso sceneggiato tv David Copperfield di Anton Giulio Majano che incollò alle poltrone quindici milioni di spettatori, Sottodiciotto in collaborazione con la Fiera Internazionale del Libro di Torino ne ripropone alcune puntate e presenta celebri versioni cinematografiche di altre opere dickensiane, spaziando dagli anni Dieci con David Copperfield (1911) di Theodore Marston al musical Oliver! (1968) di Carol Reed, dalle inarrivabili trasposizioni di David Lean Le avventure di Oliver Twist (1948) e Grandi speranze (1946) al capolavoro del muto Oliver Twist (1922), interpretato da Lon Chaney e Jackie Coogan.


Sarà gradito ospite del Festival Roberto Chevalier, interprete di David Copperfield nello storico sceneggiato tv, all'epoca tredicenne e oggi doppiatore italiano di Tom Cruise, Tom Hanks, Dennis Quaid, Andy Garcia, John Travolta. Gli allievi dell'Istituto Europeo di Design di Torino hanno infine realizzato una serie di tavole d'illustrazione ispirate alle atmosfere e ai personaggi dickensiani; la mostra A spasso con Dickens sarà visitabile nei giorni del Festival.


 


"SOTTOSOPRA18" – QUANDO IL CINEMA NON AVEVA ANCORA 18 ANNI


ALICE E DAVID COPPERFIELD AL DI LÀ E AL DI QUA DELLO SPECCHIO


Venerdì 2 dicembre Mario Serenellini condurrà il programma SottoSopra18, nuova sezione dedicata a cineteche e musei che ci restituiscono "giovane" il cinema antico. Integra quest'anno le sezioni speciali su Charles Dickens e Gianni Rodari con un doppio evento, che rende omaggio ai trent'anni della Cineteca Griffith e a Maria Adriana Prolo, fondatrice del Museo Nazionale del Cinema, grazie alla proiezione di due film rarissimi tratti da classici per l'infanzia: Alice's Adventures in Wonderland (1910) di Edwin S. Porter e David Copperfield (1911) di Theodore Marston, prima trasposizione del capolavoro dickensiano, entrambi accompagnati al pianoforte dal Maestro Stefano Maccagno.


 


LO SCHERMO GIOVANE. GLI INEDITI DI SOTTODICIOTTO


Anche quest'anno Sottodiciotto offre al proprio pubblico la possibilità di vedere film mai distribuiti in Italia, raccolti in una sezione, notevolmente potenziata rispetto al passato. L'attenzione convergerà in particolare sulla produzione francese, senza trascurare però altre nazioni: sarà possibile ammirare in esclusiva una rosa di titoli di recente produzione, da Les fautes d'orthographe di Jean-Jacques Zilberman a La Petite Chartreuse di Jean-Pierre Denis, entrambi interpretati da Olivier Gourmet, attore feticcio dei fratelli Dardenne; dal toccante Les mots bleus di Alain Corneau – incentrato come La Petite Chartreuse sull'afasia che colpisce una bambina in seguito a un trauma – allo scanzonato Pee Stains and Other Disasters, coproduzione franco-statunitense diretta da Jon Carnoy; Sottodiciotto presenta inoltre Bombay Dreams, scritto e diretto dalla svedese Lena Koppel, vincitore nel 2004 del premio del pubblico al Festival Cinekid di Amsterdam.


Lunedì 28 novembre il Festival propone infine il documentario Arna's Children di Danniel Danniel e Juliano Mer Khamis, che affronta da una prospettiva inedita e ricca d'interesse la condizione dei bambini e dei ragazzi costretti a crescere quotidianamente a contatto con la guerra e la violenza. La proiezione, presentata e commentata da Maria Nadotti, precederà il programma speciale Una cineteca per Beslan.


