I Film della Critica del SNCCI nella ‘Fase 2’

Con la riapertura delle sale cinematografiche, tornano anche i Film della Critica, cioè le opere cinematografiche distribuite in Italia segnalate dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani. Ecco gli ultimi titoli scelti dal SNCCI tra quelli distribuiti prima e dopo il lockdown, tra cui l’opera di Ascanio Petrini in uscita oggi, 25 giugno.

Tony Driver di Ascanio Petrini

--------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------
Motivazione:
Nel raccontare la paradossale vicenda di Pasquale Donatone, detto Tony, nato a Bari, cresciuto negli Usa e “rimpatriato” in Italia (ormai terra straniera) per un’illecita attività di “passeur” sul confine messicano, Ascanio Petrini abbatte il concetto di frontiera in termini sia geografici, che politici e linguistici. Film sull’assurdità dei muri e dei ban, Tony Driver reinventa lo spazio secondo nuove e inedite coordinate e azzarda uno spericolato incrocio di generi, aggiornando il mito della frontiera come meta da riconquistare.

---------------------------------------------------------------------
APERTE LE ISCRIZIONI PER UNICINEMA E SCUOLA DI CINEMA

---------------------------------------------------------------------

Favolacce dei Fratelli D’Innocenzo
Motivazione:
Per aver raccontato, con toni tesi e teneri allo stesso tempo, una fiaba nera in cui la realtà trasognata dell’infanzia e la disperazione annichilita dell’età adulta si intrecciano e si invertono. Lo stile tagliente e la scrittura profonda del film offrono uno spaccato di contemporaneità universale, che ha risonanze lontane e allude a un mondo attuale in cui ogni certezza appare pronta a eclatanti sovversioni.

L’hotel degli amori smarriti di Christophe Honoré
Motivazione:
Una commedia sentimentale irresistibile e ironica, piena di spunti narrativi audaci, che si offre anche come una candida riflessione esistenziale.
Trasportato dalla superba energia di Chiara Mastroianni, Christophe Honoré intreccia melodramma e favola fantastica sognando orizzonti sentimentali ed erotici tutti da sperimentare. Un film libero e fluido, fusione perfetta fra Truffaut e Jacques Demy.

--------------------------------------------------------------------
I NUOVI CORSI ONLINE LIVE DI CINEMA DI SENTIERI SELVAGGI

-----------------------------------------------------

Memorie di un assassino – Memories of Murder di Bong Joon-ho
Motivazione:
Alla sua opera seconda, Bong Joon-ho già dimostrava, nel 2003, una completa padronanza del mezzo cinematografico e la sua straordinaria abilità di narratore, raccontando un celebre fatto di cronaca coreano attraverso la mescolanza dei registri, dei generi, dei punti di vista e dei piani temporali.
Un grande talento sbocciato già allora e via via confermato fino al suo ultimo, recente Parasite, sull’onda del quale finalmente si è pensato di distribuire in Italia anche questo eccellente film.

Il lago delle oche selvatiche di Diao Yinan
Motivazione:
Diao Yinan porta una prospettiva poetica e un’estetica affascinante in un noir dalle esplosioni di efferata violenza, che diventa anche l’occasione per una riflessione sulla modernità cinese. Una sarabanda del caos, dove a dominare è il senso di impotenza e di morte: il regista si riappropria del “genere”, senza per questo smarrire il contatto con la realtà.

Alice e il sindaco di Nicolas Pariser
Motivazione:
Una riflessione contemporanea, lucidissima e spietata, sul rapporto fra la politica e le idee. Cosa sono le idee? Che ruolo hanno oggi gli intellettuali? E come può la politica fronteggiare il senso d’impotenza di fronte alla complessità del mondo?
Nel rapporto fra una giovane filosofa e un vecchio lupo della politica, immaginario sindaco socialista di Lione, Nicolas Pariser trova le parole per decifrare il presente e ipotizzare una possibile soluzione per il futuro.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *