We Have a Dream, di Pascal Plisson

Il regista francese prosegue il suo viaggio esplorativo, alla ricerca di un futuro migliore attraverso l’istruzione. Ne esce un ritratto anche autentico ma privo di drammatizzazione.

--------------------------------------------------------------
MASTERCLASS DI REGIA ONLINE CON MIMMO CALOPRESTI DAL 5 MARZO

--------------------------------------------------------------

Pascal Plisson, regista del premiato Vado a scuola nel 2013, dove 4 ragazzini dai 4 angoli del mondo dovevano affrontare un lungo cammino per raggiungere le loro scuole, s’impegna, nel suo ultimo documentario We Have a Dream, a sfidare gli stereotipi, illustrando come la convivenza con una disabilità non sia un ostacolo alla realizzazione dei sogni più ambiziosi. Il regista francese continua il suo viaggio di iniziazione intriso di sogni, speranze e aspirazioni, e il comune denominatore con la sua opera d’esordio è certamente la speranza di raggiungere un futuro migliore attraverso l’istruzione. Il film arriva al cinema in occasione della Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità.

--------------------------------------------------------------
40% DI SCONTO, IL 29 FEBBRAIO! UN’OFFERTA CHE ARRIVA SOLO OGNI 4 ANNI! COGLIETE L’ATTIMO.

--------------------------------------------------------------

We Have a Dream è la storia di sei bambini: Maud (Francia), Charles (Kenya), Nirmala e Khendo (Nepal), Xavier (Ruanda) e Antonio (Brasile). Ognuno di loro è determinato a realizzare i propri sogni, superando le sfide delle proprie disabilità e mostrando una forza paragonabile a quella del fisico Stephen Hawking in The Theory of Everything combinata alla pura innocenza di Auggie in Wonder. Pascal Plisson, realizza un documentario che naviga tra un realismo empatico e una struttura narrativa tipica dei romanzi di formazione. Tuttavia, la sincerità del suo sguardo si scontra con un metodo ripetitivo, e un insistente desiderio di integrare ‘il diverso’ nel conformismo.

La volontà di Plisson di catturare l’energia che aiuta i bambini a superare le loro sfide e costruire una vita ‘normale’ è evidente, ma la presentazione rapida dei bambini limita la possibilità di conoscerli a fondo. Pur evitando intenzionalmente un tono melodrammatico e con la volontà di realizzare un film che desse speranza, la messinscena di We Have a Dream risulta paradossalmente autentica e contemporaneamente troppo ‘sceneggiata’, dando l’impressione di essere artificiosa. Plisson sembra concentrarsi esclusivamente sugli aspetti positivi, evitando di mostrare il dolore e, in tal modo, senza alcun elemento di drammatizzazione, rischia di distaccarsi dalla realtà.

Sostenuto da Handicap International, questo documentario rimane, nonostante tutto, uno strumento utile per aprire ai bambini la questione delle differenze, e invita a riflettere sulla forza dei legami e sul loro effetto sulla capacità individuale di esplorare nuove possibilità.

 

Titolo originale: id.
Regia: Pascal Plisson

Interpreti: Maud (Francia), Charles (Kenya), Nirmala e Khendo (Nepal), Xavier (Ruanda) e Antonio (Brasile)
Distribuzione: Academy Two
Durata: 93′
Origine: Francia, 2023

La valutazione del film di Sentieri Selvaggi
2.5
Sending
Il voto dei lettori
1 (1 voto)
----------------------------
CORSO DI SCENEGGIATURA CON FRANCO FERRINI, DAL 12 MARZO!

----------------------------

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SENTIERI SELVAGGI

    Le news, le recensioni, i corsi di cinema, la riviste, i libri, gli eventi e tutte le nostre iniziative