 


UNO SCRITTORE PER AMICO: GIANNI RODARI


A venticinque anni dalla scomparsa, il Festival ricorda l'irresistibile Gianni Rodari, autore i cui libri per l'infanzia pieni di verve e fantasia sono stati amati e tradotti in numerosi Paesi, con un seminario di respiro nazionale che si terrà sabato 3 dicembre dal titolo La torta azzurra e la freccia in cielo: sulle tracce di Gianni Rodari. Viaggio nella grammatica della fantasia (organizzato dalla Istituzione comunale ITER della Città di Torino in collaborazione con CIAS – Coordinamento Italiano Audiovisivi a Scuola). Il seminario che vede come ospite d'onore Maria Teresa Rodari, sarà introdotto da Santina Vinciguerra (Assessore al Sistema Educativo e alle Politiche di Pari Opportunità-Città di Torino). Adriana Bevione coordinerà gli interventi di Antonio Erbetta (Professore ordinario di Storia dell'Educazione Europea-Università di Torino), Mauro Caldera (Direttore del Parco della Fantasia Gianni Rodari di Omegna), Umberto Marino (sceneggiatore e regista), Mario Serenellini (giornalista), Elena Pasetti (Presidente CIAS). L'evento è corredato dalla proiezione, riservata agli alunni delle Scuole dell'Infanzia ed Elementari, di due pellicole tratte dai libri di Rodari: La freccia azzurra di Enzo d'Alò e La torta in cielo di Lino Del Fra.


 


EVERGREEN: PELLICOLE INTRAMONTABILI


È tradizione del Festival proporre al proprio pubblico la visione in esclusiva di pellicole rare, classici intramontabili di difficile reperibilità che provengono dalle più rinomate cineteche mondiali; nelle precedenti edizioni sono stati offerti capolavori firmati da Sam Peckinpah, Peter Bogdanovich, Yves Robert, Bruno Bozzetto, Fred Niblo e molti altri. Quest'anno Sottodiciotto offre un carnet particolarmente ricco: la strabiliante, unica regia cinematografica del grande attore Charles Laughton, il cult La morte corre sul fiume (The Night of the Hunter) di cui ricorre nel 2005 il cinquantenario; Harold e Maude (Harold and Maude, 1971), splendido ritratto di un'amicizia al di là di qualunque convenzione diretto da un Hal Ashby in stato di grazia; le due inarrivabili trasposizioni per lo schermo che David Lean trasse dai romanzi dickensiani Grandi speranze (Great Expectations, 1946) e Le avventure di Oliver Twist (Oliver Twist, 1948); lo storico musical Hair (id., 1979) di Milos Forman e il generazionale Stand By Me – Ricordo di un'estate (Stand By Me, 1986) di Rob Reiner; non mancano inoltre classici del muto quali Alice's Adventures in Wonderland (1910), David Copperfield (1911) e Oliver Twist (1922) e una scoppiettante selezione di cartoons degli anni Trenta e Quaranta che precedono la proiezione di Animal Farm (1954), primo lungometraggio d'animazione prodotto in Gran Bretagna interamente in Technicolor, tratto da La fattoria degli animali di George Orwell, pubblicato esattamente sessant'anni fa.


 


PROGRAMMA SPECIALE CARTOON ALLA RISCOSSA


CLASSICI IN CORTO DELLA CINETECA DEL FRIULI


I CORTI DEL FESTIVAL DI CLERMONT-FERRAND


ANIMAL FARM: GEORGE ORWELL 60 ANNI DOPO – IL GRANDE PORCELLO


Alcuni programmi proposti da Sottodiciotto invitano genitori e figli ad assistere insieme alle proiezioni, scoprendo o riscoprendo capolavori intramontabili in grado di affascinare più generazioni di spettatori.


Il primo programma prevede un'ampia selezione di cortometraggi d'animazione realizzati negli anni Trenta: classici ricchi di verve, umorismo, azione e colore che hanno mantenuto immutato il loro fascino nonostante il trascorrere degli anni. In collaborazione con la Cineteca del Friuli, una panoramica doc da Ub Iwerks a Tex Avery, da Frank Tashlin a Chuck Jones.


Il secondo programma, I corti del Festival di Clermont-Ferrand, rinsalda una prestigiosa collaborazione con il Festival di Clermont-Ferrand, la più importante kermesse di cortometraggi a livello mondiale. Gli spettatori di Sottodiciotto avranno il privilegio di assaporare in esclusiva una selezione ad hoc di splendidi corti inediti in Italia.


Nel sessantesimo anniversario della pubblicazione de La fattoria degli animali di George Orwell, il programma Animal Farm: George Orwell 60 anni dopo propone in una proiezione esclusiva il classico d'animazione Animal Farm (1954), che vanta diversi primati nella storia dell'animazione inglese: è il primo lungometraggio animato, il primo in Technicolor, il primo espressamente rivolto anche a un pubblico adulto. Diretto da Joy Batchelor e John Halas, marito e moglie che spesso diressero film insieme, è un film imperdibile e di difficile reperibilità.


 


ONE LOVE: OMAGGIO A BOB MARLEY


La musica riveste un'enorme importanza nella vita dei giovani, nel creare tra loro un senso di identità e appartenenza ma anche schieramenti tra diverse "tribù"; gli adolescenti in particolare trovano in essa un veicolo ideale per esprimere desideri, sogni e aspirazioni, per affermare la propria voglia di crescere. Sottodiciotto desidera valorizzare il profondo legame che i giovani intrattengono con la musica che amano. Nell'anno in cui si celebra in tutto il mondo il sessantesimo anniversario della nascita di Bob Marley, avvenuta in Giamaica nel febbraio 1945, il programma sarà dedicato al reggae, genere musicale che da sempre invita alla fratellanza tra le persone e al rispetto delle reciproche differenze. Tra i titoli si segnalano classici quali The Harder They Come di Perry Henzell (1972), il più celebre reggae movie della storia, Roots Rock Reggae (1977) di Jeremy Marre e Rockers (1979) di Theodoros Bafaloukos.


Ospiti della serata, nel corso della quale verranno inoltre proiettate schegge tratte da documenti rari e inediti come il One Love Peace Concert, registrazione del concerto che Marley tenne nel 1978 in una Kingston sull'orlo della guerra civile, saranno Bunna degli Africa Unite, gruppo storico del reggae italiano, il produttore musicale e chitarrista dei Subsonica Max Casacci e Alioscia Bisceglia dei Casino Royale che, a partire da basi reggae, sviluppa una ricerca sulle tendenze più attuali della musica elettronica. Condurrà l'incontro il critico musicale Paolo Ferrari.


Oltre a proporre come di consueto la proiezione di filmati, rarità, pellicole cult e l'incontro con ospiti di prestigio, si propone nel 2005 anche un appuntamento ad hoc studiato per le Scuole Medie Superiori, che si terrà presso l'Università degli Studi di Torino durante la mattinata di mercoledì 30 novembre. Il cinema racconta il reggae: Bob Marley e gli altri permetterà il coinvolgimento di una nuova fascia di pubblico.


 


PREMIO DEL PUBBLICO SOTTODICIOTTO FILMFESTIVAL-LA STAMPA TORINOSETTE


A LE CHIAVI DI CASA


            Sottodiciotto, con La Stampa-TorinoSette, ha istituito nel 2003 il Premio del pubblico Sottodiciotto Filmfestival – La Stampa TorinoSette al miglior film italiano della stagione con protagonisti giovani e ragazzi. L'iniziativa riscuote notevole successo: i lettori de La Stampa – TorinoSette vengono invitati a segnalare il film italiano con protagonisti giovani e ragazzi che nella passata stagione li ha più colpiti; il film vincitore viene riproposto durante il Festival nel corso di una proiezione speciale in occasione della quale avviene la consegna della Targa. Un alto numero di votanti di tutte le età ha decretato per quest'anno come pellicola vincitrice Le chiavi di casa di Gianni Amelio.


CONCERTO DI APERTURA


Per il quinto anno consecutivo, Sottodiciotto offre un concerto gratuito a Hiroshima Mon Amour, dove si esibiscono artisti di rilievo del panorama musicale giovanile, conosciuti e apprezzati a livello nazionale e internazionale. Grazie al sostegno del Settore Politiche Giovanili della Città di Torino, nel 2005 sarà la volta di Tonino Carotone & Arpioni: musica originale e divertimento saranno assicurati dall'incontro, più che mai fecondo e affiatato, tra i pionieri bergamaschi dello ska italiano e il musicista spagnolo che reinventa ska, rocksteady, calypso e salsa, famosissimo in Italia da quando nell'estate 2000 conquistò le vette delle classifiche con il tormentone È un mondo difficile.


Per il quarto anno Sottodiciotto, sempre in collaborazione con il Settore Politiche Giovanili della Città di Torino, offre la possibilità di salire sul palco per esibirsi "in piena regola" a tre gruppi dell'ultima edizione di Pagella non solo Rock, vetrina annuale aperta a band formate da ragazzi che non hanno ancora compiuto 22 anni. Nelle precedenti edizioni l'iniziativa ha riscosso un enorme successo e una viva adesione da parte del pubblico. Le tre giovani band che suoneranno per Sottodiciotto sono Noise of Silence, Kill Joy, Windstorm.

PROGRAMMA PER LE SCUOLE


INCONTRI CON I GIOVANI REGISTI DEL CONCORSO SCUOLE


Un'importante novità riguarda quest'anno il programma dedicato alle scuole: desiderando che i giovani e giovanissimi autori siano ancora di più i protagonisti della kermesse, si è deciso di prevedere un momento di confronto, immediatamente successivo alla proiezione dei film in concorso, in cui i registi in erba possano dialogare presso le sale del Cinema Massimo, sede storica del Festival, e del Cinema Greenwich Village: i ragazzi potranno così confrontare le esperienze, incontrarsi, discutere, interagire e rapportarsi all'interno di uno spazio esclusivo e appositamente allestito.


 


CINELETTURE


OSPITI DANIELE GAGLIANONE, GIANFRANCO BETTIN ED ENZA NEGRONI


            Vista l'ottima accoglienza ottenuta, viene riproposta per il secondo anno l'iniziativa Cineletture, consistente in una serie di laboratori di lettura curati dalle Biblioteche Civiche Torinesi e rivolti agli studenti delle Scuole Medie Superiori, seguiti da proiezioni e incontri con registi e scrittori allestiti insieme alla Fiera Internazionale del Libro.


                Quest'anno gli ospiti saranno Daniele Gaglianone e Gianfranco Bettin, che incontreranno gli studenti in occasione della proiezione mattutina di Nemmeno il destino tratto dall'omonimo romanzo di Bettin, ed Enza Negroni, regista di Jack Frusciante è uscito dal gruppo, tratto dall'omonimo romanzo di Enrico Brizzi. Il critico e scrittore Mirko Romano affiancherà la cineasta nella conduzione dell'incontro.


 


CINEMA CENTRALE


Fin dal primo anno, presso il Cinema Centrale si svolgono una serie di proiezioni mattutine e pomeridiane, affiancate da incontri e dibattiti, appositamente studiati per interessare gli studenti di ogni fascia d'età che assistono alla proiezione su grande schermo e vengono invitati a discutere e confrontarsi sul tema del film in compagnia di ospiti di rilievo. Tema portante dell'edizione 2005 sarà le amicizie.


                Il programma Amicizie adolescenziali e giovanili sullo schermo prevede per gli studenti delle Superiori la visione di Hair di Milos Forman, riedizione dello storico musical dedicato alla controcultura hippie e a un ideale di solidarietà universale; gli allievi delle Medie Inferiori seguiranno invece il viaggio iniziatico dei quattro giovani protagonisti di Stand By Me di Rob Reiner, tratto da un popolare racconto di Stephen King. Per gli alunni delle Scuole dell'Infanzia ed Elementari il programma Uno scrittore per amico: Gianni Rodari propone La freccia azzurra e La torta in cielo, tratti da famosissimi libri dello scrittore.


 


LABORATORI DIDATTICI, SEMINARI, SPAZI ESPOSITIVI E VISITE GUIDATE


            Come ogni anno, Sottodiciotto riserva grande cura e attenzione all'allestimento di alcuni seminari rivolti a dirigenti scolastici, insegnanti, operatori, studenti e genitori, uno dei quali (dal titolo La torta azzurra e la freccia in cielo: sulle tracce di Gianni Rodari. Viaggio nella grammatica della fantasia, organizzato dalla Istituzione comunale ITER della Città di Torino in collaborazione con CIAS – Coordinamento Italiano Audiovisivi a Scuola) sarà quest'anno dedicato a Rodari.


                Gli altri seminari e i laboratori didattici si incaricheranno invece di esplorare da molteplici punti di vista, e sempre in modo stimolante, la tematica delle amicizie, fil rouge della VI edizione della manifestazione. Venerdì 2 dicembre avrà luogo l'assemblea-dibattito Amicizia e mafia. È l'intenzione che fa la differenza, realizzata in collaborazione con il Settore Politiche Giovanili della Città di Torino e Libera Associazioni, Nomi e Numeri contro le Mafie (che vedrà la partecipazione, tra gli altri, di Giovanni Impastato, fratello di Peppino Impastato, fondatore di Radio Aut ucciso per mano mafiosa nel 1978 a Cinisi), mentre lunedì 28 novembre il Cinema Fratelli Marx ospiterà il seminario Siamo amici? Amicizia, affettività e complicità. Litigio, conflitto e bullismo, organizzato dalla Istituzione comunale ITER della Città di Torino in collaborazione con il Settore Pari Opportunità e Politiche di Genere della Città di Torino.


I laboratori didattici, della durata di tre ore ciascuno, verranno allestiti nel corso di quattro pomeriggi – lunedì 28, martedì 29, mercoledì 30 novembre e giovedì 1 dicembre – dal Laboratorio Immagine 2 (Mi fai amico?), dal Centro di Cultura per la Comunicazione e i Media di via Millelire (Animiamo l'amicizia), dal Centro di Cultura per la Comunicazione e i Media di via Modena (Primo piano: Amicizia) e dal Settore Politiche Giovanili della Città di Torino in collaborazione con Acmos e Aiace Torino (Le forme e i luoghi delle amicizie giovanili). Negli stessi giorni per gli alunni delle Scuole Elementari e gli studenti delle Medie Inferiori sarà inoltre possibile, su prenotazione, visitare due spazi espositivi della Città di Torino. Il primo è la mostra Un viaggio insieme, ospitata da ITER – Istituzione Torinese per un'Educazione Responsabile – Centro per l'Educazione e all'Identità e le Culture, che consente un viaggio alla scoperta della propria identità e di altre culture. Il secondo è il Centro per la Cultura Ludica, museo/centro di formazione e documentazione dedicato al gioco nelle sue infinite varianti. Martedì 29, mercoledì 30 novembre e giovedì 1 dicembre il Museo Nazionale del Cinema offre alle classi che partecipano alle proiezioni di Sottodiciotto 10 visite guidate per avvicinarsi ai segreti del cinema e delle sue origini. È possibile scegliere tra due percorsi, adatti alle classi di ogni ordine e grado: L'archeologia del cinema, incentrato sulla storia degli spettacoli ottici e delle innovazioni che precedettero l'invenzione del cinema; La macchina del cinema, che illustra attraverso documenti, oggetti, bozzetti e costumi le diverse fasi di produzione e realizzazione di un film.



 


 


Sottodiciotto Filmfestival 2005

 


Regione Piemonte


Provincia di Torino


Città di Torino


 


con il patrocinio di


Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca


Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca – Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte


 Comitato Italiano per l'UNICEF – Fondo delle Nazioni Unite per l'Infanzia


Co.Re.Com. Piemonte


 


con il contributo di


Compagnia di San Paolo


Fondazione CRT – Cassa di Risparmio di Torino


 


con la collaborazione di


Ambasciata d'Italia a Mosca


ASIFA Italia


Associazione Acmos


Biblioteche Civiche Torinesi


BIM Distribuzione


Centre Culturel Français de Turin


CIAS


Cineteca del Friuli


Cineteca di Bologna


Cineteca Griffith


Cineteca Italiana di Milano


Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale


Centro Sperimentale di Cinematografia – Dipartimento Animazione di Chieri


Dams – Facoltà di Scienze della Formazione – Università degli Studi di Torino


Festival du Court Métrage Clermont-Ferrand


Fiera Internazionale del Libro Torino


IIC – Istituto Italiano di Cultura di Mosca


Istituto Europeo di Design


Istituto Luce


La Stampa – TorinoSette


Libera Associazioni, Nomi e Numeri contro le Mafie


Mikado Film


Musei Kino di Mosca


Museo Nazionale del Cinema


Ragazzi del 2006


Screensaver – RaiTre


 


media partner


RaiSat Ragazzi


 


sotto l'egida del


Torino Film Festival


 


Organizzatori


 


Aiace Torino


 


Città di Torino


Divisione Servizi Educativi


 


Sottodiciotto Filmfestival

c/o Aiace Torino   Galleria Subalpina 30   10123 Torino


tel. 011538962/0115067525   fax 011542691


e-mail: aiacetorino@iol.it   http://www.aiacetorino.it


 


Ufficio stampa


Roberta Canevari (tel. 3356585866, canevari@libero.it), Ilaria Gai (tel. 3389230234)